Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
Blog  di Caranas
Post recenti

LOTTERIA GOVERNO ITALIA (vignetta)

31 Maggio 2018 , Scritto da CARANAS Con tag #MATTARELLA- GOVERNO- Satira

 

Mostra altro

Sull’Europa, i peggiori moralisti sono coloro che sanno di avere qualche scheletro nell’armadio.

31 Maggio 2018 , Scritto da CARANAS Con tag #NO EURO - MORALISTI EUROPEI

 

                                                                             -    di Caranas   -

Le accuse che la Germania ed altri Paesi del Nord Europa rivolgono ai membri dell’area mediterranea della Ue,  evocano sovente toni etico-religiosi, contrapponendo il rigore protestante dei popoli nordici all’accomodante lassismo cattolico dei popoli meridionali. Siamo stati davvero noi “terroni” a violare le regole della moneta unica, oppure i primi a farlo sono stati proprio loro nordici protestanti, i quali tentano di camuffare interessi nazionali e ambizioni egemoniche dietro un arrogante moralismo?

Già durante la prima "globalizzazione" (1870-­1914) - ( a me piace il GLOCALE) , erano evidenti  indirizzi di economia politica studiati per favorire i Paesi che godono di condizioni di surplus a spese di quelli in deficit. Ovvero chi domina oggi economicamente (Germania), non accetta che il mercato riequilibri i rapporti di forza facendo aumentare l’inflazione all’interno dei Paesi deboli e costringendoli ad aprirsi alle sue esportazioni e a rinunciare a sviluppare le proprie industrie nazionali ( Lamborghini e Ducati ne sono un esempio).

Vediamo ora come si è formato il debito pubblico italiano vera trappola “made in Germany”.

Negli ultimi anni Settanta la nostra economia ha dovuto fronteggiare gli effetti combinati della spinta salariale verso l’alto, alimentata da un lungo ciclo di lotte operaie, e dello shock petrolifero, ed è riuscita a resistere difendendo la propria competitività attraverso la svalutazione e aumentando la spesa sociale, per tamponare i conflitti sindacali e sostenere le imprese. Ciò implicava forzatamente l’aumento del debito pubblico che però non aveva conseguenze particolarmente negative, visto che la Banca centrale era in grado di affrontare il problema stampando moneta. Le cose si sono complicate quando le “sinistre” di governo (Andreatta, Ciampi, Padoa Schioppa e Prodi ) hanno pensato che per  porre fine a un uso troppo “spregiudicato” del bilancio pubblico, occorreva “importare” dall’estero regole più “sane” e stringenti. Da qui l’adesione allo Sme e poi  l’ingresso nell’area dell’Euro.

Una volta costruita la grande menzogna  della tendenza tutta italiana a “vivere al di sopra dei propri mezzi”, si è messo in atto il processo che ci è costato la rinuncia alla nostra sovranità nazionale . Sono stati gli elevati tassi di interesse causati dalle scelte sopra descritte e non una spesa pubblica fuori controllo a far esplodere il debito sovrano, come è inequivocabilmente dimostrato dal fatto che, all’inizio degli anni Novanta, lo stato italiano godeva di un significativo surplus primario (cioè le entrate fiscali superavano le uscite). A discapito della democrazia sociale, ecco cosa abbiamo importato dalla UE :

  • ­ la concezione liberista dello stato minimo,
  • ­ l’abbandono dell’economia mista,
  • ­ la fine della programmazione economica e di ogni politica industriale,
  • ­ il ridimensionamento del potere del Parlamento a vantaggio     dell’Esecutivo,
  • ­ la riduzione dell’autonomia impositiva degli enti locali,
  • ­ la fine della scala mobile e del principio di gratuità diffuso, ecc.

La Germania affida allo Stato il compito di salvare le proprie banche e chiama  i partner europei a “salvare” gli stati indebitati come è successo con la Grecia; un affare per la Germania, assai meno per noi, visto che, abbiamo dovuto sborsare soldi che sono serviti soprattutto a pagare i debiti greci con le banche tedesche.

