Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
Blog  di Caranas

Post recenti

Napolitano : "Monti non è candidabile." I partiti se lo ricordino

22 Novembre 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

Monti-vignetta.jpg

                                    di Caranas

Un duro colpo  per la demagogia di Casini, Montezemolo ed altri  dell’area di centro- destra ora che il Capo dello Stato ha precisato che Mario Monti essendo senatore a vita non si può candidare al Parlamento perché è già parlamentare. Guarda caso , questi protetti da Bertone non se ne erano accorti.  Smettiamola quindi di tirarlo per la giacca a proprio piacimento (nel senso di interessi) spingendolo a candidarsi , tanto più che , se pur considerato da Bersani “una risorsa” ,  la gran maggioranza del popolo italiano lo ringrazierà solo per averci privato all’80 % delle barzellette di Berlusconi ma non dimentica le “lacrime e sangue” sofferte  avendo pagato e continuando a pagare la crisi a favore delle banche , e tutto ciò perché i suoi atti di governo  hanno avuto una direzione unica e sempre a favore dei soliti ricchi e speculatori. Come potranno dimenticarlo infatti gli “esodati”, oppure i nati nel 1952 che avevano già programmato la propria pensione ? o le famiglie dei suicidati perché ridotti sul lastrico da questa crisi che non vuole terminare ?

E poi, caro Napolitano, non pensi che tutti gli italiani siano fessi e che non abbiano capito che il suo rapporto con Monti scricchiola un po’. Noi abbiamo notato la gaffe pesantissima fatta dal premier  Monti in Qatar :  “Dopo di me non garantisco niente“. Come a dire, agli investitori stranieri: investite finché ci sto io che vi do garanzie, dopo non so che dirvi.  Bel messaggio del cazar  soprattutto per il premier di un Paese che ha bisogno di investimenti esteri come il pane. E che sta tentando di piazzare titoli di Stato ovunque per evitare il default.

Napolitano-taglianastri.jpg

 

 

 

Mostra altro

Gaza vendetta sui presunti collaborazionisti

21 Novembre 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

00000imma_672-458_resize.jpg

gaza_04_672-458_resize.jpg

gaza_06_672-458_resize.jpg

gaza_09_672-458_resize.jpg

Mostra altro

Clerical primarie vignetta

21 Novembre 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #SATIRA UMORISMO COLTO

Primarie-copia-1.jpg

Mostra altro

GAZA

21 Novembre 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #SATIRA UMORISMO COLTO

dave brown war

AAA.jpg

gaza-israele-guerra-twitter.jpg

Brookes_20_357614c.jpg

gaza-irsraele-missili_rowe.jpg

mappa_israele-palestina--1-.gif

Mostra altro

good night cartoon

20 Novembre 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #SATIRA UMORISMO COLTO

66091_560277460655024_621243349_n.jpg

Mostra altro

CURIOSITA'

20 Novembre 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #CURIOSITA'

A8IWeDHCQAA6zbL.jpg

Mostra altro

Il cappell'ano

20 Novembre 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #NOTIZIE OGGI

Cappellano-San-Vittore.jpg

(ASCA) - Milano, 20 nov - Don Alberto Barin, cappellano della casa circondariale San Vittore di Milano, e' stato arrestato oggi dagli uomini della squadra mobile per violenza sessuale e concussione. Lo si apprende da una nota ufficiale della procura di Milano firmata dal procuratore capo Edmondo Bruti Liberati. Il reato di violenza sessuale, si legge ancora sul comunicato, e' stato compiuto dal sacerdote nei confronti di 6 detenuti. Il sacerdote e' stato denunciato da almeno sei detenuti di chiedere favori sessuali in cambio di piccole elargizioni di denaro o beni materiali, necessari a soddisfare i bisogni piu' elementari di un carcerati: sigarette, sciampo, spazzolini o pochi spiccioli. Secondo quanto si apprende in ambienti giudiziari milanesi, le indagini condotte in questi mesi dalla procura hanno permesso di dimostrare tutta una serie di violenze a partire dal 2008 fino a oggi. Le vittime 'preferite' di Don Alberto erano tutti ragazzi giovanissimi (di eta' compresa ta un minimo di 22 anni e un massimo di 28), tutti extracomuntari e tutti in carcere per reati di microcriminalita', ad eccezione di uno di loro detenuto per omicidio. I fatti avvenivano all'interno del carcere milanese e precisamente nell'ufficio del cappellano. A incastrare Don Alberto sono almeno 5 video, disposti dagli investigatori dopo la denuncia presentata nell'estate scorsa da una delle vittime. Le vittime finora sicure sono sei, ma in procura chiariscono che esiste il 'dubbio fondato' su possibili altri casi di violenza. L'arresto di Don Alberto e' scattato nel pomeriggio di oggi: gli uomini della polizia giudiziaria lo hanno prelevato nella sua abitazione di piazza Filangeri, di fronte all'ingresso principale della casa circondariale milanese.

