Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
Blog  di Caranas

La Confessione , pensieri laici o quasi

14 Marzo 2010 , Scritto da CARANAS Con tag #RELIGIONE

                                                           di Caranas

Gesù

Il quesito :

degli  Avventisti del settimo giorno  sulla confessione affermano che Dio non ha detto di
confessare i propri peccati ad un sacerdote, ma direttamente a LUI, in un colloquio spirituale .

Riflessioni

Il Concilio di Trento insegna che il sacramento della Riconciliazione o Confessione “è stato istituito principalmente quando, risorgendo dai morti, il Signore soffiò sui suoi discepoli dicendo: Ricevete lo Spirito Santo; a chi rimetterete i peccati saranno rimessi e a chi non li rimetterete, resteranno non rimessi (Gv 20,22-23)” .

Se uno si pente dei propri peccati direttamente davanti al Signore, fa certamente una cosa buona, ma questo non significa che gli siano stati tolti.

Per la remissione dei peccati Cristo ha detto esplicitamente di ricorrere alla Chiesa e l’ha detto in termini così chiari da affermare che quanto la Chiesa non li rimette, non li rimette neanche lui.

Giovanni Paolo II nel Motu proprio Misericordia Dei (7.4.2002) scrive "Il Concilio di Trento dichiarò che è necessario ‘per diritto divino confessare tutti e singoli i peccati mortali’ . La Chiesa ha visto sempre un nesso essenziale tra il giudizio affidato ai sacerdoti in questo Sacramento e la necessità che i penitenti dichiarino i propri peccati , tranne in caso di impossibilità. Pertanto, essendo la confessione completa dei peccati gravi per istituzione divina parte costitutiva del Sacramento, essa non resta in alcun modo affidata alla libera disponibilità dei Pastori".

Dalle parole con le quali Gesù ha istituto questo Sacramento si deduce anche che è necessaria l’accusa dei peccati.

Il medesimo Concilio insegna che “la confessione integra dei peccati è stata istituita dal Signore, e che è necessaria per diritto divino a quanti sono caduti in peccato dopo il Battesimo” . Concilio, non Gesù.

Certo, Gesù non ha detto esplicitamente di accusare i peccati. Ma l’ha detto implicitamente.

Infatti questo sacramento della riconciliazione è stato istituito a modo di giudizio (“a chi rimetterete e a chi non rimetterete”; cfr. Gv 20,22-23), e che “i sacerdoti non potrebbero né esercitare questo potere giudiziale senza conoscere la causa né osservare l’equità nell’imporre le pene se i fedeli stessi non dichiarassero prima i loro peccati non solo in genere ma anche in specie e singolarmente”.

Pertanto il medesimo Concilio prosegue dicendo: “Se qualcuno affermasse che la confessione sacramentale non è stata istituita o non è necessaria alla salvezza di diritto divino; oppure che il modo di confessarsi in segreto al solo sacerdote, che la Chiesa cattolica ha sempre osservato e osserva, è contrario all’istituzione e al comando di Cristo, ed è un’invenzione umana, sia anatema (scomunicato)” , (come si vede, le minacce della Chiesa non hanno limiti).

Gesù ha affidato questo sacramento agli Apostoli riuniti nel Cenacolo, ai quali tre giorni prima, nell’ultima cena, aveva detto: “fate questo in memoria di me”. Non l’ha affidato dunque a tutti, ma solo a quelli ai quali ha dato il potere sul suo corpo fisico.

Fin qui la risposta di un religioso. Ma i dubbi restano soprattutto sul fatto che Gesù non ha detto esplicitamente di accusare i peccati. Chiaramente il Concilio di Trento  tirò l’acqua al proprio mulino. Siamo nel 1545 e alla Chiesa faceva comodo ricevere in confessione "notizie particolari ".

Volendo, si potrebbe dire anche che  se l’efficacia del sacramento non proviene dalle qualità morali del ministro ( pensate al fenomeno della pedofilia), tuttavia la sua fede e devozione,  oltre a contribuire alla sua santificazione personale, favorisce molto le buone disposizioni del soggetto che riceve il sacramento e, di conseguenza, il frutto che ne ottiene.

Però, il matrimonio ad esempio, è per la Chiesa ( come per il battesimo) un sacramento indissolubile come provato dall’insegnamento di Cristo e allora come mai nel Concilio di Trento si stabilirono norme per un eventuale annullamento?

Col battesimo viene poi da porsi la domanda : Maria, madre di Gesù, e gli Apostoli furono battezzati ? Perché se non battezzati allora si deve concludere che non furono lavati dal peccato originale!

 

Ci vorrebbe un decreto interpretativo di Berlusconi.

 

Comunque sia, per l’insegnamento del Maestro, a mio avviso è sufficiente  credere in Lui senza tanti vincoli conciliari. Gesù, l’Unico che non ha sbagliato nulla!

