Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
Blog  di Caranas

Lasciatemi postare

31 Luglio 2011 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

Gli basteranno 1369 € al giorno ?

images.jpg

Nei giorni scorsi si è molto parlato di Napolitano che ha deciso di dare una sforbiciatina agli emolumenti che riceverà dallo Stato. Libero, per farsi perdonare della precedente vignetta accusata di vilipendio, ne ha proposta un’altra nella quale il Presidente della Repubblica si alza e lascia il tavolo dei cosiddetti “papponi”. Spider Truman, il precario della casta, non è molto contento della cosa, sostenendo che si tratti solo di un’operazione propagandistica. In parte ha ragione, ma così facendo Napolitano ha dimostrato che i politici possono decidere autonomamente e molto facilmente di ridurre i propri scandalosi privilegi. Basta un po’ di volontà. Che manca però in altri casi. Clamoroso per esempio quello di Felice Crosta, ex presidente dell’agenzia dei Rifiuti, al quale la Regione Sicilia (quando a capeggiarla c’era il mitico Totò Cuffaro, quello che Casini ha difeso oltre ogni decenza) ha concesso l’incredibile pensione di 1.369 euro al giorno. O 41.600 euro al mese, se preferite. Circa tre anni e mezzo di stipendio di un operaio. A ciò vanno aggiunti gli arretrati (oltre un milione) e i soldi relativi alla rideterminazione del Tfr. Altro scandalo da guinness è quello del deputato Antonio Gaglione, che secondo OpenParlamento ha partecipato solo allo 0,6% delle votazioni (oltre il 99% di assenze!), non è mai intervenuto in aula o in commissione. La cosa buffa è che di solito i politici assenteisti possono giocarsi la carta delle missioni per pararsi il didietro. Ebbene, Gaglione di missioni non ne ha fatta nessuna. Semplicemente non ha tempo o voglia di andare in Parlamento. Si vede che non gli piace (stipendio e vitalizio però sì), che ci volete fare. Individui di questo tipo vanno anche coccolati, vero, Rotondi?

 (fonte : blog: Lasciatemi postare)

 

Condividi post

Repost0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post