 In conclusione una politica tedesca di sostegno alla domanda aggregata sarebbe indubbiamente un bene per l’economia globale, ma non per il modello economico tedesco.

La riduzione dell’Italia a periferia semicoloniale dell’Europa a trazione tedesca è stato il tentativo, fortunatamente fallito, di mandare in soffitta – con il referendum del dicembre 2016 – quella Costituzione che disturba il capitalismo globale perché contiene “elementi di socialismo” .

È invece purtroppo andata in porto la costituzionalizzazione di quel Fiscal Compact che rappresenta, di fatto, la messa al bando di qualsiasi politica keynesiana e, più in generale, di ogni velleità di sostenere società ed economia attraverso l’intervento pubblico.

Che vi sia ancora chi nutre illusioni in merito alla riformabilità di questa Europa, che fin dalle origini ha inscritto nel proprio DNA il compito di schiacciare le classi subalterne del Vecchio Continente, asservendole al modello di accumulazione della potenza dominante, e alle sue velleità di competere con Stati Uniti e Cina per il dominio del mercato globale, è francamente incredibile. Le violentissime pressioni politiche e mediatiche ( basta pensare al “Così imparate per chi votare “ del Commissario UE il  crucco-­tedesco Oettinger)  che vediamo mettere in atto in questi giorni di fronte alla possibile nascita di un governo “populista” , sono l’ennesima conferma del fatto che dalla trappola non è consentito uscire “con le buone”, ma solo attraverso scelte radicali che implicano una rottura sistemica.

Mostra altro

MATTARELLA il vero avvocato degli ITALIANI

28 Maggio 2018 , Scritto da CARANAS Con tag #Mattarella meno male che ci sei

 

                                                                                   

                                                                                                     di Caranas

 

Ora il vero avvocato degli italiani, per i non leghisti e non 5stelle appare Mattarella. Forse ci sarà per lui l’impeachment ma personalmente non ne vedo le ragioni. Mi viene piuttosto da chiedermi : come mai il Prof. Savona la lettera di precisazioni l’ha fatta all’ultimo momento? Come mai Salvini non ha accettato le soluzioni Conte ad interim per l’economia e/o Giorgetti leghista al ministero tanto discusso? La verità è che Salvini questo governo non lo voleva fare, occorreva trovare qualcuno a cui addossare le colpe; e Di Maio ci è cascato in pieno! Figurati se Salvini rompeva o si staccherà da Berlusconi!

Per onestà occorre comunque dire che nella vicenda ,  alcuni giornalisti tedeschi e il  Financial times  hanno rotto il cazzo. Noi che a questa gente già ai tempi di Cesare e di Adriano la civiltà l’abbiamo insegnata, non siamo né barbari né servi di nessuno. Fuck you !

Il PD di Renzi sapeva benissimo come sarebbe finita dopo i risultati del referendum. Il Rosatellum ha raggiunto l’obiettivo e adesso sono cazzi amari. LEU è  morta insieme a Bersani con tutta la nuova sinistra nel momento in cui sono entrati Grasso e la quasi ghiaccio Boldrini che mi è toccato votare nonostante non ne avessi voglia. Non è comunque che Speranza e Fassina fossero grandi statisti!

Grazie Rosato, grazie Renzi. A buon rendere!

Mostra altro
Mostra altro

Lunedì il premier (vignetta Caranas)

19 Maggio 2018 , Scritto da CARANAS Con tag #Salvini - premier

 

e intanto in assemblea PD

 

 

Mostra altro

Sarà il governo più a destra dell’Italia repubblicana

12 Maggio 2018 , Scritto da CARANAS

 

Salvini rappresenta in Italia il lepenismo, cioè il fascismo postmoderno. Questo basterebbe. Ma in più c’è il fatto che tratta con Di Maio anche a nome di Berlusconi, mentre milioni di elettori hanno votato M5S per chiudere un quarto di secolo di egemonia di Berlusconi sulla vita pubblica, esercitata dal governo e dall’opposizione attraverso la legittimazione del conflitto di interessi e leggi che hanno reso più difficile la lotta alla mafia e alla corruzione. Come può dunque un governo siffatto rispondere alle motivazioni che hanno spinto gli elettori a votare M5S?