 

Mostra altro

Quando Repubblica non si diversifica da Libero

20 Novembre 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #NOTIZIE OGGI

Piergiorgio Odifreddi lascia Repubblica .it per un post cancellato

Piergiorgio-Odifreddi-300x227

 

 

 Il post di Odifreddi cancellato da Repubblica.it

 

Dieci volte peggio dei nazisti


Uno dei crimini più efferati dell’occupazione nazista in Italia fu la strage delle Fosse Ardeatine. Il 24 maggio 1944 i tedeschi “giustiziarono”, secondo il loro rudimentale concetto di giustizia, 335 italiani in rappresaglia per l’attentato di via Rasella compiuto dalla resistenza partigiana il 23 maggio, nel quale avevano perso la vita 32 militari delle truppe di occupazione. A istituire la versione moderna della “legge del taglione”, che sostituiva la proporzione uno a uno del motto “occhio per occhio, dente per dente” con una proporzione di dieci a uno, fu Hitler in persona.

 

Il feldmaresciallo Albert Kesselring trasmise l’ordine a Herbert Kappler, l’ufficiale delle SS che si era già messo in luce l’anno prima, nell’ottobre del 1943, con il rastrellamento del ghetto di Roma. E quest’ultimo lo eseguì con un eccesso di zelo, aggiungendo di sua sponte 15 vittime al numero di 320 stabilito dal Fuehrer. Dopo la guerra , Kesselring fu condannato a morte per l’eccidio, ma la pena fu commutata in ergastolo e scontata fino al 1952, quando il detenuto fu scarcerato per “motivi di salute” (tra virgolette, perché sopravvisse altri otto anni). Anche Kappler e il suo aiutante Erich Priebke furono condannati all’ergastolo. Il primo riuscì a evadere nel 1977, e morì pochi mesi dopo in Germania. Il secondo, catturato ed estradato solo nel 1995 in Argentina, è tuttora detenuto in semilibertà a Roma, nonostante sia ormai quasi centenario.

 

In questi giorni si sta compiendo in Israele l’ennesima replica della logica nazista delle Fosse Ardeatine. Con la scusa di contrastare gli “atti terroristici” della resistenza palestinese contro gli occupanti israeliani, il governo Netanyahu sta bombardando la striscia di Gaza e si appresta a invaderla con decine di migliaia di truppe. Il che d’altronde aveva già minacciato e deciso di fare a freddo, per punire l’Autorità Nazionale Palestinese di un crimine terribile: aver chiesto alle Nazioni Unite di esservi ammessa come membro osservatore! Cosa succederà durante l’invasione, è facilmente prevedibile.

 

Durante l’operazione Piombo Fuso di fine 2008 e inizio 2009, infatti, compiuta con le stesse scuse e gli stessi fini, sono stati uccisi almeno 1400 palestinesi, secondo il rapporto delle Nazioni Unite, a fronte dei 15 morti israeliani provocati in otto anni (!) dai razzi di Hamas. Un rapporto di circa 241 cento a uno, dunque: dieci volte superiore a quello della strage delle Fosse Ardeatine. Naturalmente, l’eccidio di quattro anni fa non è che uno dei tanti perpetrati dal governo e dall’esercito di occupazione israeliani nei territori palestinesi.

Ma a far condannare all’ergastolo Kesserling, Kappler e Priebke ne è bastato uno solo, e molto meno efferato: a quando dunque un tribunale internazionale per processare e condannare ancheNetanyahu e i suoi generali?

 

Piergiorgio Odifreddi

Ps : ci sarà il peso della Comunità ebraica ? 

Mostra altro

Talenti di Calabria - Francesca Gerbasi

20 Novembre 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #ATTUALITA'

 

Francesca-Gerbasi.jpg

COSENZA – Talenti di Calabria. Venezia, patria dell'amore per eccellenza, famosa per i suoi canali, per le sue romantiche gondole, per l'accattivante fenomeno naturale dell'acqua alta, è anche la città dove è esplosa l'eccezionale bravura di Francesca Gerbasi, cosentina,rinomato soprano falcon, idolatrata dalla critica e apprezzata dal pubblico per via di quella sua tonalità vocale che, nel corso degli anni, le ha permesso di essere paragonata ad una dei mostri sacri della lirica mondiale, Maria Callas. Raggiungiamo telefonicamente Francesca Gerbasi, in un momento di pausa. L'accoglienza che ci riserva è particolare, non foss'altro perché siamo della sua stessa città. Domanda d'obbligo: Il rapporto con la musica. «Forse è nato lo stesso giorno che sono venuta al mondo io, a quattro anni ho inziiato a studiare pianoforte. A sedici ho scoperto la lirica e nel 2006 sono stata ammessa al Conservatorio di Musica “S. Giacomantonio” di Cosenza, dove ho studiato col soprano Claudia Sisca. Ho poi proseguito gli studi con il baritono verdiano Giancarlo Pasquetto, trasferendomi nel dicembre 2011 al Conservartorio "B. Marcello" di Venezia, al quale sono attualmente iscritta, perfezionandomi con lo stesso Pasquetto affiancato dal pianista, cembalista e organista Silvio Celeghin per la costruzione e perfezionamento del repertorio lirico e barocco». A Venezia è entrata tra le Masterclass di Alto perfezionamento di Canto Lirico, quelle con il Soprano Luciana Serra, con il baritono Giancarlo Pasquetto; masterclass di canto barocco “Le sonate di A. Scarlatti”, tenuta dal soprano Gloria Banditelli; masterclass di liederistica tedesca di Mozart e Schubert; masterclass di liederistica tedesca di Strauss e Schumann con la pianista Marina D’Ambrosio; approfondimento su repertorio di liederistica tedesca di Schumann e Mahler con il direttore d'orchestra Rigon; masterclass sul repertorio spagnolo con il tenore Fernando Luigi Marquez Fernandez, docente dell'Istituto Superior de Màlaga; masterclass di perfezionamento sul repertorio antico spagnolo, in particolare lo studio sulla Zarzuela, con Ana Rodrigo ed Hector Guerrero, insegnanti presso la Escuela Superior de Canto de Madrid.

