Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
Blog  di Caranas

LE VIGNETTE DEL SABATO

26 Gennaio 2013 , Scritto da CARANAS Con tag #SATIRA UMORISMO COLTO

ALLESTITA-LA-MACCHINA-ELETTORALE.jpg

lol.jpg

v_A-copia-1.jpg

200110417_priapo.jpg

26012013.jpg

0457---Monti-dei-Paschi--25.GEN.13-.jpg

Mostra altro

CHE ORGANIZZAZIONE ! E VOGLIONO GOVERNARE L’ITALIA ! Sindaco Pdl decade a sua insaputa fatale la candidatura alla Camera

26 Gennaio 2013 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

Faccia-di-catz.jpg

Luigi Pompilio è finito nella lista per Montecitorio all'ultimo minuto e dalla segreteria regionale non hanno calcolato che per il primo cittadino sarebbe scattata l'ineleggibilità. L'imbarazzo dei vertici del partito berlusconiano: "Serve maggiore coordinamento"

FOGGIA - Decadere dalla carica di sindaco senza saperlo. Al primo cittadino di San Giovanni Rotondo Luigi Pompilio è accaduto proprio questo 'inconsapevole' infortunio. Troppa fretta o scarsa conoscenza dei comuni della Puglia da parte della segreteria regionale del Pdl ma anche poca dimestichezza da parte del primo cittadino con le normative che regolano le candidature. Pompilio infatti si è candidato alla camera dei deputati per il Pdl senza sapere che in realtà questa operazione lo avrebbe fatto decadere da sindaco in quanto alla guida di un comune con una popolazione che supera i 5000 abitanti. 

La legge 14 settembre 2011 n. 148 stabilisce infatti che "le cariche di deputato, senatore, parlamentare europeo nonché le cariche di governo sono incompatibili con qualsiasi altra carica pubblica elettiva di natura monocratica relativa ad organi di governo di enti pubblici territoriali con popolazione superiore a 5.000 abitanti". Prima di questa norma, la materia era regolata dal Testo unico delle leggi elettorali  del 30 marzo 1957, n 361, che manifestava  espressamente l'incompatibilità tra deputati e senatori con i sindaci dei comuni superiori ai 20.000 abitanti. I circa 28.000 abitanti della città di San Pio fugano ogni dubbio.

 

Mostra altro

IL MALORE DI BERLUSCONI (vignetta Caranas)

25 Gennaio 2013 , Scritto da CARANAS Con tag #SATIRA UMORISMO COLTO

IL MALORE DI SILVIO

Mostra altro

SFORZI INUTILI

25 Gennaio 2013 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

jpg_2198944.jpg

In questa confusione politica in cui la TV la fa da padrona, dovremmo rafforzare l'informazione via web per evitare che il caimano vinca ancora magari accordandosi con Bersani per salvarsi il culo dai processi e per le sue aziende. 

Ci stanno massacrando di tasse e nuove tasse e noi stiamo ancora lì a cercare la battuta forte di Bersani che pure ci va in televisione e nessuno di questi merdosi farisei propone un progetto/programma semplice come quello sotto riportato ( e non mi si venga a dire che le risorse mancano- per gli F35 ad es. si sono trovate ? per l'intervento in Mali , si sono trovate ? Per l'Afghanistan ci sono ? ecc.ecc.):

  • abolizione totale dell'IMU su prima casa senza se e senza ma                 ( indipendentemente dal valore dell'immobile );
  • IRPEF al 35 %
  • IVA al 20 %
  • Tassa rifiuti al 4 %
  • patrimoniale per i grandi redditi a partire da 1,2 ml di €
  • trasformazione dei contratti precari a tempo indeterminato per almeno un periodo di cinque anni
  • esonero al 50 % delle tasse per chi assume giovani senza lavoro

 

Basterebbe promettere ( e mantenere la promessa) almeno 4 di questi punti per vincere anche al senato. Bersani, SVEGLIA, il populismo di Berlusconi ti sta fregando ed adesso anche quello di Monti; stai mangiandoti tutto il vantaggio conquistato ed alle elezioni manca meno di un mese. Non chiudere la porta a Grillo e neanche ad Ingroia se vuoi vincere per la classe media italiana. Non stai mica lì a pettinar le bambole , no ?


