Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

Abusi su minori – Accusato il cardinale Pell 

Non è tutto oro quello che luccica nel pontificato di Francesco.

Le accuse di pedofilia e stupri rivolte al cardinale George Pell, l’uomo a cui Bergoglio ha affidato la regia delle riforme economiche della Santa Sede, rischiano  di minare seriamente il futuro  di Papa Francesco

Segreteria per l’economia, un vero e proprio super ministero finanziario che il Papa decise di affidare a Pell, che così lasciò la guida dell’arcidiocesi di Sydney e si trasferì a Roma andando ad abitare in uno degli appartamenti del condominio dove fu inquilino l’allora prefetto della Congregazione per la dottrina della fede, Joseph Ratzinger.

E qui incominciò a spendere e spandere (mezzo milione di euro spesi in soli sei mesi ) :

  •  sottolavello da 4.600 euro
  •  7.292 euro spesi per la tappezzeria
  •  47mila euro per mobili e armadi
  •  diversi lavoretti domestici che ammontano a ben 33mila euro
  •  abiti ecclesiastici per 2.508 euro
  •  voli, ovviamente in business class, costosissimi: 1.103 euro per andare da Roma a Londra; 1.150 euro per fare RomaDresda; 1.238 euro con direzione Monaco.

 Tutte spese rimborsate dalla Segreteria per l’economia

 

Lo scandalo che ha travolto Pell arriva il giorno dopo il concistoro durante il quale il Papa ha imposto la berretta rossa anche al cardinale arcivescovo di Bamako, nel Mali, Jean Zerbo, accusato da un’inchiesta pubblicata da Le Monde di avere accesso a ben 12 milioni di euro in un conto svizzero. Posizione che il neo porporato non ha ancora chiarito. E intanto Francesco lo promuove.

Non basta ? Ce n’è un’altra .Un monsignore, segretario di un cardinale a capo di un dicastero della Curia romana, è stato fermato dalla Gendarmeria Vaticana dopo che è stato trovato nella sua abitazione, all’interno della Santa Sede, mentre era in corso un festino gay a base di droga.

Forse Francesco non vede bene e sente male  perché le accuse di pedofilia e stupri per uno dei suoi principali collaboratori , arrivano anche dopo che le due ex vittime di abusi sessuali, Peter Saunders e Marie Collins, hanno abbandonato la Pontifica Commissione per la tutela dei minori, istituita da Bergoglio, in polemica con gli insabbiamenti dei casi di pedofilia che avvengono ancora all’interno della Curia romana.

Accuse rivolte in particolare al prefetto della Congregazione per la dottrina della fede, il cardinale Gerhard Ludwig Müller. Il caso Pell è ora un punto di svolta per il pontificato di Francesco e la sua reale credibilità nell’opera di tolleranza zero per la pedofilia e per il contrasto al riciclaggio di denaro sporco.

Tag(s) : #Pell Vaticano Pedofilia

Condividi post

Repost 0