Overblog Segui questo blog
Edit post Administration Create my blog

di Caranas

Da tempo Boeri (presidente dell’INPS) voleva tagliare le nostre pensioni esternando motivazioni assurde : “ i pensionati che percepiscono assegni più alti vivono più a lungo e eventuali interventi perequativi su queste pensioni potrebbero rappresentare un risparmio notevole per le casse dell’Istituto di Previdenza”, ricalcolandole con il sistema contributivo ma non lo poteva fare, perché violava l’art. 38 della Costituzione ( v. nota sotto). Ora però, due parlamentari ( Mazziotti di Celso- Scelta Civica – e Preziosi del PD) hanno presentato due disegni di legge costituzionale (3858 e 3478 ) sottoscritti da altri 35 deputati di maggioranza, per modificare l’art. 38 della Costituzione in nome dell’ “equità intergenerazionale e dei bilanci”. Addirittura il 25 maggio il Presidente della Commissione Affari Costituzionali ( lo stesso Mazziotti di Celso) ha iniziato la discussione di questi disegni di legge che consentirebbero il taglio dai 300 ai 400 euro alle nostre pensioni.

E’ vero che forse il cammino di queste proposte può essere lungo ma sicuramente influirà negativamente sul giudizio che la Corte Costituzionale dovrà fare fra qualche mese sulla perequazione.

Così come è avvenuto in Grecia, anche per noi pensionati si aprirà la strada della miseria.

 

Nota : “Ogni cittadino inabile al lavoro e sprovvisto dei mezzi necessari per vivere ha diritto al mantenimento e all'assistenza sociale.

I lavoratori hanno diritto che siano preveduti ed assicurati mezzi adeguati alle loro esigenze di vita in caso di infortunio, malattia, invalidità e vecchiaia, disoccupazione involontaria.

Gli inabili ed i minorati hanno diritto all'educazione e all'avviamento professionale.

Ai compiti previsti in questo articolo provvedono organi ed istituti predisposti o integrati dallo Stato.”

Condividi post

Repost 0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti: