Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
Blog  di Caranas

PIETRO DE SETA - UMANISTA E STORICO FUSCALDESE

29 Maggio 2010 , Scritto da CARANAS Con tag #FUSCALDO

"Quando ci sediamo a tavola vogliamo mangiare a gusto nostro e non col menù di Benedetto Croce”. 

                                                                                                                                                                    di Carmelo Anastasio

  don pietro

La cultura calabrese deve molto a questo umanista , e noi fuscaldesi ancora di più. Un uomo libero che  ha assimilato il gusto della libertà trasmettendolo come  messaggio ; anche a me che l’ho conosciuto e stimato. Le sue opere le ho lette con lo stesso gusto che provo oggi nel leggere A.Camilleri e fui molto felice quando anni fa , accingendomi a scrivere sui valdesi, trovai nella biblioteca  Claudiana  di Milano i suoi due volumi    “ Un antico paese del sud”. Mi sembrò che la sua Fuscaldo, la nostra Fuscaldo,  scorresse nelle vene anche qui a 1200 Km di distanza  insieme all’Accademia Cosentina  che l’ha avuto tra i suoi Soci Ordinari più attenti. Quando di pomeriggio l’incontravo in piazza o negli uffici del comune , il suo era sempre un sorriso aperto , leale finestra generosa e rispettosa degli altri. Di uomini  così impegnati e intelligentemente fattivi a Fuscaldo ne ho  incontrato pochi ; forse sarebbe meglio scrivere non ne ho incontrati più. Era così interessante e divertente discutere con lui alle 6.45 del mattino sulla corriera che portava a Paola noi studenti e lui professore......Non perdeva un’occasione per valorizzarci trasmettendoci l’amore per Fuscaldo ; sembrava che più che raccontarla la storia del nostro paese , la interrogava  facendola diventare realtà viva , una fotografia storico-umanistica palpitante.

Fu storico, poeta , ma a mio avviso anche filosofo amante della cultura  che viveva come atto creativo dello spirito. Un gran signore Pietro De Seta anche per disponibilità e gentilezza. Un maestro per me che mi avvicinavo adolescente alla scrittura : “ Carmè , puoi tenerli questi scritti dell’Accademia, vedo che t’interessano molto”. Si trattava di un saggio critico della poesia di Giuseppe Selvaggi  giornalista e poeta di Cassano. Conservo ancora quella dispensa.

Don Pietro non aveva paura d’esporsi nel suo lavoro letterario. Nella sua opera “  La grande      poesia    silenziosa” entrò    addirittura    in   polemica con Benedetto Croce : “ Quando ci sediamo a tavola vogliamo mangiare a gusto nostro e non col menù di Benedetto Croce”.

Pietro De Seta fu  saggista letterario, ma soprattutto storico amante della ricerca appassionata . Avrà trascorso infinite ore negli archivi storici di Napoli e in quello di Cosenza. Attraverso il maestro ho imparato a conoscere i grandi di Calabria : Cassiodoro, Telesio, Campanella, Gioacchino da Fiore, i classici Pitagora e Milone e tanti altri. La lettura dei  suoi due volumi che raccontano di Fuscaldo è piacevole e scorrevole ; una storia che acquista un valore di sovranità nella bellezza che possiede. Leggendola , sembra di leggere la storia di un mondo , quello di uomini fatti di anima , uomini che non hanno confini né di spazio né di tempo, un po’ come in “Cent’anni di solitudine “ di G. Màrquez  scritto diversi anni dopo.

 

 

                De Seta-copia-1

 

  

                                                                       

Mostra altro

GLI ULTIMI GIORNI DI " FARO' "

28 Maggio 2010 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

 

Berlusconi sta ormai cercando un salvacondotto per mollare tutto e uscire di scena