Questo esecutivo non aiuterà le fasce più deboli. Salvini vuole la flat tax, che è incostituzionale e regalerà altri soldi ai ricchi. Che altro c’è da aggiungere? In più ci sarà l’opposizione benevola di Berlusconi!

Il PD renziano  ha  fatto di tutto per arrivare a questo epilogo. Si illude che l’inevitabile malgoverno che  tradirà le aspettative degli elettori del Movimento offrirà una rivincita a Renzi. Si può solo dire “Quos vult Iupiter perdere dementat prius”­ (A quelli che vuole rovinare, Giove toglie prima la ragione).

P.F.d'A

Mostra altro

PD al bivio. Si spaccherà in due

24 Aprile 2018 , Scritto da CARANAS Con tag #PD al bivio

Ho l’impressione che fra poco il PD si spaccherà e scomparirà, dando origine al  partito di Renzi che andrà verso il centrodestra e un partito che appoggerà il M5S. Si tratta solo di vedere con quali proporzioni avverrà questa divisione, probabilmente  alla fine di questo massacro nascerà un governo di centrodestra insieme al partito di Renzusconi con un premier leghista.

Mostra altro

Il presidente della Repubblica ha conferito a Roberto Fico l’incarico per un governo M5Stelle /PD

23 Aprile 2018 , Scritto da CARANAS Con tag #GOVERNO-FICO-M5S-PD

                                                                                                             vignetta Caranas

"Il presidente della Repubblica ha conferito al presidente della Camera Roberto Fico il compito di verificare un'intesa per una maggioranza parlamentare tra il Movimento Cinque Stelle il Pd per costituire il governo. Mattarella ha chiesto a Fico di verificare entro giovedì". Lo afferma Ugo Zampetti, segretario generale della presidenza della Repubblica al termine del colloquio tra Mattarella e Fico

Mostra altro

Milano, anziano preso a pugni in faccia per rapina

23 Aprile 2018 , Scritto da CARANAS Con tag #CRONACA

 

Un uomo è finito in coma dopo essere stato preso a pugni in faccia a scopo di rapina davanti al portone d'ingresso del suo condominio, in via Valtorta, zona viale Monza, a Milano. Il responsabile è stato fermato dalla polizia. Il video dell'aggressione, ripresa dalle telecamere di sorveglianza del palazzo, è stato diffuso su una pagina Facebook creata da operatori di polizia e condiviso migliaia di volte.

 

Il fermato si chiama Chestor Caldararu è un romeno di 29 anni con diversi precedenti per lesioni e rapina. Nel video si vede l'uomo, appostato vicino all'ingresso del palazzo, vestito con jeans e maglietta nera, che aspetta. Poi arriva l'anziano che rincasa con i sacchetti della spesa in mano. Quindi il 29enne sferra due pugni violentissimi in pieno viso e il pensionato cade a terra, esanime. A quel punto l'aggressore gli sfila il portafogli e scappa.

 

Nella caduta, si vede ancora nel filmato, la vittima batte violentemente la nuca a terra: questo

 gli ha provocato un grave trauma cranico per il quale è ricoverato in rianimazione. Le indagini sono passate alla squadra mobile che ha identificato il presunto autore grazie alla sovrapposizione di immagini tra riprese delle telecamere e banche dati degli investigatori e lo ha catturato nell'appartamento di Villa San Giovanni, non distante dal luogo della rapina, nel quale Caldararu vive con la moglie e con i figli. E' stato fermato con l'accusa di tentato omicidio e rapina.

Mostra altro

E' arrivata l'estate ! Le spiagge incominciano a riempirsi di gnocche

22 Aprile 2018 , Scritto da CARANAS

A sazizza vo' piglià aria !

 

Mostra altro