 
Concilio-di-Trento.jpg

( se sei interessato, leggi anche "Il dogma dell'Immacolata Concezione". Lo trovi nella colonna dex tra le "Pagine quasi apocrife")

Mostra altro

La “frascatula” di Fuscaldo (ricetta)

13 Marzo 2010 , Scritto da CARANAS Con tag #CUCINA

                                                                                                 di Caranas
 
Frascatula-1.jpg


A 10 anni , mangiando la frascatula non sapevo cosa fosse la polenta conosciuta più tardi al nord.

A Fuscaldo come in altri paesi del circondario, soprattutto nei mesi di febbraio /marzo, quando il freddo penetrava nelle ossa e alla sera il mattone riscaldato ed avvolto in stracci di lana riusciva appena appena a dare tepore ai piedi affondati nelle lenzuola e sotto due o tre coperte ( quelle militari pesavano parecchio), il pranzo si rallegrava talvolta con la frascatula. Un premio , se si pensa che la pasta e fagioli fatta con i resti misti di pasta , veniva invece somministrata a noi ragazzi per punire qualche marachella. Frascatula è un piatto  caratteristico e diverso dalla polenta del nord. A Fuscaldo infatti , la frascatula era ( è?) di colore rosa per via del sugo che veniva aggiunto alla farina.  Da noi, non veniva cucinata per sopperire alla mancanza di altri generi alimentari dovuta alle precarie condizioni economiche di diverse famiglie, si cucinava per cambiare e per  facilità di preparazione e ridotto tempo di cottura e la ricetta rispondeva bene ad eventuali esigenze di immediata disponibilità di cibo. Non lo sapevamo, ma la frascatula era ed è l’equivalente del moderno fast food.

 

Ingredienti per 6 persone

 

500 gr. di farina di mais

2.5 lt di acqua

Sale quanto basta

20 gr. Olio di oliva

150 gr. Passata di pomodoro precotta

Formaggio pecorino grattugiato (q.b.)


Frascatula-copia-1.jpg

Preparazione

Mettere a bollire l’acqua con l’olio, il sale e la passata di pomodoro.

A parte,  fate bollire due pezzi di salsiccia calabrese fresca ( con pepe e semi di finocchio) aggiungendo all’acqua mezzo bicchiere di passata di pomodoro e un cucchiaio d’olio d’oliva.

Nella pentola  più grande , aggiungete al miscuglio bollente di acqua , olio , sale e passata, la farina di mais facendola cadere a pioggia e mescolate con una frusta . Ogni tanto mescolare il contenuto della pentola più piccola con la salsiccia.

Continuate a rimestare con un cucchiaio di legno e lasciate cuocere la frascatula a fuoco lento per almeno 20 minuti aggiungendovi il sugo di passata preparato a parte , prima che l’impasto diventi più o meno denso. Rimestare fino a che il tutto assuma un colore rosa.

Quando avrà raggiunto la giusta consistenza, sistemare la frascatula spalmandola su un tagliere in legno, possibilmente di forma rotonda.

Unite il pecorino e sistemate i pezzetti di salsiccia (uno per ogni porzione ). Piatto da mangiare caldo!

 

 Bon appetit !

Mostra altro

IL MALE MINORE DI EMMA (vignetta)

12 Marzo 2010 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

Bonino-e-il-male-minore-copia-1.jpg

Mostra altro

Chi trama e chi trema. Melandri : Di Pietro usa toni inaccettabili e io sabato non ci sarò.

11 Marzo 2010 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

 

... ma quale effetto calamita ?

melandri.jpg                                                                              di Carmelo Anastasio

L’unità non è la forza della sinistra in questo momento. Senza mezzi termini Giovanna Melandri ha dichiarato che non parteciperà alla manifestazione  di sabato 13 contro il decreto “salva liste”.

La cittadina statunitense ha paura delle possibili dichiarazioni dal palco di Di Pietro (sabato dirò quello che voglio senza imposizioni) , ha paura che chieda l’impeachement di Napolitano. E sarebbe ora ! Possibile che non si riesce a capire che Napolitano ormai non è più garante di nessuno? Anzi no, garante di qualcuno lo è, e si è visto abbondantemente prima e dopo la firma sul decreto “salva liste”. Ben vengano i toni di Di Pietro, ben venga il caos perché l’ordine non ha funzionato. Il pasticcio l’ha creato Berlusconi e la sua maggioranza  ed ora la sua lista deve restare fuori . Il disarmo proposto da Bersani non mi sta bene, anche se non frega niente a nessuno, ma frega a me LIBERO di pensare e di non farmi imbavagliare né da  Berlusconi né da Bersani.

Azzerare ogni ricorso significa RINUNCIA e cadere  in un impoverimento mostruoso e drammatico del dibattito.  Cosa azzeri? Non vedi come Berlusconi alza i toni parlando di “trame”, o vogliamo fare i “cornuti e mazziati ?” Tanto più che la Polverini aveva palesemente dimostrato una certa autonomia dal PdL accettando la sua candidatura. Altro che autonomia, ora che è in difficoltà è sempre al fianco del cavaliere. Come dire che il buon giorno si vede dal mattino.

Mostra altro

Tabucchi contro Ciampi ieri e contro Napolitano oggi. Cosa induce una persona in età avanzata ad accettare di diventare Presidente della Repubblica firma tutto?

