Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
Blog  di Caranas

Post recenti

Intervista al Duce Benito Mussolini

6 Ottobre 2009 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

                          Mussolini  tra ieri e oggi
                                                        
                                                 

Breve e immaginaria  intervista  al Duce
     di  Carmelo Anastasio 
                                                                                                                                                   Milano 6 ottobre 2009
  

 

                        

Duce, dopo più di 70 anni dalla fine della  guerra,  ripeterebbe   gli errori commessi ?

 

 Io non ho sbagliato nulla. Anzi, un errore lo feci, quello di fidarmi degli inetti che mi circondavano, gente assetata di potere con gola di guadagno. E il popolo andava  forgiato dopo secoli di invasioni, di miserie e di denutrizione. Noi abbiamo perso, ma abbiamo spaventato il mondo dei grandi speculatori , non abbiamo agito certo come fanno adesso Berlusconi e Tremonti che regalano soldi pubblici alla banche.Mi ricorda la moneta di occupazione, al nord i marchi di guerra che feci ritirare subito dopo che erano stati messi in circolazione . Ci saremmo trovati con miliardi di carta buona da bruciare. Al Sud invece accettarono le Am-lire , anche questa , carta senza alcun valore. Abbiamo perso ma il nostro obiettivo era enorme : la socializzazione mondiale con unica moneta e con frontiere esclusivamente a carattere storico,  con l’oro di tutto il mondo di proprietà comune e abolizione reale di ogni armamento.

 

Già , Duce, però avete perso e il vostro progetto di colonizzare e civilizzare per portare libertà di pensiero , di parola e di stampa , con la morale e i suoi diritti al di sopra d’ogni cosa e con una sola moneta,  alla fine è stato realizzato dall’Unione Europea  e in altri paesi - come anche nell’Europa stessa - ci stanno pensando gli Stati Uniti.

 

Ma non dica cazzate! Questa della morale poi , la vada a raccontare a Berlusconi . Con un premier che va a puttane… come le chiamate adesso? Ah già escort ! Non parliamo poi delle minorenni...

 

Duce, anche voi però… con Claretta Petacci tra le mille cose da fare ogni giorno per l’Italia - come per Berlusconi - il tempo di non annoiarvi lo trovavate lontano dalla signora Rachele e vicino vicino a Claretta…

 

Non le permetto! Ma cosa dice ? Che paragoni fa ? Mi consenta… Claretta ha perso la vita per seguirmi sino alla fine e voi comunisti  faceste scempio dei nostri corpi a Piazzale Loreto.

 

Come voi Duce, ricordate i 15 martiri di quella piazza?

 

ME NE FREGO ! Erano solo banditi!

 

Vorrei passare ad altro Duce . Avete sbagliato, avete perduto la testa e non solo per la Petacci.

 

Ancora… la smetta , mi sembra Travaglio…

Libertà di parola e di scritto… Ma lei crede davvero che gli italiani di oggi siano veramente così liberi? Crede veramente che il premier con le sue tv vi possa concedere libertà di stampa? O lo crede solo perchè mi sta intervistando? Parlate sempre voi , oppositori per natura … continuate con questa farsa dei sei milioni di ebrei morti, quanti sono i morti dovuti alle “ guerre di pace” volute dagli USA ? Non sono stati gli americani che in meno di un minuto mi hanno mandato 350.000 giapponesi a farmi compagnia nell’agosto del ’45 ?

 

Non avreste dovuto dichiarare guerra alla Francia e all’Inghilterra. Dovevate ritirarvi nel 1938.

 

Oggi è facile profetizzare il passato ma ai primi di giugno del 1940 le critiche riguardavano la neutralità  ridicola, impolitica, sorprendente. La Germania stava vincendo e noi, oltre a non avere alcun compenso, nel giro di poco tempo saremmo stati occupati e schiacciati. Un’occasione d’oro così , non si sarebbe più ripresentata .

 

Duce, ma voi subivate pressioni da parte di Hitler che aveva bisogno dell’Italia  e l’Italia era già forte, forse più della Germania. Quale necessità quindi di cedere al gioco del Fürer?

 

Non è così, la Germania in realtà aveva già vinto la partita continentale. Non aveva affatto bisogno di noi che invece dovevamo difendere la posizione di parità ottenuta. E i patti erano chiarissimi con Hitler di cui avevo la massima stima . Non c’erano con il Fürer minime divergenze di vedute né sul futuro aspetto dell’Europa, né su quello dell’Africa. Il nord e nord-est a influenza tedesca , il sud e sud-ovest  a influenza italiana. Un piano di pace e di benessere per tutti.

 

Chissà perché in questo momento mi vengono in mente i padani e la Lega con Bossi e Berlusconi.

 

Stia tranquillo... ho capito quello che vuole dire... ma le assicuro che finché la ‘ndrangheta e la mafia saranno forti, non ci sarà alcuna scissione in Italia. E poi avete le garanzie  Fini e Casini no?

 

Duce, il vostro disegno politico prevedeva  trecento milioni di europei  ma non quelli balcanici o delle vicinanze della Vistola…

 

Quelli non erano veri europei . Di quelli non ci si poteva fidare per creare una forza vera, solida, capace di combattere l’eventuale nemico asiatico o americano. Con tutti gli extracomunitari che avete adesso , dove volete andare… non c’è più una vera razza italiana. Se poi ci metti i rumeni… buoni quelli a stuprare . Ai miei tempi ciò non sarebbe successo. La Romania poi influì decisivamente  sulla nostra sconfitta, la mancanza della benzina fu la più terribile delle cause della perdita della supremazia aerea.

