Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

 

 

Per come l’abbiamo conosciuto, ora con l’ultima uscita di Grillo e Casaleggio, possiamo dire che il movimento ha iniziato la sua caduta scrivendo le peggiori pagine di una storia che aveva dato risultaiti elettorali intorno al 25 %.

Troppi sono i segnali di questa debacle amministrativa, politica e mediatica.

Esaminiamo per prima il voto sulle unioni civili.

"Non si fa ricorso a un'ulteriore votazione online perché su un tema etico di questa portata i portavoce M5s a Palazzo Madama possono comunque, in base ai dettami della loro coscienza, votare in maniera difforme dal gruppo qualunque sia il risultato delle votazioni"

Un messaggio improvviso dal solito blog di Grillo. Un messaggio privo di democrazia diretta (tanto decantata ) dato che ai militanti ed iscritti non è stato permesso di esprimersi prima in merito.

Qualcuno ha giustificato dicendo : "mossa per tenersi vicino l'elettorato di centro destra", altri: "è una mossa per far cadere il governo attraverso il voto segreto". Mossa certamente sbagliata che, viste le reazioni, può essere sicuramente considerata una mazzata in tema di consenso politico, svelando il mistero di Grillo e Casaleggio che dimostra ancora una volta il fatto che la democrazia diretta era solo una trovata mediatica.

 

Bagheria e abusivismo del sindaco 5 Stelle

 

Dopo Rosa Capuozzo, e l'abusivismo del suo attico dove attualmente è indagato il marito, arriva Bagheria e il sindaco 5 Stelle Patrizio Cinque. Un servizio televisivo delle solite Iene , ha raccontato delle costruzioni abusive in villa Serra di Falco, una villa del '700, e della presenza di mafiosi in quella villa del calibro di Bernardo Provenzano, che ha gestito la sua latitanza proprio in quelle ville e coglieva gli asparagi nel parco. In questa parco monumentale ci sarebbe anche la villa del sindaco 5 Stelle Patrizio Cinque, ed è alta quattro piani. "E' stata condonata", comunica il sindaco pentastellato dimostrando che la lotta al condono edilizio è tutta una farsa.

Anche la casa in un’area agricola dell'assessore Tripoli , è stata trasformata da fienile a villa di campagna nel luglio 2014, quando Tripoli era diventato assessore da due mesi.

 

A Napoli 36 persone sono state sospese dal Movimento con questa email:

«Le scriviamo in nome e per conto di Beppe Grillo con riguardo ad alcune segnalazioni che ci sono pervenute. Ci risulta che Lei ha partecipato al un gruppo segreto "Napoli libera", realizzato allo scopo di manipolare il libero confronto per la formazione del metodo di scelta del candidato sindaco e della lista per le elezioni amministrative che avranno luogo a Napoli nel 2016. Questo comportamento è contrario ai principi del Non Statuto, che vieta categoricamente qualsiasi organizzazione intermedia, comunque realizzata e denominata, che falsi l'efficiente ed efficace scambio di opinioni e libero confronto democratico. Per questo motivo viene sospeso con effetto immediato dal MoVimento 5 Stelle".

 

Ben 36 persone vengono dunque sospese (espulse di fatto) dal movimento per il solo fatto di aver discusso su un gruppo Facebook dei criteri della selezione dei candidati. Mistificazione della verità. Evidentemente la “sospensione” è un pretesto per non candidare chi non si allinea.

 

Democrazia diretta, onestà, bugie e abusivismi edilizi, silenzi imbarazzanti sul voto della camorra, sono solo un ricordo che affossa la "supremazia morale" dei 5 Stelle. E infine la democrazia dell'uno vale uno è andata a farsi friggere . Stiamo assistendo alla fine del M5S, per come l'abbiamo conosciuto.

Tag(s) : #POLITICA

Condividi post

Repost 0