10 Marzo 2010 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

                                                           Antonio Tabucchi

 Tabucchi.jpg




                                                                             di Caranas
Il forte attacco dello scrittore Antonio Tabucchi ( Sostiene Pereira ricordate?) rivolto al Presidente Giorgio Napolitano, mi ha fatto ricordare un suo precedente attacco all’allora Capo dello Stato Ciampi. Oggi le stesse reazioni contrastanti sono ripetute verso un presidente troppo spesso tirato per la giacca e troppo tollerante verso il distruttore di democrazia signor B.  Le previsioni di Tabucchi circa il declino della democrazia si sono rivelate più che fondate visto che l’unico contrasto visibile è proprio quello della magistratura. Il regime diventerà ancor più regime e l’Italia è divisa con asprezza in assenza di una alternativa vera e maggioritaria. Riporto qui sotto l’articolo apparso sul Manifesto il 2 luglio 2003 e la lettera di Tabucchi a Ciampi. Più giù , consiglio di ascoltare la protesta di Tabucchi (in video) nei confronti di Napolitano.

 

 

"il manifesto", 2 luglio 2003

IL SILENZIO È D'ORO

Antonio Tabucchi

 

Ci sono momenti nella vita e nella storia in cui un decoroso silenzio rivela tutta la statura morale della persona.

 

Da quando Berlusconi ha formato il suo governo, molti sono stati i momenti in cui il decoroso silenzio è stato superiore alle offese e alle volgarità. «Questo è il futuro ministro delle riforme istituzionali», disse Berlusconi a Ciampi presentandogli Umberto Bossi. Ciampi reagì con decoroso silenzio.

Nei momenti di grave tensione sociale che durante il G8 di Genova scatenarono reazioni bestiali della polizia e provocarono un morto, Berlusconi riuscì a fare un discorso in tv alla nazione con la garante compagnia di Ciampi. Ciampi non rifiutò, accettò con decoroso silenzio.

La sera del 22 marzo 2002, alla vigilia della più imponente manifestazione sindacale del dopoguerra, Berlusconi, impersonando il ruolo di capo di stato e impossessandosi delle reti della Rai, rivolse un discorso al Paese nel quale affermò che la responsabilità dell'assassinio del professor Marco Biagi era del maggior sindacato italiano che convocava quella manifestazione. Ciampi intanto, in decoroso silenzio, quella sera si recava a far visita alla famiglia del professore assassinato.

Quando, durante una riunione di tutti gli ambasciatori italiani convocata da Berlusconi di fronte a telecamere e giornalisti, Berlusconi trattò con un inusuale «tu» Ciampi, lasciando cosi intendere che fra di loro esisteva una strana confidenza, Ciampi rispose con un decoroso silenzio.

Il 30 giugno ultimo scorso, in un'intervista alla radio francese Europe 1, Berlusconi ha detto chiaramente che la legge sull'immunità delle prime cinque cariche dello Stato, grazie alla quale non sarà giudicato dei gravissimi reati di cui è imputato, lui non la voleva: l'ha voluta Ciampi. La frase è allarmante. E ancora più allarmante (e sprezzante) è che sia seguita da un'ambigua rettifica del portavoce di Berlusconi, come un padrone che passa sputando e fa pulire per terra dal suo maggiordomo. Forse Ciampi anche questa volta reagirà con il suo decoroso silenzio? Chi potrebbe mai credere che egli abbia qualcosa da temere? È vero, alcuni giorni prima che egli firmasse la legge, un ex-capo dello stato, il senatore Francesco Cossiga, aveva scritto pesanti parole sul giornale l'Unità, definendo tale legge «Lodo Ciampi-Berlusconi». Parole a cui era seguito un mortale silenzio.

È anche vero che Ciampi ha firmato a spron battuto una legge con forti sospetti di anticostituzionalità e ancora in esame alla Consulta. Ma questo cosa vuol dire? Vuol forse dire che dobbiamo credere alle parole di una magistrato italiano che affermò che in Italia tutti sono ricattabili? Vuol forse dire che dobbiamo credere a Berlusconi, che cioè egli impone le leggi a Ciampi, se le fa firmare e poi gliene attribuisce la responsabilità? Ciampi sarebbe dunque un pupazzo nelle mani di Berlusconi? La questione è cruciale per la democrazia italiana, ma forse per la classe politica è meglio che gli italiani non se la pongano. Sarà risolta forse in decoroso silenzio? Da ciò dedurremo che la Costituzione italiana ha un solido garante : il silenzio.

 

Da il Manifesto del 4 luglio 2003

Signor Presidente  -  di Antonio Tabucchi

 

 

Illustre Presidente della Repubblica Italiana, non è la prima volta che Le pongo questioni. Lei lo ricorderà, anche se di norma non risponde. Cominciai con una Sua frase, secondo me assai infelice, di comprensione verso i cosiddetti «ragazzi di Salò». L'Italia, come è noto, non ha mai fatto né pulizia né ammenda, neppure simbolica, come la Francia e la Germania, del proprio sordido passato; e infatti oggi nell'attuale governo ci sono segretari o sottosegretari ex-repubblichini (fucilatori?) che ho sentito pubblicamente vantare nei Suoi confronti amicizia e confidenza. A me non piace. A Lei piace?

