Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
Blog  di Caranas

Il crollo fiorentino fa il giro del mondo

26 Maggio 2016 , Scritto da CARANAS Con tag #Firenze voragine

Il crollo fiorentino fa il giro del mondo
Il crollo fiorentino fa il giro del mondo
Il crollo fiorentino fa il giro del mondo
Il crollo fiorentino fa il giro del mondo
Il crollo fiorentino fa il giro del mondo

Una voragine di circa duecento metri per sette di larghezza si è aperta sul Lungarno Torrigiani, tra Ponte Vecchio e Ponte alle Grazie, in pieno centro di Firenze. Il cedimento è avvenuto attorno alle 6.30 ed ha coinvolto una ventina di auto che erano in sosta. Fortunatamente non ci sono feriti vigili del fuoco sono subito giunti sul posto e hanno escluso il coinvolgimento di persone nel crollo. Secondo le prime ipotesi il cedimento sarebbe stato provocato dalla rottura di un tubo, situazione aggravata dall’azione di erosione delle acque dell’Arno. Attivata una unità di Crisi a Palazzo Vecchio. Evacuati per rilievi e precauzioni due edifici nei prezzi del cedimento

Mostra altro

PENSIONI – Ecco cosa cambia dopo l’incontro con i sindacati

26 Maggio 2016 , Scritto da CARANAS Con tag #Pensioni anticipate

PENSIONI – Ecco cosa cambia dopo l’incontro con i sindacati

Dopo l’incontro al ministero del Lavoro , il governo e i leader sindacali dopo un po’ di anni hanno ripreso a confrontarsi lasciando intravedere l’inizio di un nuovo corso dei rapporti tra esecutivo e associazioni dei lavoratori che entrambi si dicono soddisfatti anche se trattasi di un primo incontro sulle pensioni e lavoro che però non ha prodotto da subito ampia discussione sui temi. E’ stato solo un incontro di lavoro conoscitivo improntato alla definizione dei temi e modalità di lavoro successive.

Sulle pensioni minime in passato Renzi aveva parlato della possibilità di offrire il bonus di 80 euro di cui beneficiano i lavoratori dipendenti con redditi fino a 26.000 euro l’anno. Spetterebbe a quasi 2 milioni di pensionati. Sono tanti, infatti, oggi coloro che ricevono meno di 502 euro al mese. Il costo complessivo ammonterebbe, quindi, ad almeno due miliardi l’anno. Non si sa ancora, però, se dall’intervento saranno esclusi gli assegni sociali erogati ad anziani privi di reddito che non hanno versato contributi. Mentre sulla flessibilità, il costo maggiore con un taglio dell’assegno, lo dovrà sostenere chi deciderà volontariamente di anticipare la pensione. L’esempio, fatto più volte da Renzi, è di chi preferisce restare a casa ad accudire il nipotino. Mentre per i disoccupati o gli occupati in aziende in crisi, a cui mancano tre anni all’età di vecchiaia, sarà lo Stato ad accollarsi la maggior parte dell’onere. Per risolvere il problema delle coperture di spesa dell’intervento si studia, comunque, la formula del prestito pensionistico, coinvolgendo banche e assicurazioni. Un’altra novità allo studio sarebbe un riscatto della laurea light. In pratica, il versamento dei contributi per gli anni trascorsi all’università finalizzato a guadagnare tempo per anticipare l’entrata in quiescenza sarebbe modulabile. Non solo si potrà scegliere il numero di anni da riscattare, possibile già oggi, ma anche la somma che si è disposti a versare. In cambio, ci si dovrà accontentare, però, di una pensione più bassa. Probabilmente, questa formula sarà collegata alla flessibilità.

Mostra altro

Papa Francesco : < La ricchezza rende tristi >

25 Maggio 2016 , Scritto da CARANAS Con tag #Papa Francesco

Papa Francesco : &lt; La ricchezza rende tristi &gt;

“Quando una congregazione religiosa vede che non ha figli e nipoti si attacca ai soldi, ma i soldi sono lo sterco del diavolo e così non c’è speranza”. Lo ha detto Papa Francesco mettendo in guardia i religiosi dal rischio di cadere nella tentazione di attaccarsi ai soldi.