                                                                                di Caranas

imagesCA6AW4JL

Avrete notato sicuramente che dallo scontro con Fini il volto del premier è sempre più scuro, le mascelle serrate, la voce sempre più rimbombante , lo sguardo spesso rivolto in basso, il corpo contratto, indurito. Quasi una maschera del riposo del guerriero o dell’amante di lady Chatterley messo all’indice . Il premier incomincia a vivere in prima persona i primi sussulti di un regime in disfacimento, di un'ideologia che genera ormai soltanto ferocia tesa a una impossibile sopravvivenza. Un Berlusconi verso "gli ultimi giorni della Repubblica del  Farò ", quello che scantona raggelando il pubblico dell'assemblea di confindustria , lo stesso che , a mio avviso , di malavoglia, ha presentato le linee guida della manovra aggiuntiva  "lacrime e sangue" ( ma in realtà molto di più per chi ha uno stipendio di 800 € al mese), fatta di "sacrifici voluti dall'Europa" (grande menzogna) manovra causata dalle cattive gestioni passate "della sinistra statalista" ( e te pareva!). Più rilassato appariva la"spalla" (sua e di Bossi) , il Giulio Tremonti che nella recitazione straordinaria, conscio di un traguardo sognato e fiducioso nell’eredità che potrebbe capitargli da un momento all’altro , ma conscio anche di averla  fatta grossa, di aver portato il governo del ducetto verso lo strapiombo, così ha sparato il suo annuncio funebre : "Questa manovra è del Presidente del consiglio. E' lui il responsabile primo!".  E quando incominciano ad accusarsi tra loro "malutempu è ".  Chissà se stiamo marciando verso le  elezioni anticipate... penso però che sia più reale pensare a un prossimo  "esilio dorato". Berlusconi si considera un grande della storia ... che se ne vada anche lui a Sant'Elena !

 

 

 

Mostra altro

50 ottimi motivi per dire basta a Berlusconi

26 Maggio 2010 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

 chi ha votato per il Pdl si è reso complice

  Pinocchio

 

 

 

 

 

Caro elettore  che voti Berlusconi , ti elenco ( oggi che non ho ancora il bavaglio) una serie di motivi che dovrebbero servirti per riflettere un attimo sulle tue scelte elettorali in modo che tu possa capire di esserti reso complice del male d’Italia  che sta attentando  ai principi fondanti dello stato di diritto e della costituzione approvando leggi a proprio uso e consumo. Sono fatti e non chiacchiere  che   stanno uccidendo la democrazia .

   

Ecco l’elenco (da Democrazia in rete ) :

   

1) Berlusconi appena tornato al governo ha abrogato norme di contrasto all'evasione fiscale varate dal governo precedente.

   

2) Ha abolito i tetti agli stipendi dei manager pubblici varati dal precedente governo.

   

3) Ha abrogato le norme più restrittive varate dal precedente governo sull'utilizzo dei voli di stato.

 

4) Ha cancellato la legge n.188 del 17 ottobre 2007 fatta dal governo Prodi che contrastava la sottoscrizione delle “dimissioni in bianco” (pratica illegale tesa ad obbligare i neoassunti a firmare una lettera di dimissioni priva di data, contestualmente alla sottoscrizione del contratto di lavoro) da parte del lavoratore al momento dell'assunzione, così da poter poi ricattare e licenziare il lavoratore in qualsiasi momento.

   

5) Non si è detto che i debiti di Alitalia sono finiti tra i debiti dello stato ma si è parlato di un fantomatico salvataggio da parte del “messia” Berlusconi che invece l'ha svenduta ai loschi personaggi della Cai.

   

6) Si è nascosta la gravità della  proposta di legge blocca-intercettazioni, che favorisce i delinquenti e mette il bavaglio al diritto di cronaca.

 

7) Si sono nascosti i tagli che sono stati fatti alla scuola (150 mila posti di lavoro in meno in 3 anni) e all'università facendo passare una legge di bilancio come riforma.

 

8) L'Italia è stata condannata a pagare una multa di 350 mila euro per ogni giorno di ritardo nell'applicazione della direttiva europea a partire dal 1° gennaio 2009 e con effetto retroattivo fino al 1° gennaio 2006 (circa 130 milioni di euro all'anno) perché Rete 4 trasmette in modo abusivo sulle frequenze analogiche che spettano ad Europa 7.

 

9) Il governo Prodi aveva già detratto di 200 euro l’Ici a tutte le prime case, escluse ville e castelli, con la Finanziaria del 2008, mentre Berlusconi ha completato togliendo l’Ici alle famiglie più ricche e benestanti che non ne avevano certamente bisogno.

 

10) Dopo essere stata rinviata per due volte, il primo gennaio 2010 è entrata in vigore la class action, ma risulta fortemente debilitata rispetto alla vera class action come negli Stati Uniti. Infatti: si è deciso che i creditori di Parmalat e Cirio non potranno essere risarciti dato che non sarà retroattiva; le associazioni dei consumatori non avranno la possibilità, come previsto inizialmente, di farsi promotori delle azioni legali, ma solo di ricevere il mandato dai cittadini danneggiati; i cittadini danneggiati devono vantare dei "diritti identici", non basta che siano omogenei; niente azione collettiva contro le società di revisione, amministratori delle società quotate e agenzie di rating; non sarà possibile ricevere un risarcimento che vada oltre al danno subito, il cosiddetto “danno punitivo”; la parcella degli avvocati che seguono la causa potrà essere incassata solo in caso di vittoria; la class action nella P.A. non prevede risarcimenti, come nel caso dei ricorsi collettivi nel settore privato, ma punta solo al miglioramento nella produzione del servizio, correggendone le eventuali storture.

