Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
Blog  di Caranas

Il “Padre Nostro” del picciotto

25 Maggio 2013 , Scritto da CARANAS

Don Pino Puglisi, ricordiamolo con questa sua provocazione

 

 

Parrinu miu e ra nostra famigghia,

tu si omu d’onuri e di valuri,

‘u to nomi l’ha fari arrispittari

e tutti quanti t’avemu a obbidiri:

chiddu ca dici, ognunu l’avi a fari

picchì è leggi si nun voli muriri.

Tu nni si patri ca nni runi pani

pani e travagghiu e nun t’arrifardii

d’arrimunnari anticchia a cu pusseri

picchi sai ca i picciotti

hannu a manciari.

Cu sgarra, ‘u sapemu, avi a pagari:

nun perdunari, vasinnò si ‘nfami

ed è ‘nfami cu parrà e fa la spia;

chista è la leggi di sta cumpagnia!

Mi raccumannu a tia, parrinu miu,

liberami ri li sbirri e ra custura

libera a mia e a tutti li to «amici».

Sempri sarà accussì e cu fici fici.

 

Padrino mio e della nostra famiglia,

tu sei uomo d’onore e di valore,

Il tuo nome lo devi fare rispettare

e tutti quanti ti dobbiamo obbedire:

quello che dici, ognuno lo deve fare

perché è legge se non vuole morire.

Tu ci sei padre che ci da pane

Pane e lavoro e non ti tiri indietro

Di ripulire un po’ chi possiede

Perché sai che i picciotti devono mangiare

Chi sbaglia lo sappiamo, deve pagare:

non perdonare, altrimenti sei infame

ed è infame chi parla e fa la spia;

questa è la legge di questa compagnia!

Mi raccomando a te, padrino mio,

liberami dagli sbirri a dalla questura

libera me e tutti i tuoi amici.

Sempre sarà così.

 

Condividi post

Repost0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post