Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Er buffone parlante e l'altro capellone

C'era 'na vorta, quarche tempo addietro,
n'anziano comico ch'ha fatto li mijardi.
Nun sto' a parlà de quer pupazzo sfatto
che mo' s'aggira con lo sguardo tetro
e cià ridotto come don Falcuccio.

Me riferisco invece all'artro ciuccio,
er comico fallito de Bibbona.
Che a corto de battute origginali
(lui quelle bbone le fregava all'artri)
dovennose comprà nà villa a Bali,
jè venne 'na penzata un po' cojona.

Se disse a un certo punto, "sai che c'è?
visto che faccio piagne come artista,
ma ciò l'impostazione dell'attore,
quasi quasi me butto nella mischia.
hai visto mai, ne sorto dittatore?
Sì c'è riuscito quell'artro mestatore,
cosa me manca pè cojonalli anch'io?

Pè l'italiani sarebbe un privileggio
de fasse carpestà dar genio mio,
come me dice sempre Casaleggio,
che più che il mio impresario è proprio dio.

Dù vaffanculo detti un po' a mestiere,
er turpiloquio che in genere fa ride,
e pijo er posto der Mastro puttaniere,
che m'ha vangato l'orto pè divide."

Er nazzismo, pe sto guru da strapazzo,
si je fa gioco nè la situazione,
tra un ghigno, dù pernacchie e qualche lazzo,
se merita 'na quarche prescrizione.

La mafia? ma per l'amor del cielo, nun esiste!
E si sia mai che ha ucciso quarche rosso,
allora è benemerita, visto che sò la peste,
Per l'evasione? Aò, faccio quer che posso...

"Sò tutti ladri, è tutto un magna magna
sfasciamo tutto che nun c'è speranza"
dar sacro blogghe er comico se lagna.
E clicca clicca, ce se riempie la panza.

Tag(s) : #SATIRA UMORISMO COLTO

Condividi post

Repost 0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti: