Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
Blog  di Caranas
Post recenti

ENRICO BERLINGUER IL MIGLIORE

12 Giugno 2011 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

27 anni fa moriva Enrico Berlinguer (Sassari, 25 maggio 1922 – Padova, 11 giugno 1984)

BERLINGUER

e voglio ricordarlo con questa frase:

 Berlinguer è morto 27 anni fa, ma diversamente da Craxi nessuna alta carica dello Stato ha perso troppo tempo per commemorare l'anniversario. Pare che Berlinguer fosse incensurato e addirittura onesto ...

(Marco Travaglio)

Mostra altro

Questo lo fanno curare. Pensate se avesse frequentato una prostituta minorenne e marocchina che spacciava per...

12 Giugno 2011 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

Scandalo messaggi sexy su Twitter il democratico americano  Weiner: "Vado in terapia"

Weiner.jpg

                                                 Antony Weiner

Pressioni sul deputato dopo la notizia che era in contatto con una minorenne. La Pelosi: "Si dimetta e si faccia curare". E lui si autosospende per entrare in un centro di riabilitazione

WASHINGTON - La leader della minoranza democratica della Camera dei rappresentanti, Nancy Pelosi, ha chiesto le dimissioni del deputato dello stato di New York, Anthony Weiner. E lui ha reso noto che si autosospenderà dalla Camera per poter entrare in un centro di riabilitazione. Il Rappresentante aveva ammesso di aver inviato sue fotografie in mutande a diverse sue sostenitrici e oggi è emerso che ha scambiato messaggi anche con una liceale diciassettenne. Astro nascente del partito, tra i favoriti per la candidatura alla poltrona di sindaco di New York, Weiner è sposato con il capo dello staff del segretario di Stato Hillary Clinton. A celebrare le nozze fu proprio l'ex presidente Bill Clinton. 

"Il deputato Weiner ha l'amore della sua famigla, la fiducia dei suoi elettori e la consapevolezza di aver bisogno d'aiuto", ha detto la Pelosi nella dichiarazione. "Lo invito con urgenza a cercare questo apiuto senza le pressioni derivanti dalla sua posizione di membro del Congresso". Nelle ultime ore si sono moltiplicati gli sforzi dei democratici per far cadere la testa di Weiner e mettere a tacere lo scandalo. Appelli alle dimissioni sono arrivati che dal deputato Steve J. Israel, che ha detto che Weiner chiaramente ha bisogno di curarsi per i suoi "comportamenti inappropriati". La presidente del partito democratico, Debbie Wasserman Schultz, ha definito "indifendibile" il comportamento di Weiner e ha detto che il suo ruolo nel Congresso è "insostenibile". "Questo affare  ignobile è diventata una distrazione inaccettabile", ha detto.

 

 

Mostra altro

Referendum - Stasera alle 22.00 potremo farci un’idea su come è andata. Ecco come

12 Giugno 2011 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

Se alle 22 di oggi la partecipazione sfiorerà il 35 %  il quorum sarà probabilmente superato.

775_Scuola-Elementare.JPG

 

Il dato  di paragone più interessante è offerto dal referendum sulla riforma costituzionale del 2006, l’ultimo che fece segnare il superamento della soglia del 50%. Nel 2006 si votò in una “due giorni” (25 e 26 giugno) persino più estiva della attuale e in quella occasione alle 15 del lunedì l’affluenza finale raggiunse quota 52,3%. Il giorno prima, alle 22 di domenica 25 giugno, la partecipazione si era attestata al 35%. Questo significa, sia pure con una ragionevole dose di approssimazione, che i quattro referendum di questa tornata supereranno probabilmente il quorum, se questa sera la partecipazione si attesterà attorno al 35%. Se invece alle 22 di questa sera l’affluenza sarà sotto il 33-34%, la validità sarà molto a rischio, mentre sarà molto probabile che il quorum si raggiunga, laddove la partecipazione si attestasse questa sera tra il 36 e il 40%.

