Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
Blog  di Caranas

IO QUI IN LOMBARDIA, ACCANTO AI LEGHISTI, NON CI VOGLIO PIU' VIVERE

26 Marzo 2011 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

Fuori i calabresi ? No, Castelli. Fuori lei e il suo sporco razzismo !

 la-padania.jpg

 

Sul quotidiano La Padania, organo di stampa della Lega Nord, appare a caratteri cubitali un titolo inquietante: “Expo, Castelli: fuori i calabresi”. Il Ministro dice di essere preoccupato per le infiltrazioni di stampo mafioso all’interno dei lavori dell’Expo 2015. Quindi, si appresta, “efficiente e solerte” a chiedere un decreto ad hoc per evitare che tali lavori possano vedere la partecipazione di aziende collegate con la ‘ndrangheta. E fin qui sembrerebbe tutto normale (anche se a dirla tutta non si capisce perché solo la ‘drangheta. La camorra è forse consentita? Non sarebbe stato meglio usare un termine generico come mafia o criminalità organizzata?). E’ il seguito che appare ingiurioso e inquietante: “In poche parole, escludiamo le ditte calabresi”. 

Ma Bravo Castelli! Fa bene! Non sia mai detto che anche per l’Expo accada quanto successo per i lavori della Salerno-Reggio Calabria. Ricorda Ministro come si chiamavano i tre azionisti chiave di Impregilo che allegramente elargivano alla ‘drangheta il 3% del valore dell’appalto (e non erano bruscolini!) a titolo di “tassa di sicurezza”? Quelli che mascheravano questo “esborso” illecito di soldi pubblici con donazioni ambientali o a onlus per il contrasto alla fame e alla miseria nei Paesi del Terzo Mondo? Non lo ricorda? Le rinfreschiamo noi la memoria: Zeffirio Benetton, Lavio e Ligresti. Se questi “signori” abbiano o meno antenati calabresi non possiamo saperlo. Di certo sappiamo che sono di Bruzzano un quartiere della periferia nord di Milano. Ops!!

E vogliamo anche parlare delle centinaia ditte del Nord che per anni hanno foraggiato la camorra nell’affare rifiuti, per liberarsi della loro “monnezza” tossica e no, facendo diventare la Campania la pattumiera d’Italia?

Si risente il Ministro perché da “da Saviano a Gratteri a Vendola, ormai sembra diventata un’abitudine sparare sul Nord”. Non ci provi Ministro! Non si azzardi nemmeno ad alimentare odi fratricidi. Al Nord e al Sud ci sono tante persone perbene, che lavorano e vivono degnamente  nonostante lei e i suoi colleghi cerchino in tutti i modi di rendere loro la vita un’erta invalicabile. Se si parla di malaffare al Nord è perché dalla mega “Operazione Arca“, ai tanti dossier fino alle numerose inchieste, i fatti dicono che questo è un “fatto” reale. Così come esiste al Sud. La criminalità organizzata in tutta Italia è una piaga in cui i politici come lei si divertono a rigirare il coltello per tenerla sempre sanguinante e aperta. 

Lei non è preoccupato delle infiltrazioni camorristiche, senza le quali, molti dei suoi colleghi non occuperebbero la poltrona dove si sono fin troppo comodamente seduti. In piena sintonia con la Lega da lei “degnamente” rappresentata, porta avanti un becero, incivile e pure ignorante, tentativo di scatenare un conflitto razziale atto a spaccare il nostro Paese.

 

No. Non fuori i calabresi. Fuori lei, ministro Castelli e quelli come lei. Fuori non solo dal posto che “immeritatamente” occupate, ma anche dall’Italia perché solo così il nostro Paese avrebbe speranza di risalire il precipizio in cui l’avete, irresponsabilmente, gettata.

