Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Il no alla nuova Leopolda di Renzi

Migliaia di persone si sono radunate in piazza San Marco a Firenze per contestare la Leopolda organizzata da Matteo Renzi . La polizia ha però iniziato a caricare il corteo che non era stato autorizzato per motivi di sicurezza. I manifestanti, hanno risposto lanciando petardi e altri oggetti.

Ora si dirà che a questo corteo contro la Leopolda hanno aderito centri sociali delle Marche e di altre regioni, ed anche alcuni esponenti dell’associazione “vittime del decreto Salva-Banche”; ma si dirà anche che c’è stato l’inserimento di alcuni manifestanti particolarmente aggressivi, a volto coperto. Chi la fa, se l’aspetti , non si dice così?

La Questura aveva vietato per motivi di ordine pubblico il corteo del comitato “Firenze dice no” prescrivendo di manifestare con un presidio fisso in piazza Santissima Annunziata, al centro delle città. Gli organizzatori avevano preannunciato l’intenzione di poter sfilare per le vie di Firenze ignorando il provvedimento . Luca Toscano esponente del comitato : “ Non si può impedire che questa manifestazione esista e che arrivi alla Leopolda . Questo divieto è stato fatto a due giorni dalla manifestazione e senza un motivo valido, non deriva solo da una scelta della questura ma da una questione politica".

“Manifestare è un diritto ma usare la violenza e attaccare la città solo per avere visibilità è meschino e vergognoso. Giù le mani da Firenze”. Questo il ‘ il tweet del sindaco di Firenze Dario Nardella che ha commentato ciò che è avvenuto in città per gli scontri tra manifestanti per il no al referendum costituzionale e forze dell’ordine a ridosso della sede dove si svolge la Leopolda renziana. “Persone incappucciate che usano violenza contro la città sono inqualificabili. Dire no è legittimo, sfasciare Firenze è inaccettabile”, conclude Nardella in un secondo tweet.

Tag(s) : #POLITICA

Condividi post

Repost 0