Lei, che si dice abbia fatto la Resistenza, a tali questioni come dicevo non risponde. Ma, per usare una formula di moda oggi in Italia, «mi consenta» di insistere. Io sono un cittadino e Lei un presidente della Repubblica: interpellare il proprio presidente in una democrazia è cosa normale, almeno finché essa esiste. E Lei mi perdonerà il disturbo: se si è assunto l'onere di diventare presidente della Repubblica in una congiuntura storica come quella attuale, alla sua venerabile età, senza nessuna carriera politica alle spalle, doveva proprio essere convinto del grave compito che si assumeva. Il Suo alto incarico, anche se in Italia vorrebbero farLa vivere in un empireo corrispondente a quello del Papa dove la parola non è discutibile essendo dogma, prevede in una democrazia normale dei seccatori come me.

La democrazia significa anche reciprocità: Lei è il garante della mia Costituzione, io Gliene chiedo conto. E dunque a mio modo divento garante di ciò che Lei deve garantire. Altrimenti, come diceva Paul Celan, chi testimonierebbe il testimone? Lei ha funzione di garante. Perciò non posso ritenerLa estranea a ciò che sta succedendo nel mio Paese. A differenza di tutti coloro che vedono in Berlusconi l'unico protagonista di una inquietante corrosione delle regole democratiche, io debbo constatare che ciò avviene anche perché Lei firma. Perché Lei consente, Presidente. E senza il Suo consenso una grande parte di ciò che ha fatto il governo Berlusconi non esisterebbe. La Sua cosiddetta «moral suasion», secondo la definizione che corre in Italia, ha dato i frutti che abbiamo sotto gli occhi.

   

L'onorevole Berlusconi il 2 luglio ha assunto la presidenza del semestre italiano all'Unione Europea. Vi arriva illibato, reso profumato da questa legge sull'immunità che lo protegge dai gravi reati perseguiti da un tribunale della Repubblica e che Lei prontamente ha firmato. E che non si sa se voluta da lui o da Lei (a una radio francese l'onorevole Berlusconi ha affermato che questa legge l'ha voluta proprio Lei, Presidente, eventualmente spiegatevi fra di voi).

Secondo Lei Berlusconi dovrebbe far fare bella figura all'Italia. Un tipo come Berlusconi, che viene da lontano, sa come cavarsela in certe situazioni. Conosciamo la sua biografia.

E infatti se l'è cavata come uno che cantava canzonette e poi è diventato presidente del consiglio. Non mi dispiace affatto, illustre Presidente, che i Suoi sforzi per farci fare «buona figura» grazie a Berlusconi abbiano avuto un esito così disastroso. Berlusconi nell'assumere la presidenza semestrale per l'Italia dell'Unione Europea si è espresso con una piazzata, peggio di un sensale in una fiera di paese. E con il fine senso storico che lo contraddistingue, ha evocato Auschwitz al deputato tedesco Schulz che si era permesso di ricordargli una regola vigente in tutta l'Europa: che la legge è uguale per tutti. Fatto che solo in Italia signor presidente, è del tutto secondario, come del resto la Sua recente firma a tale legge attesta.

 

Evidentemente nel suo discorso da statista il cavalier Berlusconi era forte del fatto che a Auschwitz l'Italia ha dato solo un piccolo contributo (circa 2.000 ebrei italiani gasati, se non mi sbaglio) grazie alle leggi razziali che Vittorio Emanuele III firmò prontamente al cavalier Mussolini, come tutte le altre che prontamente gli firmava. Lei che ha fatto la Resistenza queste cose Le saprà meglio di me. Altrimenti glieLe avranno raccontate gli eredi di Vittorio Emanuele III che ha recentemente ricevuto in un solenne cocktail offerto al Quirinale (mi scusi se qui abbasso il livello, illustre Presidente della Repubblica Italiana: lo sa che i soldi con i quali Lei offre i ricevimenti ai Savoia sono anche miei, e di tutti i cittadini italiani contribuenti?).

Berlusconi ci va giù duro, evidentemente ha le spalle coperte. E non solo da un'onorata società che lo sostiene, ma a livello mondiale. È entrato nella nostra Unione Europea come certi kamikaze che entrano in un autobus indossando una cintura di tritolo. Le chiedo concludendo: ma per chi lavora Berlusconi? Lei, che mi dicono europeista convinto, non se lo è ancora chiesto? Essere presidente della Repubblica in un paese come l'Italia, cerniera del Mediterraneo e terreno ambito da anni da potenze straniere che vi lavorano per cambiare gli equilibri del mondo, non è una sinecura come chi si occupa delle ortensie del proprio giardino dopo essere andato in pensione. Cordialmente.

 

PS Le scrivo questa lettera sul giornale il manifesto, perché è una cooperativa. E finché l'onorevole Berlusconi non Le presenterà da firmare una legge che abolisce le cooperative è un giornale che continua a rappresentare la stampa libera. O quello che ne resta. Cosa di cui dobbiamo ringraziare anche Lei.