 

Indicativi ma meno probanti i dati sull’affluenza che verranno resi noti nel corso della giornata. Nel 2006 alle ore 11 aveva votato il 10,1%, mentre alle 17 l’affluenza era stata del 22,4%. Meno probanti perché la sinistra stavolta si è impegnata in una campagna molto esplicita nell’invocare una corsa alle urne sin dalle prime ore del mattino, nella speranza di determinare un effetto psicologico, capace di trainare alle urne gli elettori “inconsapevoli”. Una scommessa che il leader del Pd, anziché impegnare i notabili del partito o affidare il messaggio al tamtam dei militanti, ha voluto giocare in prima persona. Due giorni fa Pier Luigi Bersani lo ha detto papale papale: «Andiamo a votare domenica mattina per dare un segnale di ottimismo».

 e se lo dice La Stampa ...

Mostra altro

Benigni : mi dovrebbero fare cittadino onorario di Arcore

11 Giugno 2011 , Scritto da CARANAS Con tag #ATTUALITA'

Il popolare comico scherza su Silvio e i quattro referendum di domani ad una cerimonia dedicata ad Umberto Eco

benigni2-copia-1.jpg 

‘A me che parlo da 17 anni di Berlusconi perche’ non mi danno la cittadinanza onoraria di Arcore? La voglio chiedere ufficialmente‘. Cosi’, scherzando, Roberto Benigni ha esordito alla celebrazione per il conferimento della cittadinanza onoraria di San Leo ad Umberto Eco. Celebrazione durante la quale l’attore e regista toscano ha letto anche brani tratti da opere dello stesso Eco. ‘Quando Eco mi ha chiesto di venire qui – ha sorriso di fronte alla platea assiepata alla Rocca di San Leo – ho risposto quattro volte si‘. Quattro si‘, quattro volte si’: si’, si’, si’, si’‘.

DOVREI ESSER CITTADINO DI ARCORE – In un articolo, tempo fa, Eco ha detto di San Leo: una rocca e due chiese – ha scherzato Benigni -. Mi hanno chiesto di Arcore – ha aggiunto – dovrei rispondere un uomo e trenta escort’. Secondo il regista de ‘La vita e’ bella’, ‘San Leo era nelle Marche e ora in Romagna. Anche ad Arcore, per le cose che stanno accadendo la’, sta cambiando provincia: sara’ sotto provincia di Las Vegas. Stanno intitolando una strada a Berlusconi – ha proseguito -: gli ingegneri hanno cominciato e stanno aspettando l’autorizzazione a procedere’. Benigni, ancora, non ha mancato di scherzare, riferendosi ironicamente al presidente del Consiglio, pur senza nominarlo direttamente. ‘Qui a San Leo ho visto la cella di Cagliostro, un personaggio straordinario che riusciva a manipolare le teste degli altri, un sacco di donne. Si e’ dichiarato il piu’ grande alchimista degli ultimi 150 anni – ha ironizzato -, ha giurato sui figli e la moglie ha detto: guardate e’ malato. Anche Cagliostro – ha argomentato nuovamente – ha avuto questa storia con la nipote di Luigi XVI…’. Davanti alla platea, Benigni ha poi concluso scherzando ancora sulla cella di Cagliostro dicendo che ‘ora la cella e’ vuota. Trovarne uno cosi’. La cella e’ libera, Bossi ci vuol fare una centrale nucleare’.

LEGA PRONTA A SCISSIONE NUCLEARE - ‘Se perdono questi referendum una scissione vera e’ quella della Lega: una scissione nucleare la fanno, una secessione magari…’. Cosi’, in un passaggio del suo intervento, alla celebrazione per il conferimento della cittadinanza onoraria di San Leo a Umberto Eco, Roberto Benigni ha toccato, scherzando, il tema dei referendum in programma domani e lunedi’. L’attore e regista toscano, parlando alla Rocca di San Leo, ha inoltre letto tre brani tratti da libri scritti da Eco e, davanti alla platea, non ha mancato di ironizzare in maniera particolare sul quesito relativo alla privatizzazione dell’acqua. ‘L’avete voluta l’acqua pubblica? – ha scherzato riferendosi alle nubi incombenti -. Se non la privatizziamo – ha proseguito – fa quel che vuole. C’e’ un signore – e ha scherzato ancora – che la vuole privatizzare e non solo ve la fa pagare’ qualche ‘euro in piu’ ma la trasforma anche in vino quando va ai matrimoni’.