 

11) Sono state rinviate alcune norme sulla sicurezza del lavoro presenti nel T.U. ed è stato approvato un decreto correttivo al Testo Unico sulla sicurezza, che fu varato dal Governo Prodi, il quale peggiora gravemente il testo, abbassando di fatto le tutele per i lavoratori.

 

12) Sono stati privatizzati enti beneficiari di beni pubblici come le risorse idriche.

 

13) Si sono dati aiuti alle banche tramite l'emissione dei cosiddetti Tremonti Bond e, contemporaneamente, non sono stati trovati soldi per i precari.

 

14) Le bugie e promesse non mantenute ai terremotati abruzzesi:

   

− il governo si è preso il merito per la consegna delle prime case a Onna che invece sono state realizzate con i fondi raccolti dalla Croce Rossa; si tratta delle prime case di legno per le quali la Croce Rossa ha impiegato 5 milioni e 200 mila euro: 94 unità abitative costruite per iniziativa della Protezione civile su progetto realizzato dalla Provincia autonoma di Trento;

 

 − niente rimborso totale per la ricostruzione di tutte le abitazioni (il governo copre solo un terzo della cifra totale a fondo perduto, il resto deriva da un mutuo a tasso agevolato e dal credito d’imposta);

 

− a partire dal 1° luglio 2010 riprenderà la tassazione normale e, se non arriverà la copertura finanziaria, si dovranno restituire le imposte non versate nei mesi di sospensione, ovvero un trattamento molto peggiore rispetto a quello riservato per i terremotati del Molise, delle Marche e dell’Umbria;

   

− a un anno di distanza dal terremoto, il centro storico dell'Aquila è ancora chiuso ai cittadini e la ricostruzione non è iniziata.

 

15) Berlusconi si è fatto approvare dalla sua maggioranza e governo il lodo Alfano, una legge sull'immunità per le alte cariche dello stato, dichiarata incostituzionale, fatta per risolvere i propri problemi giudiziari, che gli ha consentito di stralciare la sua posizione nel processo a carico suo e di Mills, e lo stesso lodo Alfano è servito al sig. Berlusconi per rinviare il processo a suo carico per diffamazione nei confronti di Antonio Di Pietro.

 

16) Il consiglio di ministri non ha voluto sciogliere il consiglio comunale di Fondi per infiltrazioni mafiose, diversamente da quanto fatto per altri comuni, nonostante vi siano stati 17 arresti il 6 luglio 2009.

   

17) È stata approvata la norma sullo “scudo fiscale” (riciclaggio di stato) che aiuta i criminali a “lavare” il denaro sporco e ad assicurare loro l’impunità.

   

18) Con il “piano casa” viene autorizzata la cementificazione selvaggia del territorio e si favoriscono gli affari della criminalità organizzata che mette le mani sugli appalti.

 

19) Il governo Berlusconi ha emanato norme contenute nel pacchetto sicurezza, fortemente criticate da “Famiglia Cristiana” e da autorevoli esponenti della Conferenza Episcopale: norme razziali sull’immigrazione che equiparano il clandestino ad un delinquente e l’istituzione delle ronde, per un megaspot a favore del governo, cavalcando l’onda emotiva esasperata dalla visibilità data dai media ad alcuni episodi avvenuti in un particolare periodo (gli stupri mica sono finiti, perché non se ne parla più come prima?); si istituiscono le ronde, che sono totalmente inutili, mentre sono stati tagliati i fondi alle forze d'ordine, sono stati tagliati 7.900 cancellieri e 1.800 ufficiali giudiziari al funzionamento della giustizia (manca persino la benzina per le volanti): che modo è di fornire la sicurezza?

 

20) Il governo Berlusconi ha approvato una leggina ad personam per Corrado Carnevale (quel magistrato che fu noto come "l'ammazzasentenze", per via dei processi di mafia che annullava dalla Suprema corte per vizi formali) per consentirgli di ricoprire l'incarico di primo presidente della Cassazione alla veneranda età di 80 anni anche se i colleghi vanno in pensione a 75.