 

                                         Tabucchi critica ferocemente Napolitano


Mostra altro

All’armi , vincere i paninari - Dal predellino al panino, dalle mutande par condicio al decretuccio salva Pdl . Berlusconi ha sempre ragione? E Napolitano pure?

7 Marzo 2010 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

All’armi , vincere i paninari  .  SABATO 13 marzo 2010 , TUTTI a ROMA!

 

 

Roma.jpg

 

                                                                                                                          di Caranas


     Ieri sera , al comizio della Rosy Bindi a Cologno Monzese ( purtroppo 4 gatti), appena ho saputo che Napolitano aveva firmato la legge salva PdL ho pensato che ancora una volta, il Presidente Giorgio,  che dovrebbe garantire tutte le parti, ha dimostrato invece da che parte sta  con una sua partecipazione attiva alla stesura del testo ( almeno così dicono i giornali ). Ma come? Devi fare l’arbitro e contribuisci a segnare contro la squadra opposta? Se  non avesse firmato avrebbe gettato benzina sul fuoco della tensione politica e civile con il rischio di destabilizzare seriamente il Paese, ma così , a mio avviso ha offerto alla destra una motivazione in più per sentirsi forte e fregarsene del resto degli italiani. E poi , Napolitano ha firmato, sempre secondo il mio modesto parere, un atto incostituzionale perchè contiene disposizioni di privilegio. E' come se si facessero delle regole ad hoc per far rientrare in gioco coloro che erano stati squalificati per non aver rispettate le regole. E se l'errore l'avesse fatto il PD, Berlusconi avrebbe fatto un decretino ad hoc? 

Ora basta ! Decreti d’urgenza ad personam, imbavagliamento della magistratura, non rispetto delle proprie regole, letture di comodo delle regole democratiche, incapacità nel presentare le proprie liste, legge vista come “pelo nell’uovo”, Costituzione calpestata, truffa in itinere, minacce di nuova marcia su Roma ecc. ecc.

 

BASTA! Occorre partecipare ad una grande manifestazione  il 13 prossimo a Roma contro Berlusconi e  contro Bersani che continua a deludere lavoratori precari, disoccupati e tutta la sinistra. E al 50% anche contro Di Pietro per il suo appoggio a De Luca in Campania ( “scelta isolazionista che non possiamo accettare” Di Pietro 30.1.2010).

 

Siamo di fronte all’ennesima violazione della costituzione, stanno usando la forza e stanno caricando le loro armi a colpi di provvedimenti palesemente illegali. Noi non dobbiamo starci. Non dobbiamo far calpestare i nostri diritti, diritti costati molte vite umane. Non dobbiamo subire questa ulteriore violenza!

Perciò, contro questo governo golpista, a difesa della democrazia, contro  questo sconcio dell’etica, contro l’inutilità di questo decreto visto che i giudici di Roma e di Milano avevano già riammesso le liste della Polverini e di Formigoni, contro l’arroganza del potere e contro ogni forma di fascismo

 

                                 SABATO 13 marzo 2010 , TUTTI a ROMA!

Mostra altro

Cara Enrica, lunedì si festeggerà l'8 marzo, ma il '68 non c'è più!

4 Marzo 2010 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

8marzo.jpg

Cara Enrica,

ti chiedi se il '68 sia fallito. Io, a pelle, direi di no. Per sapere se qualcosa e' fallita bisogna confrontare i risultati con le aspettative, come fai giustamente tu. Io però non ho ben capito quali fossero, davvero, le aspettative del ‘68. Esistono? O ognuno aveva le sue? Se è così forse allora qualcuno ha fallito e qualcun'altro no. Gliel'abbiamo mai chiesto ai protagonisti di quell'epoca quali erano, esattamente le loro aspettative? Contro cosa si ribellavano? Qualcosa di più definito de  "il Sistema" o "il Fordismo". Qualcosa di più misurabile, per verificare i risultati. Che cosa intendi tu per "cambiare il sistema"? Cosa è il sistema? Ancora meglio, CHI è il sistema?

Forse proprio il parallelo con il femminismo ci fornisce una chiave per rispondere a queste domande anche se non sono d'accordo che il femminismo abbia inciso sulla politica ed il sessantotto sulla mentalità. A me sembra piuttosto il contrario. Nel sessantotto si protestava per cambiare il sistema, i nemici erano gli altri. Nel femminismo si manifestava per cambiare la mentalità, per cambiare noi stessi. Le donne che manifestavano lo facevano anche per autoaffermarsi, per uscire loro stesse dai condizionamenti della mentalità che volevano cambiare.

Perché la mentalità da cambiare è la nostra; il sistema,  la gerarchia, siamo noi. Per cambiare il sistema, per cambiare il mondo, dobbiamo cambiare noi per primi. E per "noi" non intendo "tu", intendo proprio "io".

