Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
Blog  di Caranas

L'ennesima norma salva-Berlusconi

12 Dicembre 2013 , Scritto da CARANAS

L'ennesima norma salva-Berlusconi

...

Le notti di Silvio sono turbate dalla paura d'essere arrestato da un pm senza scrupoli? Ci pensa Forza Italia a metterlo tranquillo e a restituirgli il riposo. Lo strumento giusto è un bell'emendamento al disegno di legge Ferranti - Donatella Ferranti, la presidente Pd della commissione Giustizia della Camera - che stringe le maglie sulla carcerazione preventiva e che sarà tra i primi ddl in discussione in aula alla Camera nel nuovo anno. Detto fatto, la soluzione è semplice, come ai vecchi tempi in puro stile norma ad personam: vietare, sic et simpliciter, la custodia cautelare per chi ha superato la veneranda età di 75 anni. Nessuna deroga, stop all'arresto e basta, proprio in ragione dell'età avanzata.

Mostra altro

La canna di stato

12 Dicembre 2013 , Scritto da CARANAS

La canna di stato

Dopo un anno di polemiche feroci, ieri il Senato uruguayano ha approvato per 16 voti contro 13 la legalizzazione della produzione e della vendita di mariujana.

Mostra altro

Laura Boldrini: segreto di Stato apposto per pochi

12 Dicembre 2013 , Scritto da CARANAS Con tag #PoliticaMENTE

Laura Boldrini: segreto di Stato apposto per pochi

“Sono consapevole che in questi anni il vincolo di segreto è stato, a volte, apposto non a vantaggio dei cittadini ma per tutelare gli interessi e l’agire di pochi”. Parole molto forti da parte del presidente della Camera, Laura Boldrini, che ha inviato un messaggio per la commemorazione della strage di Piazza Fontana a Milano. “Sento un forte disagio per tutto cio’”, ha aggiunto. (AGI)

Mostra altro

DETRAZIONI FISCALI PER I REDDITI 2013

12 Dicembre 2013 , Scritto da CARANAS Con tag #TASSE

DETRAZIONI FISCALI PER I REDDITI 2013

Per i redditi del 2013, è già disponibile sul web la bozza relativa al modello di dichiarazione 730/ 2014. Ne dà notizia l'Agenzia delle Entrate nel precisare che la bozza, non definitiva, comprende le novità legate, tra l'altro, alle detrazioni fiscali.

In particolare, per i figli a carico le detrazioni fiscali aumentano come segue: si passa da 800 euro a 950 euro di detrazione Irpef per ogni figlio avente un'età uguale o superiore ai tre anni, mentre per ogni figlio sotto i tre anni lo sconto Irpef passa da 900 a ben 1.220 euro. C'è inoltre uno sconto Irpef aggiuntivo, che passa a 220 euro a 400 euro, per ogni figlio a carico disabile.

Nel modello 730/2014, per chi ha effettuato lavori in casa, sarà poi possibile sfruttare le agevolazioni fiscali attualmente in vigore. In merito l'Agenzia delle Entrate ricorda che per le spese 2013 sostenute per le ristrutturazioni il bonus fiscale è al 50%, mentre per gli interventi di riqualificazione energetica è al 55%. Ma sale al 65% il cosiddetto eco-bonus se le spese sostenute per il miglioramento dell'efficienza energetica degli edifici sono state effettuate nel periodo dal 6 giugno del 2013 al 31 dicembre del 2013.

Nell'ambito dei lavori di ristrutturazione c'è anche un'ulteriore agevolazione fiscale. Trattasi del bonus per l'acquisto di mobili ed elettrodomestici ad elevata efficienza energetica, fino a 10 mila euro, per le spese sostenute a partire dal 6 giugno del 2013. Pure in questo caso la detraibilità, al pari delle ristrutturazioni, è al 50%.