 

continua a leggere : link

Mostra altro

VELOCITA' DI CONNESSIONE RIMBORSI

19 Novembre 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #CONSIGLI CARANAS

Agcom, uno strumento online per misurare la velocità della connessione

L'Autorità ha messo a disposizione un software che consente di testare il funzionamento dell'adsl. In caso in cui venga registrato un valore diverso da quello sottoscritto, all’utente verrà rilasciato un certificato con cui chiedere eventuali rimborsi

di  | 19 novembre 2012L’Agcom ha presentato la nuova versione dello strumento messo a disposizione degli utenti per valutare la connessione a internet: il MisuraInternet Speed Test torna rinnovato nell’aspetto e nel suo funzionamento ma le polemiche sembrano invece essere le stesse del 2008, quando vide la luce la prima versione. Si fa presto a parlare di vendita delle frequenze per il 4G, di studi per lo sviluppo delle connessioni del futuro, ma la verità è che l’Italia ha un serio problema di “digital divide” proprio sull’adsl. Il servizio, presentato per la prima volta nel 2008 permette di avere, in appena 4 minuti, un’analisi delle prestazioni della rete casalinga, così come alcuni dettagli sul tipo di sistema utilizzato. Rispetto ai numerosi sistemi presenti in rete per la misurazione della velocità di connessione, il servizio messo a disposizione dall’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, si basa espressamente sull’operatore con cui è stato sottoscritto il contratto. In caso in cui venga registrato un valore che non rispecchia quello sottoscritto al momento dell’abbonamento, l’utente è indirizzato verso il test completo attraverso il software Ne.Me.Sys. e verrà rilasciato un certificato con cui si potranno chiedere eventuali rimborsi o il ripristino della velocità promessa.

“Ove il cliente non riscontri il ripristino dei livelli di qualità del servizio entro trenta giorni dalla presentazione del reclamo – spiega Sergio Del Grosso, dirigente Ufficio Qualità, Servizio Universale e rapporti con le associazioni dell’Agcom -, l’utente ha facoltà di recedere senza penali dal contratto per la parte relativa al servizio di accesso a internet da postazione fissa, con un preavviso di un mese, mediante comunicazione inviata all’operatore con lettera raccomandata o messaggio di posta elettronica certificata”. La notizia di questo nuovo servizio è stata accolta positivamente dai principali operatori italiani che, anzi, hanno partecipato attivamente allo sviluppo del programma di misurazione: “La gestione delle rispettive infrastrutture varia da operatore a operatore, come la relativa qualità del servizio fornito- continua il dottor Del Grosso -, ma nessuno degli operatori avrebbe avuto un positivo ritorno di immagine se si fosse sottratto alla realizzazione di un progetto come quello dell’Autorità che, best practice in Europa, mette in condizione l’utente di verificare in maniera trasparente la qualità del servizio sottoscritto”.

Gli utenti in possesso di un certificato “negativo” nella maggioranza dei casi sono riusciti ad ottenere dei risultati: “Dalle statistiche in nostro possesso, in particolare quelle relative alla gestione dei reclami inoltrati agli operatori e che saranno presto pubblicate, possiamo osservare come molti operatori nella maggior parte dei casi sono riusciti a migliorare il servizio al cliente e nei rimanenti casi sono stati “costretti”, per non perderlo, ad applicargli una consistente riduzione di prezzo”. Resta invece da capire quanti reclami sono stati inoltrati: secondo un’analisi risalente alla fine dell’anno scorso su 6500 certificati rilasciati dal programma, solamente 300 si sono tramutati in veri e propri reclami. Un numero esiguo se rapportato con i dati raccolti da SosTariffe in cui la maggior parte degli italiani lamenterebbe prestazioni per la connessione via cavo che arrivano a sfiorare il 50% in meno rispetto alla velocità promessa. A spaventare gli utenti forse, ancora una volta, è la burocrazia dietro al reclamo, più che alla possibilità di inoltrarlo. Con questa nuova versione del software, l’Agcom spera di offrire agli italiani uno strumento utile ad ottenere il servizio così come è stato sottoscritto e pagato. 

fonte : Il Fatto

Mostra altro