Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

L’Italia che vorrei assomiglia alla Germania di oggi dove chi sbaglia paga veramente.

L'imprenditore Thomas Middelhoff è stato condannato a 3 anni di carcere per evasione fiscale ed è finito davvero in cella.

In Italia l’imprenditore Thomas Middelhoff non sarebbe condannato subito a 3 anni di carcere per evasione fiscale ed è stato arrestato in aula . E’ uno sfigato il manager tedesco Thomas Middelhoff ora in cella, da noi sarebbero passati anni per la condanna definitiva e magari tra una prescrizione e l’altra se la sarebbe cavata , nella peggiore delle ipotesi con gli arresti domiciliari. E invece no, deve stare nella prigione di Bielefel per evasione fiscale e malversazione e non a giocare a scopa col quartetto uretra di Malvaldi.

Fino a poco tempo fa Middelhoff era uno dei vip dell’economia tedesca, un manager destinato a volare molto in alto, e volava veramente vista la spesa di 1,1 milioni di Euro per i 48 voli in aerei privati ( voli a scopi personali, ma pagati dagli azionisti di società di cui era vip.

La custodia cautelare per Middelhoff è durata cinque mesi . I suoi avvocati hanno fatto ricorso, ma l’appello è stato bocciato . I gradi di giudizio in Germania sono al massimo due e Middelhoff non poteva contare sulla prescrizione ( a differenza del nostro Paese, in Germania il tempo per la prescrizione cessa di decorrere quando inizia il processo o con il decreto di rinvio a giudizio ) .

Il grande errore di Middelhoff è stato forse quello di fare ricorso. Il fatto ricorda il presidente del Bayern Monaco, condannato a tre anni e mezzo per un evasione fiscale di 27 milioni di euro , rinunciò al ricorso e ammettendo la sua colpa venne considerato un pentito e fu rilasciato in libertà dopo aver passato solo 673 giorni in prigione, metà della sua pena.

Dio perdona, i tedeschi no.

Tag(s) : #Giustizia

Condividi post

Repost 0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti: