Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Unioni civili, il giorno della fiducia (la 22.ma) alla Camera

Non mi pare proprio un passo storico per l’Italia, dopo decenni di attesa, una legge così importante votata con la fiducia mi sembra un azzardo. Sicuramente non sono a favore della Cei.

Nell’Aula della Camera dei deputati è il giorno del voto di fiducia sul disegno di legge Cirinnà sulle Unioni Civili, per il riconoscimento dei diritti delle coppie Lgbt e per le convivenze di fatto.

Incazzata nera la Cei sul governo: «Una forzatura votare così la legge, sconfitta per tutti», incalzano i vescovi italiani. Restano comunque minacce a destra ( ma anche tra i cattolici di sinistra), con un referendum abrogativo evocate da parte dei centristi e da Massimo Gandolfini, leader e portavoce del Family day.

Le opposizioni non tollerano la scelta fatta dal governo per blindare il testo di legge, al di là dei numeri ben più solidi di quelli del Senato per la maggioranza del cazzaro verdiniano.

Tra il voto di fiducia e il “sì” finale al provvedimento (rispetto a Palazzo Madama non coincidono), potrebbe esserci una battaglia a colpi di ordini del giorno. Tradotto, potrebbe slittare di qualche ora (al massimo a giovedì mattina) il via libero definitivo della legge.

Quando si capirà che la libertà è solo una e non è una parola vuota ? Mi sembra comunque che non siamo abbastanza preparati per fare questo tipo di distinzioni. Vedremo poi come andrà a finire. Magari Alfano s’incazza! Non solo lui però, vedi Fitto: «Il Parlamento è per il Governo uno zerbino su cui pulire i piedi, i parlamentari dovrebbero rispondere ai cittadini e non ubbidire a un capo padrone abituato a calpestare quest’aula»,

Tag(s) : #POLITICA, #UNIONI CIVILI

Condividi post

Repost 0