“La speranza – ha aggiunto – è solo nel Signore, i soldi non te la daranno mai, al contrario ti butteranno giù, ti renderanno triste”

Mostra altro

ELEZIONI COMUNALI FUSCALDO : liste e candidati 2016

25 Maggio 2016 , Scritto da CARANAS Con tag #Fuscaldo elezioni 2016

 

Fuscaldo –  abitanti 8.072   – sindaco uscente Gianfranco Ramundo – coalizione La Nostra Fuscaldo

 

Candidato sindaco Andrea Filella (Il Futuro che Vogliamo)

Innocenzo Scarlato

Maria Concetta Carnevale

Antonella Di Santo

Maria Filomena Trotta

Nicola Cariolo

Emilio Daniele

Giovanni De Luca

Salvatore Fieramosca

Carmelo Politano

Pietro Siciliani

Settimio Trotta

 

 

Candidato sindaco Francesco Leta (Fuscaldo e Noi)

Carmelo Scrivano

Claudio Gullo

Domenico Garritano

Michele Arlia

Filomena Menina Ragucci

Ornella Curioso

Lucia Leta

Eloisa Francesca Manzi

Valentino Saporito Riggio Alò

Francesco Lanza

Francesca Antonietta Mazzei

Giuseppe Maio

 

 

Candidato sindaco Gianfranco Ramundo (La Nostra Fuscaldo)

Paolo Cavaliere

Ernesto Bianco

Giovanni Ramundo

Paolo Fuscaldo

Nicola Cosentino

Biagio Siciliani

Luigi Marcone

Marco Ferrara

Filomena Anastasio

Katia Stancato

Barbara Zicarelli

Antonietta Sabato

 

Chicca : nel 1978 mi presentai alle elezioni amministrative di Fuscaldo come indipendente nella lista del P.C.I. . Come andò ? Ecco i risultati :

 

 

ELEZIONI COMUNALI FUSCALDO : liste e candidati  2016
ELEZIONI COMUNALI FUSCALDO : liste e candidati  2016
Mostra altro

Elezioni amministrative Fuscaldo - La lista 'La nostra Fuscaldo', Ramundo sindaco

25 Maggio 2016 , Scritto da CARANAS Con tag #ELEZIONI 2016 -Fuscaldo

Elezioni amministrative Fuscaldo - La lista 'La nostra Fuscaldo', Ramundo sindaco

FUSCALDO – 14 mag. - Dodici candidati pronti a dare man forte la sindaco uscente Gianfranco Ramundo. La presentazione della lista “La nostra Fuscaldo” è avvenuta nella piazzetta del Pescatore alla presenza del pubblico numeroso che ha applaudito gli interventi del candidato a sindaco Ramundo. In molti hanno apprezzato “il grande rispetto ancora una volta dimostrato per tutti: per i cittadini, per i suoi candidati ed anche per gli avversari”. Ramundo ha presentato i suoi dodici candidati al consiglio comunale per la consiliatura 2016-2021.

Sul palco, uno ad uno, hanno sfilato davanti ai cittadini e ai sostenitori i dodici candidati, alcuni dei quali pronti a ritentare l'esperienza amministrativa: Filomena Anastasio, Ernesto Bianco, Paolo Cavaliere, Nicola Cosentino, Marco Ferrara, Paolo Fuscaldo, Franco Marcone, Giannino Ramundo, Antonietta Sabato, Biagio Siciliani, Katia Stancato e Barbara Zicarelli. La squadra di Gianfranco Ramundo, infatti, vede impegnati tutti gli assessori uscenti ed i consiglieri comunali con delega. Ci sono anche candidati alla prima esperienza che, sul palchetto allestito per l'occasione, hanno dato prova di capacità a relazionarsi con ci cittadini.

Preparazione, competenza e voglia di fare è stato detto sono le qualità di chi si cimenta per la prima volta nell'esperienza della politica amministrativa. Gianfranco Ramundo, sul palco ha salutato tutti, un riferimento pacato anche agli avversari: “Iniziamo – ha detto il candidato della lista “La nostra Fuscaldo” - prima di tutto, con l’augurare, alle altre liste ed agli altri candidati, un sincero in bocca al lupo. Da parte nostra, crediamo importante proseguire con il buon senso che ci ha da sempre contraddistinto, mantenendo i livelli del confronto ai progetti, alle idee ed a ciò che abbiamo fatto e che abbiamo in mente di fare per la nostra comunità. Siamo certi che anche gli avversari contribuiranno a mantenere un clima di serenità, di reciproco rispetto e di sano confronto. Anche perché, se ciò non dovesse avvenire, da questo lato troverebbero una corazza invalicabile, forte di quel che si è realizzato in questi cinque anni e di un risanamento morale, prima di ogni altra cosa”, sono state queste le parole di un Gianfranco Ramundo che, insieme alla sua squadra, richiede la fiducia per un nuovo mandato.