   

21) Sono stati ridotti gli ecoincentivi cioè le detrazioni sui lavori di riqualificazione energetica sulla casa (impianti solari termici, impianti di climatizzazione invernale con caldaie a condensazione, finestre con doppivetri,ecc...) introdotti da Prodi con la Finanziaria 2007 e confermati sempre da Prodi con la Finanziaria 2008.

   

22) E’ stato rinviato prima di un anno, e poi ancora di un anno, l'obbligo per gli edifici di nuova costruzione d’essere alimentati con «impianti per la produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili» per una produzione energetica di almeno 1 kW per ciascuna unità abitativa previsti dal governo Prodi nella legge finanziaria per il 2008.

 

23) Il governo Berlusconi ha stabilito che l’Italia stanzierà 5 miliardi di dollari nei prossimi 20 anni al dittatore libico Gheddafi a titolo di risarcimento per i danni causati durante l’occupazione coloniale in cambio di un controllo dei flussi migratori, però si stanno attuando respingimenti dei barconi carichi di naufraghi e rifugiati in attesa di asilo, violando le norme del diritto internazionale; inoltre, da un documentario di Gatti sull’Espresso, risulta che gli immigrati bloccati in Libia dall'accordo Roma-Tripoli vengono abbandonati nel deserto ai confini col Niger e di fatto ciò rappresenta una forma di condanna a morte.

   

24) Berlusconi ha risolto il problema della spazzatura a Napoli?

 

Tutto falso ovviamente.

 

Innanzitutto il problema non è risolto, al momento è stato possibile ripulire le strade della città, mentre in alcune zone della provincia ci sono ancora cumuli di spazzatura per la strada, grazie all'apertura delle discariche di Savignano Irpino e Sant'arcangelo Trimonte, stabilite con l'ordinanza del 5 marzo 2008 fatta da Prodi. Poi è stata realizzata una discarica a cielo aperto in un’area denominata “sito di interesse strategico nazionale” in località Ferrandelle, che si trova tra i comuni di Casal di Principe, Santa Maria La Fossa e Grazzanise.

   

Inoltre Berlusconi ha millantato anche la realizzazione dell’inceneritore di Acerra, che era già in fase di ultimazione quando è tornato al governo, ma c'è da ricordare che è adibito per bruciare solo le ecoballe, mentre dalla denuncia del sindaco di Acerra, nell’inceneritore viene bruciato qualsiasi tipo di rifiuto; ciò sta mettendo in grave pericolo la salute dei cittadini di Acerra. Da ricordare che dal 2001 al 2006, il governo Berlusconi non si è occupato per niente dei problemi di Napoli e della Campania.

   

25) È stato abrogato l'obbligo di allegare all'atto di compravendita (o di locazione) di un immobile l'attestato di certificazione energetica che andava incontro all'interesse di acquirenti e inquilini di conoscere l'efficienza energetica di un'abitazione prima dell'acquisto.

   

26) Il governo Berlusconi ha introdotto la “Tassa Sky” ai quasi 5 milioni di abbonati Sky raddoppiandogli l’Iva sull’abbonamento.

 

Siccome in questi anni Sky stava crescendo e stava facendo concorrenza a Mediaset rubandogli telespettatori e quindi introiti pubblicitari, il premier ha pensato bene di approvare una nuova leggina (in conflitto di interessi) per tirare una bella mazzata agli abbonati Sky così da fargli disdire l’abbonamento e ridimensionare Sky a favore di Mediaset e a scapito del pluralismo e della concorrenza.

 

 27) Il governo ha reintrodotto l'obbligo dei bollini Siae tramite decreto nonostante una sentenza contraria della Corte Europea.

 

28) Il governo Berlusconi decide di puntare sulla tecnologia nucleare di terza generazione che è obsoleta ed antieconomica, oltre ad essere pericolosa socialmente e per l’ambiente, che sarà un affare per le lobby francesi e non potrà portare alcun beneficio nell’immediato, visto che per costruire una centrale nucleare occorrono 10 anni.

 

29) Il governo Berlusconi dice no al solare termodinamico con l’approvazione della mozione n° 1-00155 di D’Alì, Gasparri, e sposta gli investimenti dal solare termodinamico al nucleare.

 

30) Il ministro della Cultura Bondi ha rifinanziato per il 2009, con soldi pubblici, la Fondazione Craxi, cioè la fondazione in memoria di un politico corrotto, morto latitante con due sentenze definitive di condanna a complessivi 10 anni di reclusione.

