Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
Blog  di Caranas

IL PAESE CHE AMAVA E' ORA UN PAESE DI MERDA

6 Settembre 2011 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

3-h-343.bild.jpg

 

 

La parabola è completa. La storia ha un inizio e una fine, coerenti. L’epopea di Silvio Berlusconi comincia con «l’Italia è il paese che amo», recitato a beneficio di milioni di italiani. Finisce diciassette anni dopo con «vado via da questo paese di merda», soffiato con rabbia a un Lavitola, trafficone di palazzo in odore di galera, sfidando probabilissime intercettazioni.

La sconfitta di Berlusconi e dei tanti, tantissimi, che hanno creduto in lui, è ristretta fra queste due frasi diversamente storiche. Perché non c’è ragione di dubitare della sincerità dell’uomo: l’Italia che si accinge a lasciare (volontariamente o no) è in effetti come la definisce lui. Un paese di merda. Dal suo punto di vista, e purtroppo anche dal punto di vista della grande maggioranza degli italiani.

La nemesi vuole che il rancoroso addio trapeli mentre l’ultimo governo Berlusconi mastica orrende minacce agli evasori fiscali: come si vendica, la storia.

Naturalmente noi qui, come tanti altri, pensiamo che la responsabilità del degrado allo stato fecale sia dell’uomo che ha tanto dominato, governando così poco. Berlusconi non ha mai neanche provato a cambiare l’Italia, a renderla diversa fosse pure secondo le sue idee. Non ha mai avuto coraggio, voglia di rischiare, ha sempre giocato solo sul sicuro usando denaro e carisma per l’esclusiva difesa di sé.

«I cazzi suoi» non va a farseli adesso su un’isola caraibica: se li è sempre fatti.

Per questo al suo disprezzo risponde ormai un disprezzo ancor più grande. Non solo di chi l’ha combattuto, ma di chi gli ha creduto, è stato ingannato, e ora rimarrà in questo paese maleodorante.

(Stefano Menichini)

 

Condividi post

Repost0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post