Il candidato a sindaco, dal palco, ha avuto parole di ringraziamento anche per Tonino Cariello. Lo ha definito “il tredicesimo candidato in campo”. Il ringraziamento è andato anche a “tutti coloro i quali si stanno impegnando per arrivare al secondo tempo di un patrimonio creato con sacrifici e che non può essere lasciato nelle mani di chi ha già dimostrato di non saper amministrare un ente”. Fra i nuovi si sono posti in evidenza Marco Ferrara, e le “rappresentanti” delle quote rosa: Antonietta Sabato, Filomena Anastasio, Katia Stancato e Barbara Zicarelli. Applausi del pubblico anche per gli assessori ed i consiglieri comunali uscenti, “forti di un impegno quotidiano che non è mai venuto meno e di una presenza assidua sul territorio che parla con i fatti e con le azioni”. Gli interventi di Paolo Cavaliere, Ernesto Bianco, Giannino Ramundo, Paolo Fuscaldo, Franco Marcone, Nicola Cosentino, Biagio Siciliani hanno puntato l'obiettivo sulle iniziative già realizzate e su quelle che, in caso di vittoria, fanno parte del programma della coalizione.

Fonte: info@miocomune.it

Elezioni amministrative Fuscaldo - La lista 'La nostra Fuscaldo', Ramundo sindaco
Mostra altro

PENSIONE ANTICIPATA : la novità del riscatto della laurea

24 Maggio 2016 , Scritto da CARANAS Con tag #Pensioni anticipate

PENSIONE ANTICIPATA : la novità del riscatto della laurea

24/05/2016 - Se da un lato il governo è pronto ad incontrare i sindacati su Ape e bonus 80 euro per quanto concerne la pensione anticipata, in tema di flessibilità in uscita prende corpo un’altra ipotesi: allo studio dell’esecutivo c’è infatti anche il riscatto della laurea, cioè il versamento dei contributi per gli anni passati all’università in modo da avvicinare il momento della pensione.

L’idea, che potrebbe entrare in un collegato alla Legge di Bilancio, vorrebbe rendere flessibile anche il riscatto offrendo la possibilità di scegliere non solo il numero degli anni da recuperare, cosa possibile già oggi, ma anche la somma da versare e quindi l’effetto sull’assegno futuro. Rendere flessibile il riscatto significherebbe slegare la somma da pagare dallo stipendio attuale, considerandola un versamento volontario di contributi. Sarebbe dunque una ulteriore alternativa per chi preferisce lasciare il lavoro prima, anche accettando un assegno più basso.

Non è detto che l’ipotesi allo studio venga inserita nell’Ape: più probabile che venga inserita in un collegato alla Legge di Bilancio, cioè un provvedimento successivo che potrebbe contenere anche altre novità sulla previdenza.

Sull’Ape, al momento, il piano del governo resta l’uscita anticipata fino a tre anni con una penalizzazione sull’assegno fino al 4% per ogni anno di anticipo. La copertura dovrebbe essere di circa un miliardo di euro. Mentre un altro miliardo e mezzo potrebbe arrivare dal taglio strutturale del cuneo fiscale sui nuovi contratti a tempo indeterminato.

Mostra altro

Renzi sdogana Verdini

24 Maggio 2016 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

Renzi sdogana Verdini

Ecco il passaggio chiave: “Io sono grato ad Ala e a Denis Verdini di aver votato la fiducia sulle unioni civili”. Matteo Renzi abbandona anche quel residuo di imbarazzo, che fino a poco tempo fa lo portava ad accettare i voti di Verdini, senza grandi smancerie pubbliche. E sdogana l’ex plenipotenziario di Berlusconi, l’impresentabile per eccellenza, plurimputato in sei processi con accuse che vanno dalla corruzione alla bancarotta: “All’improvviso – dice Renzi, ospite di RepubblicaTv – si è svegliato chi votava la fiducia con Verdini e faceva accordi con Verdini. Oggi sembra che sia il mostro di Loch Ness ma era l’uomo che per Forza Italia trattava con la prima linea del Pd di Bersani”.

Mostra altro

Partigiani e Boschi - Secondo voi, la Boschi pensa prima di parlare?

24 Maggio 2016 , Scritto da CARANAS Con tag #BOSCHI- PARTIGIANI

Partigiani e Boschi - Secondo voi, la Boschi pensa prima di parlare?