 

31) Il governo ha congelato gli 800 milioni di euro che aveva promesso di stanziare per la diffusione della banda larga.

 

32) L'emendamento n. 2.1385 alla Finanziaria per il 2010 riscrive buona parte degli articoli del Testo unico delle spese di giustizia (dlgs 115/2002) e aumenta il costo della giustizia per molte cause, ad esempio 38 euro in più per ogni ricorso al giudice di pace per multa.

 

33) Nella finanziaria 2010 sono stati varati tagli agli enti locali, danno che si aggiunge alla beffa delle sanzioni per chi non rispetta il patto di stabilità interno.

 

34) L’articolo 2 comma 23 della legge Finanziaria 2010 stabilisce che le forze armate italiane smettono di essere gestite dallo Stato e diventano una società per azioni alimentata con soldi pubblici che fa affari privati. Questa spa potrà costruire centrali energetiche d'ogni tipo sfuggendo alle autorizzazioni degli enti locali: dal nucleare ai termovalorizzatori, nelle basi e nelle caserme privatizzate sarà possibile piazzare di tutto. Segreto militare e interesse economico si sposeranno, cancellando ogni parere delle comunità e ogni ruolo degli enti locali.

 

35) I beni confiscati alla mafia potranno essere ricomprati dalle organizzazioni criminali tramite aste pubbliche avvalendosi di banali prestanome.

 

36) Nella Finanziaria 2010 non sono state finanziate alcune infrastrutture strategiche, come il completamento dell’alta velocità ferroviaria o i sistemi di trasporto urbano su rotaie, ma sono stati stanziati 470 milioni per il ponte sullo stretto di Messina, che appare sempre più un’opera inutile visto che mancano gli adeguati collegamenti stradali sulla terraferma.

 

37) La manovra Finanziaria 2010 trascura le famiglie colpite dal disastro di Messina, dimentica la famiglia non prorogando il bonus, non cita nemmeno i più poveri. È previsto per il 2010 un decremento del Fondo per l'occupazione di 100 milioni di euro e mancano interventi per sostenere il potere d’acquisto dei redditi bassi e delle pensioni. Per non parlare dei terremotati de L’Aquila, chiamati a restituire il 100% delle tasse sospese. Il capitolo più pesante, dal punto di vista finanziario, è l’assenza di risorse per i rinnovi contrattuali dei pubblici dipendenti.

 

38) Lo stanziamento dei 103 milioni di euro per la fornitura gratuita dei libri di testo nella scuola dell'obbligo, che nella Finanziaria 2010 era stato inizialmente soppresso, è affidato al recupero dei fondi provenienti dallo scudo fiscale. Inoltre dallo scudo fiscale fondi per 130 milioni nel 2010 per il sostegno alle scuole non statali.

 

39) Con il decreto del ministro Bondi del 30 dicembre 2009, il governo estende a tutti i prodotti elettronici dotati di memoria  il cosiddetto “equo compenso”, somma che i produttori di beni tecnologici devono versare a Siae, a “compenso” della copia privata che l’utente può fare utilizzando i supporti di memoria; l’equo compenso ha fatto aumentare il prezzo di tali prodotti. Prima di tale decreto, l'equo compenso era gravato, così come in altri paesi d’Europa, solo su supporti (cd, dvd) e su masterizzatori. L'assurdo è che in Italia l'industria o i consumatori finanziano Siae anche per prodotti che non c'entrano nulla con la copia privata, o che c'entrano solo marginalmente.

 

40) Non è stato restituito il fiscal drag degli ultimi due anni e sono stati svuotati, mediante il click day, i crediti di imposta per ricerca e innovazione, e per gli investimenti nel Mezzogiorno.

 

41) Il disegno di legge voluto dal ministro Gelmini stabilisce tagli indiscriminati alla ricerca e aumenta la precarietà dei ricercatori con la figura del ricercatore a termine e con la messa ad esaurimento del ruolo dei ricercatori, invece di prevedere per i precari reali sbocchi in ruolo e per i ricercatori il pieno riconoscimento del loro ruolo docente.

 

42) E’ stato approvato il ddl sul lavoro, che contiene norme sull'arbitrato per risolvere le controversie di lavoro e indebolisce o vanifica l'art.18 dello Statuto dei Lavoratori. Così, dopo l'eliminazione delle misure sulle dimissioni in bianco, le deroghe alle norme e l'indebolimento delle sanzioni sulla sicurezza sul lavoro, la rimozione dei limiti ai contratti a termine, il re-inserimento dei contratti a chiamata, la cancellazione della responsabilità in solido dell'appaltatore con il sub-appaltatore per arginare il lavoro nero, si arriva persino a smantellare le tutele contro gli ingiusti licenziamenti.