Le donne sapevano di dover cambiare il loro modo di pensare, per prime. Cantavano "l'utero è mio", non "l'utero è delle donne". Nel "sessantotto", mi sembra, si voleva cambiare il modo di pensare degli  altri, dei nemici, di chi aveva più di 34 anni, del sistema.

Mi viene in mente, forse a sproposito, la battaglia di Giuliano Ferrara, ex sessantotino, contro l'aborto. Di nuovo vuole cambiare il modo di pensare e di agire degli altri. Una donna che parla di aborto mi pare più credibile di un uomo o addirittura di un prete, che non può neppure essere padre (fermo restando il loro diritto a parlarne).

Ti ricordi quando cantavamo "la pantera siamo noi"? Il sistema siamo noi, il nemico da cambiare siamo noi (ed anche il miglior amico). Io non posso cambiare te, solo tu puoi farlo e solo io posso cambiare me stesso. Devo, anzi, non posso. Ho il dovere, nessun altro può farlo per me, nessuno "mi salverà", solo io posso "salvarmi". Migliorando me migliorerò quel  pezzettino di sistema che "mi compete", che compete soltanto a me.

Tu  Enrica sai meglio di me , sono  tutte cose che vivi anche profondamente. Il mio è  solo uno spunto di riflessione.

E oggi come siamo ? Eh... come stiamo... un quartiere  ha  più problemi, un quartiere di meno, gente che si è arresa, gente che ancora combatte, inceneritore si, inceneritore no, e paura delle malattie diffusa ovunque... nonché rabbia nei confronti di chi ci dà dei mafiosi per colpa di chi avrebbe dovuto governarci... parli di ribellione... mai argomento fu più calzante...

Già..c'è davvero da piangere...a guardarci oggi...quello che dice Virginia è vero, ma quello che manca sono proprio le idee..si tende all'omologazione (o meglio vogliono farci omologare) e la ribellione, quella sana, non è più di moda...peccato..perché ragioni per ribellarsi a questa realtà italiana ce ne stanno tante! E' vero che ognuno di noi magari si impegna e fa la sua parte nel proprio..ma la forza delle idee, quella che muove le grandi rivoluzioni dov'é?

Virginia dice che il cuore è l'elemento indispensabile per muovere le idee... e le idee - specie quelle buone - si possono veicolare in qualsiasi epoca, non ci sono pregiudiziali a proposito  , già mia cara, ha ragione da vendere il tuo prof. dove sono i ribelli? Capisco adesso la tua domanda. ero una piccolina nel '68 e non avevo fratelli che potessero, dopo, raccontare. sono figlia degli anni '70. nel '77 occupammo per l'ultima volta le università. Nel '77 per l'ultima volta siamo stati un movimento, ma l'idea e i sogni li abbiamo conservati forti, intatti. Non è un purtroppo, siamo una generazione che ha fatto scelte radicali. Era il momento delle scelte che ti cambiavano la vita, ma eravamo ancora ribelli, si faceva ancora rumore e in fondo ribelli lo siamo ancora...

Tu dici : C'era il terrorismo nel 1977 e dal '68 eran passati ben 9 anni. La domanda non è se è valsa la pena battere a terra per farsi sentire, per fare più rumore, per avere una voce. No , la domanda non è questa. La domanda è con cosa abbiamo riempito il vuoto lasciato dalle voci di chi, con o senza sassi, con le mani o con le spranghe, ha urlato, non ci sta bene, vogliamo che sia diverso, peraltro, condivisibile. Ci hanno lasciato anni di memoria storica che non possono andare dimenticati, ma hanno cambiato la storia, non la politica. E purtroppo, la storia successiva è la storia degli anni '70, del terrorismo rosso e nero, della pantera rosa. E' la storia di una generazione sul baratro, senza speranza e senza voce. Alcuni, non avendo voce, e solo disperazione, hanno usato le armi. Altri la droga, altri il suicidio. Poi è arrivato il consumismo, che prometteva di riempire i vuoti con slogan e neon. Non credo lo abbia fatto, eppure noi (nati negli anni 70), se siamo figli di qualcuno, siamo figli suoi. Precari, Transitori, Transitivi.

Salutami Virginia, ti abbraccio 
Mary


                                                            8 marzo al sud femminismo-a-sud.jpg

Mostra altro

LE INTERVISTE IMPOSSIBILI (dando rigorosamente del voi)

2 Marzo 2010 , Scritto da CARANAS Con tag #SATIRA UMORISMO COLTO

                                                                                                                                

Duce, quali errori non rifarebbe?

 

 

mussolini.jpg 

Duce, dopo più di 70 anni dalla fine della  guerra,  ripeterebbe   gli errori commessi ?

 

   Io non ho sbagliato nulla. Anzi, un errore lo feci, quello di fidarmi degli inetti che mi circondavano, gente assetata di potere con gola di guadagno. E il popolo andava  forgiato dopo secoli di invasioni, di miserie e di denutrizione. Noi abbiamo perso, ma abbiamo spaventato il mondo dei grandi speculatori , non abbiamo agito certo come fanno adesso Berlusconi e Tremonti che regalano soldi pubblici alla banche.Mi ricorda la moneta di occupazione, al nord i marchi di guerra che feci ritirare subito dopo che erano stati messi in circolazione . Ci saremmo trovati con miliardi di carta buona da bruciare. Al Sud invece accettarono le Am-lire , anche questa , carta senza alcun valore. Abbiamo perso ma il nostro obiettivo era enorme : la socializzazione mondiale con unica moneta e con frontiere esclusivamente a carattere storico,  con l’oro di tutto il mondo di proprietà comune e abolizione reale di ogni armamento.