Mostra altro

La mini –IMU, da pagare entro il 16 gennaio 2014, riguarda SOLO la prima casa e solo se il Comune di residenza ha imposto un’aliquota superiore al 4 per mille (di Legge)

12 Dicembre 2013 , Scritto da CARANAS

La mini –IMU,  da pagare entro il 16 gennaio 2014, riguarda SOLO la prima casa e solo se il Comune di residenza ha imposto un’aliquota superiore al 4 per mille (di Legge)

hai difficoltà con l'IMU? Leggi attentamente

di Caranas

Il Partito democratico ha presentato un emendamento alla Legge di stabilita' che prevede una compensazione per i contribuenti che dovranno pagare la mini-Imu entro il 16 gennaio 2014. Secondo quanto illustrato dal deputato democratico Angelo Rughetti, il testo depositato in commissione Bilancio della Camera prevede la possibilita' di detrarre dalla Tasi l'imposta ridotta (40 %) che dovranno pagare i possessori di prima casa nei Comuni che hanno innalzato le aliquote , ossia che hanno imposto cifre maggiori del 4 per mille. Si conferma cosi' la volonta' di risolvere con la Legge di stabilita' il conflitto tra governo e Comuni generato dal decreto per l'abolizione della seconda rata dell'Imu 2013 sull'abitazione principale, nella parte che mantiene il pagamento del 40% della maggiorazione dell'aliquota (4 per mille) applicata da alcune amministrazioni. Rughetti spiega che la norma sarebbe alternativa alla possibilita' del governo di trovare invece ''soldi freschi'' per coprire l'abolizione della mini-Imu e aggiunge che un'altra soluzione potrebbe consistere nella facolta' per i Comuni di elevare l'aliquota dalle terze case in poi. sgr/mau

Ma come funziona la nuova mini Imu 2014 sulla prima casa? Perché continueremo a pagarla se è stata abolita? Facciamo un po' di chiarezza: il governo ha sì soppresso la seconda rata Imu sulla prima casa, tuttavia la nuova mini Imu è frutto di un adeguamento tra l'aliquota base ( 4 per mille ) prevista dal vecchio testo di legge e le nuove aliquote disposte da circa 2.375 comuni. Lo Stato rimborserà i Comuni del mancato introito per solo il 60% mentre il restante 40 rimarrà a carico dei contribuenti.

In parole povere, se l'aliquota stabilita dal comune di Roma fosse dello 0,5% (ossia 5 per mille), contro il 0,4% dell'aliquota base di legge, il contribuente titolare di una prima casa del valore di 100 mila euro avrebbe dovuto pagare per il suo immobile a Roma 500 euro di Imu anziché 400 previste dall'aliquota base. Con la soppressione della seconda rata dell'Imu sulla prima casa però si creerebbe dunque uno scoperto nelle casse comunali, che nella fattispecie ammonterebbe a 100 euro; tale scoperto verrà rimborsato per il 60% dallo stato e per il restante 40% dal contribuente, andando a costituire la cosiddetta mini Imu.

Un vero e proprio colpo di coda dunque, che costringerà i contribuenti di quasi 2400 comuni, nonostante le discusse chiacchiere in campagna elettorale, a pagare l'Imu sulla prima casa anche questo 2014.

L'ammontare di questa mini Imu 2014 sulla prima casa, la cui scadenza ricordiamo è fissata per il 16 gennaio e non dicembre come quella sulla seconda casa, è stimato intorno ai 42 euro a famiglia, che ancora non si sa se verranno in futuro detratti dalle tasse oppure rimarranno a carico dei contribuenti.

Mostra altro
Mostra altro

Finalmente la bolletta della luce costerà di meno

11 Dicembre 2013 , Scritto da CARANAS

Finalmente la bolletta della luce costerà di meno

Una sforbiciata di 600 milioni alle bollette dell'energia elettrica. Un piccolo aiuto ai bilanci delle famiglie, ma soprattutto alle piccole e medie imprese che si vedranno ridotto il costo dell'energia. Lo ha annunciato il premier Enrico Letta, anticipando che il provvedimento farà parte del pacchetto di interventi del decreto "Destinazione Italia" che andrà ad approvazione nel prossimo consiglio dei ministri.