 

43) La decisione del Cda della Rai di sospendere i programmi di approfondimento politico in campagna elettorale è una grave violazione del diritto dei cittadini ad essere informati ed anche del dovere del servizio pubblico radiotelevisivo di dare un’informazione plurale e corretta.

 

44) Con il decreto Romani, viene tagliato di un terzo lo spazio pubblicitario per Sky, e viene premiata invece Mediaset trasformando le televendite in programmi, e non più in spazi pubblicitari. Aumenta perciò la pubblicità che le reti del Biscione potranno mandare in onda a scapito di Sky. Il decreto interviene anche sulla rete, equiparando alcuni siti web, considerati “servizi audiovisi”, che trasmettono video in streaming, ai canali tv.

 

45) E’ stato approvato il cosiddetto legittimo impedimento, che andrebbe definita legge scansa processi per Berlusconi e i ministri. Saranno oggetto di legittimo impedimento a sottrarsi alle convocazioni in sede giudiziaria anche tutte quelle attività "coessenziali" alle funzioni di governo. A certificare che esiste un impedimento "continuativo e correlato allo svolgimento delle funzioni", sarà la Presidenza del Consiglio.

 

 

46) Da intercettazioni telefoniche condotte dalla procura di Trani, legate a un'inchiesta su carte di credito e tassi di usura, risulta che Berlusconi, nel tentativo di mettere il bavaglio ad Annozero, ha fatto pressioni su Giancarlo Innocenzi, membro dell'Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, con inviti molto espliciti a chiudere il programma; nell’ambito della stessa inchiesta della procura di Trani, risulta da un’altra intercettazione che il direttore del Tg1 Minzolini ha promesso a Berlusconi di intervenire con editoriali per screditare Spatuzza e alcuni magistrati.

 

47) Con il cosiddetto decreto “salva liste” il governo è intervenuto, abusando della costituzione (comma IV art. 72, art.117 della costituzione), nel tentativo golpista di cambiare le regole nel corso della competizione elettorale.

 

48) Con il decreto Bondi sulle Fondazioni Lirico-Sinfoniche vengono tagliati fondi alla lirica, arrecando grave danno alla cultura. Infatti, il decreto prevede lo stop ad assunzioni e concorsi; il blocco del turn over; il divieto di lavori extra come insegnare in Conservatorio; la discussione sugli integrativi nei contratti presso l'agenzia nazionale Aran e non più nei singoli teatri; ballerini in pensione a 45 anni; sparizione dei corpi di ballo, di arti e mestieri altamente specializzati che nascono e crescono nei teatri stessi.

 

49) Il Governo ha negato lo stanziamento dei fondi Fas (ridotti in Finanziaria 2010 di 200 milioni di euro) per la copertura del deficit sanitario a 4 regioni (Campania, Lazio, Calabria, Molise) e ha invitato i loro governatori ad alzare le tasse fino al ripianamento del deficit.

 

50) Ben 31 miliardi di euro sono i fondi che il governo ha sottratto al mezzogiorno negli ultimi due anni, prelevandoli dal Fondo aree sottoutilizzate (Fas): 53,7 miliardi destinati al mezzogiorno, dei 63 miliardi stanziati dal governo Prodi nella Finanziaria 2007, insieme al Fondo sociale europeo; tali fondi, vincolati a interventi per lo sviluppo e l´occupazione al Sud, sono stati ridistribuiti verso le regioni del nord e in ambiti non direttamente connessi con la missione concernente il riequilibrio territoriale.

 

Insomma, il governo Berlusconi toglie ai poveri per dare ai ricchi e non si preoccupa della grave situazione precaria di milioni di famiglie a ridosso e al di sotto della soglia di povertà, ma anzi si cerca di nascondere la situazione di questa gente, facendo apparire che niente di drammatico ci sia.

 

 

 

 

Mostra altro

Dei miei vent’anni che me ne faccio...