 

Mostra altro

Lunedì 13 /6/2011 ore 20

11 Giugno 2011 , Scritto da CARANAS Con tag #SATIRA UMORISMO COLTO

Re-Arcore-1-.jpg

 

 

Grazie Max

essemesse_copia.jpg

 

Anche lady Giovanard al concertone

lady_giova_lady_gaga.jpg

 

2e4ea1d179115c9d1b47707119b34173.jpg

Mostra altro

Libia - E' l'Italia a bombardare più di tutti

11 Giugno 2011 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

Secondo gli alti pennacchi militari che commentano la vicenda, non c’è nulla di male, anzi: è tutto naturale.

tornado-italiano-683.png

Si tratta del “naturale ruolo dell’Italia”, quello che le ultime statistiche dimostrano prender piede: in Libia, ormai, la maggior parte delle bombe viene sganciata dai nostri bombardieri. “E’ il nostro cortile di casa”, dicono i generali: “Cos’altro dovremmo fare?”

BOMBE ITALIANE – Sta di fatto che la nostra presenza sul continente africano avrebbe dovuto essere, secondo le pretese della Lega Nord, principale alleato di Silvio Berlusconi il governo del quale ha promosso l’impegno libico dopo anni di amicizia preferenziale con Gheddafi, più defilato, più marginale: mai truppe di terra, ad esempio, il che è confermato oggi anche dal segretario generale della Nato Rasmussen. Tuttavia, che il nostro impegno non sia corposo è una balla, a quanto pare. La Stampa lo scrive chiaro e tondo.

Nella campagna militare di Libia, adesso, nessun Paese attacca quanto l’Italia. E non si tratta di missioni di ricognizione, di rifornimento, di soccorso. E nemmeno di quelle elettroniche anti-radar con le quali l’Italia si era affacciata, seppur controvoglia a questo conflitto. Qui si parla di bombardamenti veri e propri. Condotti – «in ambito di coalizione» – con i Tornado dell’Aeronautica e gli AV-8B Plus della Marina, imbarcati sulla portaerei Garibaldi. Lo confermano tre fonti qualificate dietro anonimato.«Sì, è vero, l’Italia, in questa fase, è il Paese che conduce il più alto numero di attacchi ». «Circa il trenta per cento», aggiunge un’altra fonte. Che cosa vuol dire? «Vuol dire – spiega un analista – che l’Italia assume in questa crisi il suo ruolo naturale: d’altronde parliamo di una campagna militare che si svolge in un teatro che è il nostro cortile di casa».Una leadership, dunque, per il nostro Paese.

Le implicazioni politiche sono tutt’altro che leggere. Partendo dagli equilibri interni al governo, quando questi dati verranno integralmente resi pubblici: cosa dirà la Lega di Umberto Bossi? Tutto ok?

 libya-bombing.jpg

 

 

Mostra altro

Disse non vado a votare, ora Silvio ammette di avere sbagliato

11 Giugno 2011 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

1-Salvo-e-Pico.jpg

«Ho sbagliato. Mi è sfuggito, ma non riusciranno a darmi la spallata» Berlusconi si è pentito di avere detto che non andrà a votare per i referendum. Gli era stato pure consigliato di non pronunciarsi ma ha voluto fare, come sempre, di testa sua. Adesso, con la spada di Damocle del quorum che pende sulla sua testa e la grande mobilitazione che vede arruolata anche la Chiesa Berlusconi torna sui suoi passi. E si pente di aver invitato all’astensione, come confessa a Gianni Letta e Angelino Alfano. Ma ormai è troppo tardi. A riferire del pentimento di Berlusconi è  il quotidiano La Stampa.