 

Condividi post

Repost0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post

Mario Selvaggio 03/27/2011 13:51



" Indagato per abuso d'ufficio dal tribunale di Roma per consulenze affidate alla Global Brain durante il suo mandato al Ministero della Giustizia.Il 20 Dicembre 2007 il Senato ha negato
l'autorizzazione a procedere.Per la stessa accusa il Tribunale dei Ministri ha chiesto di procedere contro Castelli ed é stata negata l'autorizzazione a procedere.Per gli stessi fatti la Corte
dei Conti con sentenza n.592 dell'8 aprile 2009 ha condannato Castelli al rimborso di 33.100 euro a titolo di risarcimento erariale dichiarando la consulenza IRRAZIONALE E ILLEGITTIMA." Vuoi
vedere che anche  gli atti  commessi dalla mafia , dalla  camorra e dalla 'ndrangheta sono atti ILLEGGITTIMI? Ed allora... li vogliamo mandarli  TUTTI fuori?(
dall'Italia)!!!!



CARANAS 03/27/2011 14:15



SONO SOLO MONOCULI, COME SU FORBORN E SU CARIGLIO (in parte). 


Su Cariglio la paura del confronto ha fatto i suoi effetti (ad es. i fimmini su spariti) . Si salva LUIGI.



NICO 03/27/2011 00:16



castelli du cazzu, un ti sputu sinno ti profumu!



Giuseppe 03/27/2011 00:14



ci vogliamo scommettere che alle prossime elezioni i meridionali se la faranno
rimettere di nuovo nel sedere?forse qualcuno non ha ancora capito che votare berlusconi è uguale che votare lega, con una piccola postilla che chi comanda non è berlusconi ma bossi.perchè il
berlusca non serve lo stato ma si serve dello stato.oramai non è più questione di ideologia ma di sopravvivenza. un parlamento nominato equivale aun parlamento di servi di chi li nomina e in
questi giorni ne stiamo avendo la conferma.da meridionale ho constatato che in parlamento non vi è nessuno nella attuale maggioranza che ci tuteli basti pensare allo scippo dei fondi destinati al
sud che sono serviti per le multe delle quote latte ,e soprattutto per le spese del nord . non sono razzista e credo nell’italia unita ma è ora di dire basta ad essere presi in giro. non è
possibile che a questo governo sia perdonato tutto . torniamo ad essere protagonisti del nostro futuro.e se un giorno quelli drl nord vorranno fare una seccessione una cosa è certa che noi
meridionali staremo meglio di loro. perchè la storia lo ha dimostrato.



GINO 03/27/2011 00:11



il sindaco signora Moratti mesi fa dichiarava publicamente che a Milano non c’e’ la
ndrangheta.
adesso castelli dichiara che c’e’ la ndrangheta, ad arcore ci sta la mafia da una vita ma nessuno dei due lo sa.
eppure lo stalliere e’ stato condannato, ma essendo un parlamentare ancora occupa un bel posto nella societa’ civile di questo paese.
nemmeno fra di loro riescono a capirsi, pensa se possono capire cosa li circonda. E pensare che tanti CALABRESI ONESTI CHE HANNO LAVORATO X LA CITTA’ DI MILANO E NON SOLO OGGI CI VIVONO E HANNO
CRESCIUTI I LORO FIGLI SEMPRE CON L’ORGOGLIO DI ESSERE DEI CALABRESI DOC, QUESTE COSE IL CASTELLO DI SABBIA NON LI SA, SA SOLTANTO CHE A MILANO CI STA LA NDRANGHETA.



NINO 03/27/2011 00:08



Da calabrese col cuore ITALIANO, chiedo a tutti i meridionali residenti al Nord di
farsi sentire con veemenza e rabbia, perchè non si può offendere e denigrare la dignità di quella parte d’Italia che ha fatto, a proprie spese, il benessere del Nord !!! E chiedo a tutti i
Meridionali di far mancare a quei quattro straccioni ed ignoranti razzisti il vostro appoggio politico. Perchè mi risulta che molti Meridionali hanno votato la Lega Nord e, siccome siete in
tanti, sono sicuro che molti di loro perderenno la poltrona e la smetteranno di abbuffarsi a nostre spese !!