«Vedo evidenti strumentalizzazioni di una mia frase sui partigiani, detta durante la trasmissione In mezz’ora»: la ministra per le Riforme Maria Elena Boschi torna sull’affermazione fatta in tv che ha scatenato immediate polemiche. «Non mi sono mai sognata di dare patenti ai partigiani, né di distinguere tra i partigiani veri o meno veri. Ho solo detto che fra i partigiani che hanno combattuto la Resistenza, fra chi ha fatto la guerra ce ne sono molti, come ad esempio Il Comandante Diavolo Germano Nicolini, 97enne, che hanno annunciato il loro sì al referendum».«Vedo evidenti strumentalizzazioni di una mia frase sui partigiani, detta durante la trasmissione In mezz’ora»: la ministra per le Riforme Maria Elena Boschi torna sull’affermazione fatta in tv che ha scatenato immediate polemiche. «Non mi sono mai sognata di dare patenti ai partigiani, né di distinguere tra i partigiani veri o meno veri. Ho solo detto che fra i partigiani che hanno combattuto la Resistenza, fra chi ha fatto la guerra ce ne sono molti, come ad esempio Il Comandante Diavolo Germano Nicolini, 97enne, che hanno annunciato il loro sì al referendum».

E prima in febbraio 2016:

« "In Senato il Pd non è autosufficiente neanche con i voti di Sel - avrebbe detto come riportato dal Corriere della sera - Quindi dobbiamo creare un punto di incontro tra le forze che ci sono"».

Ma anche il conduttore Giannini non scherza avendo definito “incestuoso” il rapporto tra il ministro Boschi e Banca Etruria.

Mostra altro

Austria: il verde Van der Bellen vince le presidenziali, Hofer ammette su Fb la sconfitta

23 Maggio 2016 , Scritto da CARANAS Con tag #Van der Bellen - Politica

 Austria: il verde Van der Bellen vince le presidenziali, Hofer ammette su Fb la sconfitta

Lo scarto di circa 31.000 voti, decisivo il voto per posta. Il presidente designato: "Sarò al servizio di tutti". Il leader dell'estrema destra: "Oggi sono triste". Gentiloni: "Sospiro di sollievo per Ue e Italia". Lo scrutinio seguito da vicino in Europa sullo sfondo di una montata di populismi acuita dal fenomeno migratorio, e con il timore di veder sorgere un muro al Brennero.

Mostra altro

Quel modo diverso, più moderno, di vedere il matrimonio o meglio il rapporto di coppia.

23 Maggio 2016 , Scritto da CARANAS Con tag #CAFFE' LETTERARIO, #Caffé amaro

Quel modo diverso, più moderno, di vedere il matrimonio o meglio il rapporto di coppia.

foto: Simonetta Agnello Hornby

di Caranas

Nel nuovo romanzo "Caffè amaro” della scrittrice siciliana Simonetta Agnello Hornby pubblicato da Feltrinelli , si racconta della Sicilia durante il fascismo attraverso la storia di una famiglia, tra gioie e dolori nella prima metà del Novecento, la storia di una scelta, dolorosa ma necessaria per salvare gli altri più che se stessi e poi, ancora, le speranze e l’amore, il razzismo e il regime, gli italiani e gli ebrei e soprattutto il sesso.

Su uno sfondo storico accuratamente ricercato, viene alla luce un nuovo concetto di famiglia che annienta il matrimonio visto nella sua dimensione più ancestrale e su cui si basa lo stato. Una visione del rapporto di coppia strettamente laica che in merito evidenzia i limiti della nostra costituzione.

Vediamo come spiega il concetto l’autrice: «Secondo me, noi degli stati occidentali stiamo sbagliando tutto sui rapporti sessuali, perché partiamo da una premessa secondo cui lo stato è basato sul matrimonio. Ho un grande senso della famiglia, ma non del matrimonio e la religione in questo non c’entra. La nostra costituzione lo dice, in Inghilterra non è così perché non c’è la costituzione. Il matrimonio era fondamentale in epoca pre-industriale, cioè nel Seicento e nel concetto dei clan e di appartenenza. Oggi facciamo figli per l’istinto più profondo che abbiamo e come assistenza alla vecchiaia. Il matrimonio era l’assistenza sociale e c’era il concetto di fedeltà. Ora che abbiamo introdotto il divorzio e che queste unioni sono pro-tempore, non possiamo negarlo. Nei paesi più avanzati il matrimonio finisce con un divorzio. C’è un’unione fino a quando voglio e mi conviene. Dobbiamo accettare i cambiamenti. Io farei le unioni civili come le uniche in qualunque stato laico, non basate sul sesso che porta alla procreazione, ma sulla volontà di essere uniti civilmente. Trovo inaccettabile il concetto che due persone dello stesso sesso o di sesso diverso possano vivere insieme e suggellare i diritti e i doveri davanti allo stato solo se basato su un rapporto sessuale. Due zitelle o due scapoli che non si piacciono sessualmente o due cugini non possono farlo, ma perché? Per il matrimonio il non sesso è un motivo di annullamento ma questo toglie una grande ricchezza al popolo nelle adozioni ».

Mostra altro
<< < 1 2 3 4 5 6 7 > >>