24 Maggio 2010 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

R-esistenza 

                                                                  di Caranas 24

 Eh si erano altri tempi! Ma perché in Bolivia (es. Cochabamba) o a Cartagena in Nicaragua quando una legge non piace i cittadini scendono subito in massa in piazza e qui in Italia siamo capaci di farlo solo quando gioca la nazionale di calcio? Com’erano diversi gli anni ‘70 ! “ Ora e sempre resistenza “ - “ El pueblo unido jamas sera vencido” gridavamo . Quel popolo che reagiva è stato archiviato insieme ai partiti della prima repubblica. Passerà... non l’attacco di bile quotidiano dovuto all’italiota, passerà il decreto sulle intercettazioni e noi saremo ancor meno liberi. Passerà nell’indifferenza generale, nell’immobilismo dei partiti di opposizione e l’impunito resterà sempre più impunito (non vedrà mai la galera) e continuerà a sfornare obbrobri giuridici sempre più limitativi del nostro viver quotidiano. Il popolo sovrano c’è abituato e si adeguerà obtorto collo.

“Signora mia, sapesse quante volte l’ho sognata e nei miei sogni la vedevo addormentata… “ più o meno saranno questi i contenuti delle future intercettazioni. Non più il baccagliare mafioso. Siamo alla follia psicotica. E certamente ci saranno incrementi nella vendita di benzodiazepine e picchi di sindrome apneica durante il sonno. Si sa, il bavaglio non fa respirare.

 

Mostra altro

Extraterrestre portami via ... Berlusconi non ti sopporto più e non voglio più pagare le tue malefatte e la doccia al papa

21 Maggio 2010 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

PERCHĖ DEVO PAGARE LA DOCCIA AL PAPA ?

 

                                                        di Caranas

 

fontana_a_piazza_san_pietro_roma_01.jpg

 

Ieri sera  Annozero , una puntata quasi interamente dedicata allo scandalo degli abusi sui minori perpetrati da preti e religiosi.  Quello che più mi ha fatto indignare è la spiegazione  servile  da parte di  Socci (per non parlare delle omissioni  del vescovo Sigalini ),  considerato che  per decenni si è  agito badando più a non creare scandali pubblici che a dare la dovuta attenzione al dramma delle vittime. Ma c’è un altro scandalo che tocca direttamente le nostre tasche , una vergogna  più legata  al nostro      territorio/risorsa e all’economia :  visto che il regno predicato dal clero non è di questo mondo , come mai a questa Chiesa “arraffa arraffa “, che mortifica continuamente la povertà ( "il papa veste Prada” ) noi italiani dobbiamo pagare 5 milioni di metri cubi d’acqua all’anno?

Direte voi che è previsto dal Concordato del ’29 , dall’art. 6 che parla di una fornitura da parte dello stato di un’adeguata dotazione d’acqua in proprietà al Vaticano. Ma vediamo il dettaglio : nel 1999 la Città del Vaticano si allaccia alla ACEA  che chiede subito allo Stato italiano di risanare il debito della Chiesa per 44 miliardi di lire dovuti per le acque di scarico. E l’Italia paga. Da allora però la Chiesa avrebbe dovuto pagarsi da sola la bolletta per circa 4 milioni di euro all’anno. Ma non paga perché non riconosce l’ACEA in quanto società “straniera” . Ma che cavolo vuol dire ? Per ricevere l’acqua riconosci l’ACEA e per la tassa sullo scarico no? Nel 2005 altra batosta per l’Italia  che salda altri 25 milioni di euro per il conto dell’acqua.

Berlusconi ci provò nel 2001  a sistemare la faccenda dell’acqua benedetta ( ecco perché il costo è elevato) ma il Vaticano rispose che era disposto a pagare solo 1100 € di contributo per realizzare un depuratore. E Berlusconi  preoccupato della perdita di consensi cedette. Così fino ad oggi abbiamo saldato bollette per circa 51 milioni di euro.

Conclusioni : se non pago la mia bolletta non avrò più il servizio dell’acqua , se la pago , pago anche le docce di Ratzingher.

 

 

 

Mostra altro

TELESOGNO O TELESUONO?

19 Maggio 2010 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

 

Santoro : una persecuzione da 2,7 milioni di euro . Travaglio, Vauro, Ruotolo e Innocenzi i nuovi orfani della tv pubblica.

 

                                                               di Caranas

 santoro_michele.jpg

 

Non mi è mai piaciuto chi fa i “pirsiungoli” (espressione calabrese che vuol dire andare avanti e indietro) e Santoro è campione in questo sport. Aveva già abbandonato la Rai per passare a Mediaset , era poi ritornato in Rai forte di una sentenza del Tribunale di Roma che sanciva il diritto del Michele di condurre « programmi di informazione di prima serata », e ora un nuovo passaggio non a Mediaset ma in uno status che renderà al giornalista un po’ di milioni di euro alla faccia della crisi.  Pare che il nuovo progetto di Santoro sia quello di creare una nuova tv alternativa tipo Telesogno già ideata con Costanzo negli anni ’90 ma mai realizzata. C’è dietro l’angolo la “Redtv” di D’Alema , un canale satellitare riformista e quando il Massimo si mette in mezzo è difficile poi raggiungere un guadagno Minimo.