Annunciato a più riprese, arriva il provvedimento invocato dalle associazioni di categoria come aiuto indiretto all'attività delle Pmi. Ma da dove saranno prese le risorse da destinare al taglio delle bollette? Quasi la metà della cifra, attorno ai 250 milioni, arriverà degli incentivi alla rinnovabili.

Gli altri 350 milioni arriveranno da altri provvedimenti. Uno riguarda la revisione della tariffa bioraria. Con il boom delle rinnovabili non è più così conveniente usare più energia elettrica durante le ore serali e notturne: nelle ore diurne l'energia costa meno perché in rete ci va l'energia prodotta da eolico e soprattutto fotovoltaico, che per sua natura, non ha costi di approvvigionamento. Di notte, invece, vanno le centrali a a gas e il prezzo sale. Per arrivare a un risparmio sulla bolletta verrà anticipato l'orario in cui scatta la bioraria, per avvicinarsi al periodo in cui il prezzo dell'energia è più basso.

Mostra altro

Forconi e Jaguar

11 Dicembre 2013 , Scritto da CARANAS

Forconi e Jaguar

Finito il comizio in piazza De Ferrari, a Genova, se ne è andato via in Jaguar Danilo Calvani, l'agricoltore leader del Coordinamento 9 Dicembre. Calvani ha tenuto un comizio davanti al teatro Carlo Felice e al termine, accompagnato da alcuni manifestanti, è salito su una Jaguar di colore scuro. A un giornalista che gli chiedeva come potesse viaggiare su un'auto così costosa, Calvani ha risposto: "Non è mia".

Chi è Calvani. In nove mesi ha messo in piedi un movimento di protesta che, da nord a sud, sta scuotendo l'Italia. Danilo Calvani, 51 anni, contadino da Pontinia, in provincia di Latina, è fiero del lavoro fatto. "Tutto è iniziato il 16 marzo scorso - spiega con orgoglio - nella cella frigorifera della mia azienda, tra amici. Lì abbiamo deciso che non si poteva sopportare oltre".

Il leader del 'Coordinamento 9 dicembre' è cresciuto in una famiglia di agricoltori, "che mi ha trasmesso i valori della terra", nell'agro-pontino bonificato durante il fascismo. In quelle terre vive con la compagna e quattro figli. "Ho studiato Ragioneria - racconta - ma ho lasciato l'anno prima del diploma e mi sono dedicato a coltivare ortaggi".

Mostra altro

Colletta per Renzi

11 Dicembre 2013 , Scritto da CARANAS

Colletta per Renzi

Chi di voi è disposto a donare qualcosa per comprare un nuovo cappotto a Renzi ? Guardate la foto anche voi, ne ha proprio bisogno, quello che ha tira sulle ascelle e sulla pancia.

Mostra altro

Alleanza Grillo-Berlusconi

11 Dicembre 2013 , Scritto da CARANAS

Alleanza Grillo-Berlusconi

“Se Grillo, Berlusconi e Renzi si mettono insieme, la legge elettorale si fa in una settimana”. Questa la dichiarazione di Renato Brunetta ai microfoni di SkyTg24, che poi aggiunge: “Renzi vuole il bipolarismo, come Berlusconi e come Grillo. Bipolarismo sarà”.

Intanto dal Movimento 5 Stelle, dopo la diffusione ieri della notizia di un possibile accordo con Berlusconi, si è alzato un coro di “no” a qualunque tipo di intesa con il leader di Forza Italia. “È davvero triste il tentativo della Stampa di accomunarci a Forza Italia per farci perdere di credibilità – dichiarano via Facebook i grillini – Già ci aveva provato l’Annunziata nei suoi continui accostamenti lanciati dalla vetrinetta del suo programma “in mezz’ora”.

Mostra altro
<< < 1 2 3 4 5 6 > >>