 

  Già , Duce, però avete perso e il vostro progetto di colonizzare e civilizzare per portare libertà di pensiero , di parola e di stampa , con la morale e i suoi diritti al di sopra d’ogni cosa e con una sola moneta,  alla fine è stato realizzato dall’Unione Europea  e in altri paesi - come anche nell’Europa stessa - ci stanno pensando gli Stati Uniti.

  

Ma non dica cazzate! Questa della morale poi , la vada a raccontare a Berlusconi . Con un premier che va a puttane… come le chiamate adesso? Ah già escort ! Non parliamo poi delle minorenni...

  

Duce, anche voi però… con Claretta Petacci tra le mille cose da fare ogni giorno per l’Italia - come per Berlusconi - il tempo di non annoiarvi lo trovavate lontano dalla signora Rachele e vicino vicino a Claretta…

 

  Non le permetto! Ma cosa dice ? Che paragoni fa ? Mi consenta… Claretta ha perso la vita per seguirmi sino alla fine e voi comunisti  faceste scempio dei nostri corpi a Piazzale Loreto.

 

  Come voi Duce, ricordate i 15 martiri di quella piazza?

  

ME NE FREGO ! Erano solo banditi!


Vorrei passare ad altro Duce . Avete sbagliato, avete perduto la testa e non solo per la Petacci.

 

  Ancora… la smetta , mi sembra Travaglio…

 Libertà di parola e di scritto… Ma lei crede davvero che gli italiani di oggi siano veramente così liberi? Crede veramente che il premier con le sue tv vi possa concedere libertà di stampa? O lo crede solo perchè mi sta intervistando? Parlate sempre voi , oppositori per natura … continuate con questa farsa dei sei milioni di ebrei morti, quanti sono i morti dovuti alle “ guerre di pace” volute dagli USA ? Non sono stati gli americani che in meno di un minuto mi hanno mandato 350.000 giapponesi a farmi compagnia nell’agosto del ’45 ?

 

  Non avreste dovuto dichiarare guerra alla Francia e all’Inghilterra. Dovevate ritirarvi nel 1938.

 

Oggi è facile profetizzare il passato ma ai primi di giugno del 1940 le critiche riguardavano la neutralità  ridicola, impolitica, sorprendente. La Germania stava vincendo e noi, oltre a non avere alcun compenso, nel giro di poco tempo saremmo stati occupati e schiacciati. Un’occasione d’oro così , non si sarebbe più ripresentata .

 

  Duce, ma voi subivate pressioni da parte di Hitler che aveva bisogno dell’Italia  e l’Italia era già forte, forse più della Germania. Quale necessità quindi di cedere al gioco del Fürer?

 

  Non è così, la Germania in realtà aveva già vinto la partita continentale. Non aveva affatto bisogno di noi che invece dovevamo difendere la posizione di parità ottenuta. E i patti erano chiarissimi con Hitler di cui avevo la massima stima . Non c’erano con il Fürer minime divergenze di vedute né sul futuro aspetto dell’Europa, né su quello dell’Africa. Il nord e nord-est a influenza tedesca , il sud e sud-ovest  a influenza italiana. Un piano di pace e di benessere per tutti.

  

Chissà perché in questo momento mi vengono in mente i padani e la Lega con Bossi e Berlusconi.

 

  Stia tranquillo... ho capito quello che vuole dire... ma le assicuro che finché la ‘ndrangheta e la mafia saranno forti, non ci sarà alcuna scissione in Italia. E poi avete le garanzie  Fini e Casini no?

 

Duce, il vostro disegno politico prevedeva  trecento milioni di europei  ma non quelli balcanici o delle vicinanze della Vistola…

 

  Quelli non erano veri europei . Di quelli non ci si poteva fidare per creare una forza vera, solida, capace di combattere l’eventuale nemico asiatico o americano. Con tutti gli extracomunitari che avete adesso , dove volete andare… non c’è più una vera razza italiana. Se poi ci metti i rumeni… buoni quelli a stuprare . Ai miei tempi ciò non sarebbe successo. La Romania poi influì decisivamente  sulla nostra sconfitta, la mancanza della benzina fu la più terribile delle cause della perdita della supremazia aerea.

 

 I rumeni con voi non avrebbero stuprato, però  coi vostri metodi , magari  ce li saremmo trovati in qualche modo italianizzati nelle camice nere... nelle squadracce... capisce quello che voglio dire?

 

Ma mi faccia il piacere… non dica fesserie…

 

Duce, è vero  che non ha fatto nulla per evitare l’espansione della Germania?