Mostra altro

A CIASCUNO IL SUO

25 Gennaio 2013 , Scritto da CARANAS Con tag #SATIRA UMORISMO COLTO

giannelli--496x550-copia-1.jpg

 

Da sincero onesto comunista, qualcosa non mi quadra. Soprattutto quando Bersani si fa attaccare duro da Monti. Possibile che in poco più di un anno non abbia imparato a conoscerlo? Caro Bersani, non ti rendi conto che stai perdendo tutto quel vantaggio che avevi acquisito con le primarie ? La finisci di leccare Monti e Berlusconi ?


Mostra altro

I SONDAGGI SONO COME LA GLICEMIA E DIABETE, VANNO MISURATI OGNI GIORNO

25 Gennaio 2013 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

ROMA – Il sondaggio Demos dice: centrosinistra al Senato 38,5%, alla Camera 38,1, centrodestra al Senato 25,9%, alla Camera 25,8%, Monti  al Senato 16,1%, alla Camera 16,2%, Grillo al Senato 12,1%, alla Camera 13%, Ingroia al Senato 4,6%, alla Camera 4,5% (supera la soglia).

berlusconi-bersani-300x188.jpg

 

Quota di indecisi al 30%, molti dei quali nel 2008 votarono Berlusconi. Il sondaggio è di qualche giorno fa, dunque non tiene conto dello scandalo Mps che lambisce il Pd. Pubblicato oggi su Repubblica, smentirebbe, il sondaggio, la narrazione berlusconiana della grande rimonta, iniziata con il famoso duello tv da Santoro.

00000.jpg

Berlusconi contesta duramente il dato: intervistato su Canale 5 da Maurizio Belpietro nel programma mattutino “La telefonata”, nega il rallentamento e anzi conferma l’impetuosa risalita, ironizzando peraltro sulla veridicità delle notizie pubblicate da Repubblica.

Secondo i suoi di sondaggi, verosimilmente quelli forniti da Euromedia Research di Alessandra Ghisleri, è tutta un’altra musica: “Ora c’è un margine davvero stretto con il competitore, il distacco con il Pd non c’è più. In poche settimane recuperati 10 punti. Al Senato il margine è ormai inesistente ed è inferiore di cinque punti alla Camera. Nelle regioni più importanti vinciamo noi”.

 

Mostra altro

LO SCHIAFFO DI NAPOLITANO A MONTI

25 Gennaio 2013 , Scritto da CARANAS Con tag #SATIRA UMORISMO COLTO

Lo schiaffo di Napolitano a Monti-copia-1

Staffilata di Napolitano al premier Monti: Gianni Agnelli fu fatto senatore a vita da Francesco Cossiga, "un riconoscimento che mostrò di intendere pienamente nel suo significato e nel suo valore". Come dire: guardate come Monti ha approfittato di un laticlavio, nemmeno meritato, per salire in politica...

 

 

Mostra altro

MALEDETTO PORCELLUM

25 Gennaio 2013 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

Bersani dice che i sondaggi sono come la misura della pressione ogni giorno  e che le favole fanno perdere un giro. Intanto la situazione è tragica al senato dove il PD , anche con un'alleanza con Monti, sarebbe in vantaggio di un solo punto.

                                                                    Caranas

sondaggi-senato-bersani.jpg

Il lavoro diventa così sempre più vulnerabile e la sinistra si fa sempre più male da sola.Troppe formazioni di tutti contro tutti. la realtà è che ognuno guarda ai propri interessi personali e non alla collettività e la voglia di andare a votare vien sempre meno. Dovremmo imparare molto dai Paesi Scandinavi dove la democrazia è scritta con la "D" maiuscola. Troppi italiani dimenticano facilmente, forse l'unica cosa di cui si può essere fieri oggi è la RESISTENZA. Chi l'ha fatta le palle ce le aveva veramente.

