Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
Blog  di Caranas

Post recenti

NOOOOOOO ! Si ricandida

20 Luglio 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

 

Candida.jpg

Caldo.jpg

 

 

Berlusc.jpg

Mostra altro

Al poeta piace bere alla fonte

20 Luglio 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #CURIOSITA'

529502_167306616736995_1144612623_n.jpg

Mostra altro

Il miracolo di Napolitano

20 Luglio 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

551189_422084917835414_1885906498_n.jpg

 

Nota : accontentatevi, qui in Calabria Saudita la chiavetta Tim funziona a singhiozzo e moooooolto lentamente. Altri 90 euro buttati !

Mostra altro

Il ritorno della Urru

20 Luglio 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

URRU e Silvio

575972_330620383691299_531567412_n.jpg

Mostra altro

IL CADAVERE DI GHEDDAFI COME UN PUPAZZO. VIDEO CHOC FA IL GIRO DEL MONDO -GUARDA

17 Luglio 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

 

Non so se faccio bene a pubblicare questo video choc . Davanti alla morte occorre rispetto anche per il peggiore dei  dittatori. Mi viene in mente Cesare che si coprì il volto prima di crollare a terra senza vita.  Appena dopo la sua morte, avvenuta lo scorso 20 ottobre a Sirte, il cadavere del colonnello libico Muhammar Gheddafi è stato usato come una bambola dalle truppe ribelli che lo hanno catturato. La morte del dittatore provocò grandissimo entusiasmo, tanto che alcuni manifestanti si presero gioco del corpo di Gheddafi, usandolo come una bambola di un ventriloquo. Il cadavere è a petto nudo e un ragazzo gli afferra la testa per i capelli, come se fosse un pupazzo. La bassa qualità del video  fa pensare che sia stato prodotto mediante un telefono cellulare. L’attivista Sami al-Hamwi ha postato su Twitter il video apostrofando così la visione:

“Qualcuno dovrebbe mostrarlo al presidente siriano Bashar Assad affinché possa essere un promemoria di quello che è accaduto, in Medio Oriente, a un altro dittatore”.


Mostra altro

Quiz : a che ora è stata scattata questa foto ?

16 Luglio 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #GIOCHI

tettegrossefotobellaragazza.jpg

Attentissimi lettori di Foranastasis, c’è bisogno del vostro prezioso aiuto: non sono in grado di leggere il timestamp della foto, ovvero la data e l’ora impressa dalla fotocamera durante questo scatto… sarà un abbassamento improvviso della vista? C’è qualcuno che riesce a leggerla?

Mostra altro

La Francia tassa i ricchi, abbassa età pensionabile e aumenta i salari. Alla faccia della Fornero

15 Luglio 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

 

francia.jpg

Ha aumentato il salario minimo del 2%. Ha abbassato la soglia per le pensioni di anzianità a 60 anni. Ha annunciato un’aliquota sui redditi dei ricchi al 75%, una tassa sui dividendi del 3% e sulle scorte petrolifere del 4%. Ha assicurato che aumenterà i contributi – già altissimi – e l’imposta di successione e che recupererà la vecchia patrimoniale. Infine, ha promesso 65mila assunzioni nel settore pubblico. Insomma, per i fautori del libero mercato e delle riforme strutturali, François Hollande è un incubo. Se Mario Monti avesse azzardato una sola di queste misure, il famigerato spread avrebbe toccato vette inarrivabili.

 

Eppure, tutto tace. Mentre sui quotidiani stranieri, in particolare su quelli anglosassoni, i titoli continuano a somigliarsi tutti (tra i più gettonati: «la luna di miele finirà presto» e «la vie en rose durerà poco»), sui mercati finanziari l’incantesimo regge. Anzi. Non più tardi di lunedì i rendimenti sui titoli di Stato francesi a tre e a sei mesi, per la prima volta nella storia, sono stati negativi. Segno che il mercato pensa che la Francia somigli molto più alla Germania che alle peccaminose Italia o Spagna. Segno che la “rossa” Parigi è diventato un porto sicuro, alla pari dei Paesi “falchi” guidati da austeri conservatori à la Merkel che anelano allo zero deficit come alla panacea di tutti i mali.

Certo, anche Hollande si è impegnato sul rigore. I numeri però sono numeri. Nel primo trimestre dell’anno il debito è salito all’89,3% del Pil e il deficit veleggia a fine anno verso il 4,5%. Il premier Jean-Marc Ayrault si è impegnato a ridurlo sotto il 3% l’anno prossimo e di azzerarlo quello dopo. Ma anche le stime sul Pil sono state riviste allo 0,4% quest’anno e all’1-1,3% per l’anno prossimo. E Hollande non ci pensa neanche, per dire, a rimandarsi le assunzioni nel pubblico o a toccare la legge sui licenziamenti come gli chiedono in molti.

 

Gli analisti, ovvio, avvertono che bisogna guardare ai rendimenti dei bond decennali e non a quelli a brevissimo termine. E che nei prossimi mesi sono destinati a risentire dell’«effetto Hollande», se non farà anche riforme strutturali. Però lo spread francese, intanto, è inchiodato a 110 punti, a distanze siderali dal nostro. Con tutto che in Francia, negli ultimi 5 anni sono spariti 400mila posti nel manufatturiero e il Pil pro capite è sceso negli ultimi 10 dal 95 al 90% di quello tedesco. E con tutto che una settimana fa i maggiori economisti e imprenditori hanno chiesto allarmati uno «shock per il rilancio della competitività», che è un noto punto debole dell’economia oltralpe. I mercati, per ora, se ne infischiano.

 

 

fonte : Free Italy

 

Mostra altro

Barcellona - altre immagini

15 Luglio 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #VIAGGIANDO

Barcellona 0422

Barcellona 0430

Barcellona 0431

Barcellona 0428

Barcellona 0429

Barcellona 0492

 

Ps : sono tornato in Calabria - domani  pubblicherò  un servizio sullo stato di salute del mare di Fuscaldo. AUGURI A TUTTI I CARMELO, CARMINE, CARMELINA

Mostra altro

NO TAV - La Francia ci ripensa

15 Luglio 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

NO-TAV.jpg

La notizia era nell’aria, ora il quotidiano ‘Le figaro’ annuncia che, in merito alle linee ad alta velocità francesi, ‘dopo il momento delle promesse, è arrivato quello della realtà’.

E la realtà è solo una : la TAV non si farà. Il ministro del bilancio francese Cahuzac ha infatti dichiarato che il progetto delle linee ad alta velocità che da tempo viene euforicamente  sbandierato è stato proposto senza tener conto della situazione finanziaria del paese, e che sarà quindi necessario rinunciare a parte del progetto (che attualmente prevede 14 linee per un totale di 200 km e 260 miliardi di euro).

E’ una questione di soldi e la Francia si è resa conto che le nuove linee ad alta velocità non sono finanziariamente sostenibili e che non è dimostrata né la loro redditività finanziaria, né quella socio-economica, né i vantaggi ambientali, suggerendo che sarebbe invece decisamente più produttivo modernizzare e potenziare la rete già esistente. Come volevasi dimostrare !

 

Mostra altro

Arriva il lavoro... Berlusconi si ricandida

12 Luglio 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

Berlusconi si ricandiderà a premier. Todo por la patria. Senza altri Fini !

Berlusconi-si-ricandida.jpg

529236_458423104182094_1434825212_n.jpg


Mostra altro