 

Non è vero . Dal ’33 al ’35, sono stato l’unico ad opporsi ai primi piani espansionistici di Hitler. Mandai anche divisioni al Brennero e nessun gabinetto europeo mi appoggiò . E con gli italiani, nei dialoghi che tante volte ho avuto con le moltitudini, avevo la convinzione che le grida che seguivano le mie domande fossero segno di coscienza, di comprensione, di evoluzione. Invece era isterismo collettivo. Ho sopravvalutato l’intelligenza delle masse.

 

  La parte opposta però ottenne quello che voleva  con martiri e sacrificio e non faceva certo parte di quell’isterismo collettivo. I proletari, i bisognosi di tutto, alla fine seppero riscattarsi con onore fino alla vittoria.

 

  Già… passando dalla parte dei plutocrati, degli affamatori del grande capitalismo. Ma vedrà che saranno gli uomini con le loro debolezze che imporranno l’Idea Fascista , e sarà l’Idea del XXI secolo. E gli italiani se vorranno essere ancora un Popolo e non un agglomerato di schiavi, dovranno farla propria e perseguirla con fede.

 

  Pensa che la Chiesa avrà ancora un ruolo importante nella rinascita dell’Idea Fascista?

 

  La Chiesa preferisce degli avversari deboli e degli amici forti . Avere da combattere un avversario che non la possa spaventare e che le permetta di avere a disposizione degli argomenti coi quali rafforzare l’espandersi della fede, è indubbiamente vantaggioso. Diplomazia abile, raffinata , non quella di Boffo e di Feltri per intenderci. A volte, fare i superfurbi provoca danni. Poi adesso c’è il discorso della pillola antiabortiva e Berlusconi non so se sarà capace di trovare una soluzione che aggrada tutti. Non è un uomo forte,  un vero statista… è solo un palazzinaro a cui non dispiacciono le veline. La Chiesa sembra oggi alleata più ai suoi acerrimi nemici nonostante l’anticlericalismo abbia ripreso in pieno il suo turpe lavoro. Non è come ai miei tempi , quando con i Patti Lateranensi  detti lustro , decoro e autorità… alla Chiesa … Romana.         

 

 

Non c'è più segnale dal satellite. Fine dell'intervista

 

                                                                       © Carmelo  Anastasio

 

Mostra altro

PORCHETTA’S DAY E L’IMPEDITO LEGITTIMO

1 Marzo 2010 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA


... ovvero lacrime e champagne nel centrodestra
                                                                                          di Caranas

gli-amanti-della-porchetta.jpg 

Saremo mangioni e creduloni noi italiani , ma non fessi ; non può essere un panino alla porchetta la causa della mancata presentazione della lista PdL della Renata Polverini. E poi gli ex socialisti sono esperti in politica, non è possibile pensare che Alfredo Milioni sia così sprovveduto da presentare la lista allo scadere del termine massimo. Troppo potere era in gioco e qualcosa è andato storto forse perché all’ultimo minuto occorreva depennare un paio di nomi scomodi nella lista. Forse un preciso ordine al cellulare per sbarazzarsi di qualcosa di scomodo nell’Urbe Rome  della destra ad esempio un nome Piccolo piccolo. Non si spiega altrimenti l’esultanza mascherata della destra romana “ Noi impresentabili e voi impresentati” . Dispiace per la Polverini ma dispiace anche perché così si offre una possibilità al centro destra di buttar fango su un’eventuale vittoria della Emma nazionale. Inutile e umiliante  l’appello della Renata a Napolitano. Cosa può fare? Concedere la “grazia” per cosa? E in questo bailamme c’è sempre l’IMPEDITO a tener banco. Non se ne può più! Ma possibile che  il popolo delle libertà sia così cieco? Berlusconi sarà sempre impedito e impunito. Diciamoci la verità, da noi la legge non  è e non può essere uguale per tutti perché non tutti hanno i soldi del premier incontrastato. Non ci sono più le nobili figure nella politica italiana, penso ad esempio a Berlinguer , ma anche a altri sia a destra che a sinistra. Allora se si veniva raggiunti da un provvedimento giudiziario, non si sbandieravano slogan di persecuzione come puntualmente fa Cicchitto (povero lui!) e Capecchione nonché il sommo poeta ex comunista Bondi, per buona creanza morale ci si dimetteva e basta per permettere alla giustizia di fare il suo corso. Il problema del legittimo impedimento non sussisterebbe se il cittadino Berlusconi desiderasse chiarire la sua posizione davanti a tutti. Ma non lo desidera come dimostrato abbondantemente anche ai tempi del conflitto d’interesse quando annunciò l’istituzione di un Comitato di garanti per risolvere il problema legato alle sue proprietà. La decisione recente del tribunale di Milano che ritiene NON LEGITTIMO l’impedimento di oggi del Berlusconi premier è giusta ! Non si può prendere in giro l’istituzione dopo aver concordato con l’accusato la data dell’udienza. Se è innocente perché non si fa processare così la smette di rompere i coglioni al 90 % degli italiani e buona percentuale di stranieri?

 

© by Carmelo Anastasio

Mostra altro
<< < 1 2