Ampia maggioranza alla Camera per la coalizione che sostiene Bersani, che però non sarà autosufficiente al Senato.Una coalizione che oltre a Pd e Sel si apra al centro, invece, avrebbe ampi numeri per governare il Paese. Ben 181 seggi, contro i 168 che aveva la maggioranza Pdl-Lega nel 2008. Ma ha ragione Bersani a dire che non lascerebbe Vendola per Monti. Al Senato una coalizione Pd-Lista Monti avrebbe la maggioranza assoluta, ma per solo un seggio. Troppo fragile per poter governare. Dovremo ancora subire il caimano e gli scissionisti razzisti ladri leghisti, ma anche la Destra becera di Storace e la Polverini che non sentiva e non vedeva.

 

Mostra altro

Mps, Silvio Berlusconi non affonda sullo scandalo senese. Da Milano 2 alle Olgettine, i conti del Cav sono targati Monte dei Paschi

24 Gennaio 2013 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

“Non voglio espormi dando un giudizio su qualcosa che non conosco bene e su un'istituzione a cui voglio bene”. Avrebbe potuto pronunciare parole di fuoco sulla banca rossa, e sui legami tra Monte dei Paschi e il gruppo dirigente del Pci-Pds-Ds. Come accadde ai tempi del Caso Unipol. E invece stavolta Silvio Berlusconi evita la polemica. E non solo rinuncia all’attacco, ma depotenzia le raffiche del suo partito.

r-SILVIO-BERLUSCONI-REELECTION-large570.jpg

Tutto lo stato maggiore del Pdl da ieri ha pronunciato frasi avvelenate sui fondi che il governo ha dato in prestito all’Mps. Una cifra, dicono da Alfano a Cicchitto, pari ai soldi incassati con l’Imu. Una tesi su cui il Giornale di famiglia ha aperto con un titolo a nove colonne. Ecco che la rinuncia all’affondo da parte del Cavaliere è clamorosa. Sentite che dice Berlusconi ai microfoni di Radio 2 sul nesso tra Imu e vicenda Mps: “Credo sia una coincidenza casuale a cui non credo si debba dare importanza”.

Eppure in molti, da quando il caso si è aperto, gli avevano suggerito una dichiarazione al veleno sull’inciucio bancario tra il sobrio Monti e i comunisti. Poteva essere l’argomento perfetto, secondo i suoi sondaggisti ad esempio, per aprire la fase due della campagna elettorale. Ma c’è un motivo se Silvio Berlusconi ha fatto capire che non cavalcherà il caso: “Grazie a Mps – ha affermato – potei costruire Milano 2 e Milano 3 perché era l’unica banca che concedeva mutui premiando la puntualità dei pagamenti”.

Il Monte dei Paschi per Silvio Berlusconi rappresenta il sacro e il profano. È l’istituto che ha accompagnato, alla fine degli anni Settanta, la costruzione di un impero. Ed è la banca che custodisce i conti del peccato, quelli gestiti dal “ragiunat” Spinelli per ricompensare le Olgettine.

Mostra altro

Hawaii: un delfino sott’acqua raggiunge un subacqueo per chiedere aiuto (video)

24 Gennaio 2013 , Scritto da CARANAS Con tag #NOTIZIE OGGI

 

Keller Laros racconta:

«All’improvviso ho visto un delfino a un metro da me. Ho fatto più di 10.000 immersioni, ho notato che qualcosa non andava, il delfino aveva una lenza agganciata alla sua pinna. Ho fatto un gesto con la mano per farlo avvicinare. Ho messo la mia mano sull’amo da pesca agganciato sulla sua pinna pettorale sinistra.

Il delfino (abbastanza grande, circa tre metri), mentre con un paio di forbici tagliavo la lenza, galleggiava paziente a pochi centimetri da me. A un certo punto è andato su per una boccata d’aria, poi è tornato giù ed io ho completato il lavoro.

Ho rimosso molti ami da pesca da mante e tartarughe che hanno inghiottito l’esca, ma non avevo mai aiutato un delfino. E’ un’emozione enorme essere in grado di aiutare un animale che chiaramente sa cosa sta succedendo. Il delfino è davvero intelligente, è venuto da noi per chiedere aiuto perché ha avuto un problema».

Mostra altro
<< < 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 > >>