La nuova è l'accordo/divorzio consensuale tra Santoro e la Rai. Mauro Masi ha fatto al conduttore una proposta vantaggiosa che frutterà, se perfezionata da altri contratti, diversi milioni di euro al Michele nazionale  per la sua nuova collaborazione con la realizzazione/produzione di docu-fiction da cinque puntate ciascuna da cedere al servizio pubblico.

L’azienda ci perde dicono Lerner e Annunziata ;  a me sinceramente non frega nulla , tanto ormai Santoro non era più quello di Samarcanda ed il suo ruolo ultimamente si era ridotto a quello di mediatore.

Chissà cosa staranno pensando in questo momento Travaglio, Vauro  e Innocenzi ......

Ruotolo ? No , lui no! anche se ultimamente ripreso un po’ in diretta dal Santoro, lui non verrà abbandonato dal maestro.

Ognuno è libero di firmare i contratti che vuole. A noi resta il diritto di non dimenticare.

 

 

 

 

Mostra altro

Di tutti i colori...

17 Maggio 2010 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

I COLORI DI BERLUSCONI

 

palermo-babbaluci-3.jpg

 

 

I COLORI DELL'OTTIMISMO

 

FOTO-ATICOLI-2-0107p.JPG

 

 

I COLORI DELLA REALTA'

 

colori.jpg

Mostra altro

Finanziaria da 27 miliardi "Ma senza nuove tasse"

17 Maggio 2010 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

La crisi c'è , se n'è accorto anche il gattocomunista  del premier
                                                                                                                                       di Caranas
E diamogli da mangiare poverino!
Io, a questa finanziaria europea del Giulio Tvemonti non ci credo perchè inganna già dal titolo. Quando si vuole far digerire la purga si fa riferimento all'Europa ed agli altri paesi che stanno peggio. Come fa in questo momento CapezzOne che sta osannando il Buce , propagandandolo  a "Il Fatto del giorno". Li mortacci sua !
E ci si mette anche il Ministro Brunetta  (" piantala o ti prendo a calci in cu... gli disse qualche mese addietro Tvemonti)  a ribadire che serve a mettere in sicurezza i conti pubblici. Tutto questo mentre le banche pagate dal governo italiano , pagano interessi sui conti bancari dello 0.001!   La Grecia è sempre più vicina ed il Portogallo anche. Ma come ? Migliaia di italiani aspettano il rinnovo del contratto scaduto già nel  2006 e tu lo blocchi? Ma va a murì ammazzato mi verrebbe da dire. Proprio adesso che i soldi servono.
Caro ministro ci hai rotto i  tresquillacqueri ! pensa invece ad utilizzare i soldi messi a disposizione per il ponte sullo stretto che non serve a nulla , pensa invece a requisire (come per i beni  sequestrati alla mafia) le case acquistate dai politici con fondi di dubbia provenienza, pensa a pagare il salario di chi ha lavorato e regolarmente, elimina tutte le auto blu che non servono a un cabit compresa quella dell'ex presidente Scalfavo . Taglia del 60 % i contributi a partiti e giornali di partito (altrimenti dalli anche a  noi blogger , perchè anche noi facciamo informazione!) . Non voglio poi parlare del leader della Cisl perchè non mi basterebbero gli aggettivi per definirlo "leccaculculculcul "  il tacchino del potere.
Mostra altro

L'impedimento di Mister B

15 Maggio 2010 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

Per la causa di separazione con l'ex consorte Veronica,  il premier in tribunale ci è andato...   Il suo impedimento per le altre cause  sarà   legittimo ?

 

legittimo_impedimento_0_medium_300.jpg

Mostra altro

Amici miei

14 Maggio 2010 , Scritto da CARANAS Con tag #ATTUALITA'

Una clip dal Film  "Amici Miei " del grande Mario Monicelli.
In quel periodo ci divertivamo moltissimo sul set (facevamo le comparse - Monicelli ci fece lavorare in   " Romanzo Popolare " con Tognazzi, Michele Placido, Ornella Muti )
                                            
                                                                                                                                                   di Caranas
Quali politici mettereste su quel treno?
Mostra altro
1 2 > >>