 

Mostra altro

FUSCALDO, LOVE --- SOUTHERN PRIDE

11 Giugno 2011 , Scritto da CARANAS Con tag #FUSCALDO

Southern pride : orgoglio terrone...orgoglio fuscaldese

Fuscaldo-vista-dall-alto-1.jpg

Fuscaldo-by-notte.jpg

1-192-copia-1.JPG

DSC00061.JPG

Fuscaldo-tramonto.jpg

auguri.jpg

delfino-fuscaldo.jpg

imm8.jpg

Foto-E.Rotundo.jpg

raff-002--2-.jpg

Fuscaldo-copia-2.jpg

viale_di_montagna_1.jpg

Fuscaldo-M.-Torre-saracena.jpg

Fuscaldo-1.jpg

albe1.jpg

ablog6-copia-1.jpg

1-231.JPG

1-084

1-085.JPG

cudinuli 3

cudinuli 2

Frascatula 1

Porca Troia

prima

Presepe-copia-1.jpg

neve01

sarde 011

scirubetta 008

DSCF0315

DSCF0319

DSCF0299

DSCF0326

FOTO-ARTICOLI-3 0396

DSCF0292

DSCF0295

FOTO-ARTICOLI-3 0386

FOTO-ARTICOLI-3 0398

FOTO-ARTICOLI-3 0397

FOTO-ARTICOLI-3 0411

DSCF0008-copia-1

DSCF0008

DSCF0051

DSCF0013

VIAGRA 008




Mostra altro

Ad un passo dal baratro . Silvio superato da Tremonti farà la fine di Craxi

11 Giugno 2011 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

Non ce la fa più ! Un volo in Sardegna  per rilassarsi dopo aver visto i risultati degli ultimi sondaggi.

Silvio e Scilipoti

                                                         di Caranas

Nonostante il mare, non sarà un week end tranquillo con sopra la testa una corona di spine che punge il parrucchino. La tregua con Tremonti è solo apparente; l’invidia di un uomo abituato al successo si vede eccome. Giulio guadagna in popolarità e  in livello di fiducia il 52% in un sondaggio sui votanti PdL, lasciando  Silvio al minimo storico del 13 % superato anche da Alfano (23 %) e da Maroni (19 %). Considerando anche gli elettori della Lega, Tremonti guadagna l’89 % e Berlusconi vede sfumare non solo la sua leadership ma anche la Presidenza della Repubblica. Abbandonato anche da Ferrara e,  sul referendum anche dalla Chiesa e dalla Mussolini, ma anche dai Pidellini che col loro 44 % hanno dimostrato la contrarietà alla nomina di Alfano a segretario, Silvio mastica amaro cercando senza riuscirci di dare nuovo impulso al PdL. Non ultima la preoccupazione per l’uscita dal Pdl di Gianfranco Miccichè, insieme a nove deputati e tre senatori ( commentata come un nuovo segnale di pericolo per la maggioranza di centrodestra nonostante la volontà, più volte ribadita, da parte di Miccichè, di non abbandonare la sua area politica ).

Che dire ? Il guerriero va a riposarsi in Sardegna aspettando i risultati dei referendum. Tanto,  sulla penisola vigila Scilipoti !

Mostra altro

La nuova giunta di Milano con 6 donne

10 Giugno 2011 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

Pisapia presenta la nuova giunta

Nuova-giunta-Milano.jpg

sei donne, c'è Tabacci al Bilancio

La cattolica Maria Grazia Guida, direttore della Casa della carità di don Colmegna, vicesindaco

A Stefano Boeri la delega a Cultura ed Expo. Nessun nome per Rifondazione e Italia dei valori

