Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

 

No, non è la star più amata dagli italiani, e l’ha capito da solo : “"Non pensavo che mi odiassero così". È proprio questo il punto, la molla che ha spinto molte persone ad andare a votare: la colossale antipatia che hanno suscitato il premier e la sua arrogante ministra Boschi nei due anni del governo.

Il cazzaro, come viene chiamato sul web, ha raccontato di una ripresa che non esiste in un Paese largamente minoritario. La vita e la realtà degli italiani è sangue e crisi, crisi e sangue, e un'inversione di tendenza ancora non si vede. Si sarebbe vista con il progredire dell'azione di governo? Non credo proprio, con le pensioni sostanzialmente ferme al 2007. Nessuno può dirlo. Allo stato delle cose, tuttavia, è evidente che c'è stato uno scontro tra due Italie: una immaginariamente in ripresa, l'altra realmente in difficoltà, in difficoltà nera. È questa Italia che non ha perdonato, e che non fatto sconti.

La comunicazione del Sì è parsa troppo ricca, troppo tecnica e troppo fredda, una comunicazione che non ha saputo reggere il colpo dell'ondata di comunicazione "empatica" per il No. Forse la Boschi avrebbe dovuto piangere come la Fornero invece di mostrare tutti i suoi denti e forme non sempre castigate.  Carina lo è, ma gli italiani non sono fessi. Da un lato si è parlato di emozioni (anche l'avversione è un'emozione), dall'altro si è risposto con i tecnicismi e slide senza parlare né alla pancia né al cuore.

Ora Renzi è triste, non volerà più con l’aereo presidenziale costosissimo (manco fosse Trump), la Boschi piange ora , avessero mostrato prima questi sentimenti di incertezza, di insicurezza, probabilmente sarebbe andata un po' meglio, avrebbero irritato un po' meno. Ma l’umiltà zero e l’arroganza 1000 non hanno premiato. Meno male che il NO ha vinto con circa il 60%. Che scoppola Renzi ! CIAONE !

Condividi post

Repost 0