Giuliano Pisapia con le donne della nuova giunta

Il nuovo sindaco di Milano, Giuliano Pisapia, ha presentato la nuova giunta di Palazzo Marino. Il suo vice è Maria Grazia Guida, che ha anche le deleghe alla Educazione, rapporti con il consiglio e attuazione del programma. Gli assessori: Daniela Benelli al Decentramento e servizi civici; Stefano Boeri a Cultura, Expo, Moda e design; Lucia Castellano alla Casa, demanio e lavori pubblici; Chiara Bisconti al Benessere, qualità della vita, sport e tempo libero; Franco D'Alfonso al Commercio, attività produttive, turismo e marketing territoriale; Lucia De Cesaris all'Urbanistica e edilizia privata; Marco Granelli alla Sicurezza e coesione sociale, polizia locale, protezione civile e volontariato; Pierfrancesco Majorino alle politiche sociali e servizi per la Salute; Pierfrancesco Maran alla Mobilità, ambiente, arredo urbano e verde; Bruno Tabacci al Bilancio, patrimonio e tributi e Cristina Tajani alle Politiche del lavoro, sviluppo economico, università e ricerca.

 

I volti e le schede dei nuovi assessori

 

Le donne sono sei, compreso il vicesindaco Guida, e cinque assessori su 12 sono rappresentanti del Partito democratico. Nessun nome, invece, per Rifondazione e Italia dei valori, che pure avevano sostenuto la candidatura di Pisapia a Palazzo Marino. Il sindaco ha mantenuto per sé le deleghe a Partecipate, Innovazione, Risorse umane e organizzazione, Giovani, Agenda digitale, Sistemi informativi, Avvocatura, Facility management, Comunicazione e Sistema di gestione della qualità. Nominati anche i vertici degli organi di garanzia. Valerio Onida è all'Autorità per le garanzie civiche (partecipazione e trasparenza), dove si avvarrà della collaborazione dell'avvocato Umberto Ambrosoli, mentre Piero Bassetti guiderà la Consulta per l'internazionalizzazione del Sistema Milano. Pisapia ha anche auspicato che Basilio Rizzo, storico consigliere comunale della Federazione della sinistra, possa essere eletto presidente dell'assemblea di Palazzo Marino.

 

Pisapia ha chiarito di non avere "battuto i pugni" per imporsi davanti alle richieste dei partiti e ha negato riunioni fino a tarda notte con i suoi rappresentanti. "Non è nel mio stile e non ce n'è stato bisogno, perché il rapporto con la città e i partiti è stato molto utile e sereno - aveva detto prima di leggere i nomi della sua squadra - Ho trovato una coalizione molto unita che, come in campagna elettorale, ha guardato agli interessi della città, prima che a quelli dei singoli. Ho ascoltato tutti e ho preso le mie decisioni in autonomia di cui mi prendo la responsabilità". Il sindaco si è detto quindi "molto soddisfatto" della squadra e ha aggiunto di essere "fiero che in meno di dieci giorni, nonostante i tanti problemi già affrontati e risolti, posso presentare una giunta figlia di una grande stagione di partecipazione che ho vissuto da undici mesi a questa parte, da quando cioè è iniziata la mia campagna elettorale".

 

"Mi pare che il sindaco Pisapia consideri un'opportunità la mia presenza nella commissione Bilancio della Camera", ha detto Tabacci escludendo la possibilità di lasciare l'incarico di parlamentare dopo il suo ingresso in giunta. L'esponente centrista, oggi in forza all'Api di Francesco Rutelli, ha rivendicato come utile e strategica la sua presenza in un organo parlamentare come la quinta commissione, dal momento che nelle vesti di assessore al Bilancio dovrà giocare la difficile partita di una possibile riforma dei vincoli del patto di stabilità. Il neoassessore milanese ha però reagito con fastidio a chi gli ha chiesto perché non intendesse dimettersi, visto che il sindaco Pisapia ha imposto il divieto ai doppi incarichi. "Mi stupisco che questo genere di questioni non siano state poste per anni a Milano - ha attaccato Tabacci - Questa città ha avuto per 15 anni un vicesindaco che faceva il parlamentare.

 

Mostra altro