 

I rumeni con voi non avrebbero stuprato, però  coi vostri metodi , magari  ce li saremmo trovati in qualche modo italianizzati nelle camice nere... nelle squadracce... capisce quello che voglio dire?

 

Ma mi faccia il piacere… non dica fesserie…

 

Duce, è vero  che non ha fatto nulla per evitare l’espansione della Germania?

 

Non è vero . Dal ’33 al ’35, sono stato l’unico ad opporsi ai primi piani espansionistici di Hitler. Mandai anche divisioni al Brennero e nessun gabinetto europeo mi appoggiò . E con gli italiani, nei dialoghi che tante volte ho avuto con le moltitudini, avevo la convinzione che le grida che seguivano le mie domande fossero segno di coscienza, di comprensione, di evoluzione. Invece era isterismo collettivo. Ho sopravvalutato l’intelligenza delle masse.

 

La parte opposta però ottenne quello che voleva  con martiri e sacrificio e non faceva certo parte di quell’isterismo collettivo. I proletari, i bisognosi di tutto, alla fine seppero riscattarsi con onore fino alla vittoria.

 

Già… passando dalla parte dei plutocrati, degli affamatori del grande capitalismo. Ma vedrà che saranno gli uomini con le loro debolezze che imporranno l’Idea Fascista , e sarà l’Idea del XXI secolo. E gli italiani se vorranno essere ancora un Popolo e non un agglomerato di schiavi, dovranno farla propria e perseguirla con fede.

 

Pensa che la Chiesa avrà ancora un ruolo importante nella rinascita dell’Idea Fascista?

 

La Chiesa preferisce degli avversari deboli e degli amici forti . Avere da combattere un avversario che non la possa spaventare e che le permetta di avere a disposizione degli argomenti coi quali rafforzare l’espandersi della fede, è indubbiamente vantaggioso. Diplomazia abile, raffinata , non quella di Boffo e di Feltri per intenderci. A volte, fare i superfurbi provoca danni. Poi adesso c’è il discorso della pillola antiabortiva e Berlusconi non so se sarà capace di trovare una soluzione che aggrada tutti. Non è un uomo forte,  un vero statista… è solo un palazzinaro a cui non dispiacciono le veline. La Chiesa sembra oggi alleata più ai suoi acerrimi nemici nonostante l’anticlericalismo abbia ripreso in pieno il suo turpe lavoro. Non è come ai miei tempi , quando con i Patti Lateranensi  detti lustro , decoro e autorità… alla Chiesa … Romana.         


Non c'è più segnale dal satellite. Fine dell'intervista

 

 

                                                                                                                                              © Carmelo Anastasio 2009

 

 

Mostra altro

Piergiorgio Odifreddi intervista Hitler

3 Ottobre 2009 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

                   Intervista a
               ADOLF HITLER
                                             Piergiorgio Odifreddi 2005


Adolf Hitler nacque in Austria il 20 aprile 1889, e dedicò la sua vita alla realizzazione del piano politico esposto nel 1924 nel Mein Kampf, "La mia battaglia'', scritto in prigione dopo un fallito tentativo di colpo di stato. Il suo regno di terrore potè iniziare legalmente nel 1933, grazie al 44% dei voti del Partito Nazionalsocialista, e all'8 % del Partito Nazionalista (20,5 milioni in tutto), ottenuti alle elezioni: a dimostrazione del paradosso che un dittatore può anche arrivare al potere democraticamente.

L'espansione del Terzo Reich iniziò nel 1938 con l'annessione dell'Austria, e raggiunse al suo massimo un'estensione da Capo Nord al Sahara, e dalla Normandia al Caspio. La contrazione iniziò nel 1942 con le sconfitte di Stalingrado e di El Alamein, e si concluse il 9 maggio 1945 con l'entrata dei russi a Berlino. Poco prima, il 30 aprile, Hitler si era ucciso con un colpo di pistola nel suo bunker.

Sessant'anni dopo, mentre nel mondo si sta organizzando un Quarto Reich che va dagli Stati Uniti al Mediterraneo, abbiamo parlato del Terzo col sanguinario vegetariano che l'ha comandato per dodici anni.

 

Fürer, dopo la fine della Seconda Guerra Mondiale il suo nome è diventato sinonimo del male. Cosa ne pensa?

 

La storia è sempre stata scritta dai vincitori, e il bene è ciò che sta dalla loro parte. Se avessimo vinto noi, sinonimo del male sarebbe diventati i nomi di Churchill o di Roosevelt.

 

Non crede che ci siano motivazioni oggettive, oltre alla sconfitta? Stalin la guerra l'ha vinta, eppure anche il suo nome è diventato sinonimo del male.

 

Milioni di persone non l'hanno pensata così, su Stalin, prima e dopo la guerra: quanti russi hanno pianto, quando è morto? Temo che lei non sappia molto nè dello stalinismo, nè del nazismo, a parte ciò che le ammanniscono i Ministeri della Propaganda, del suo paese e di quello che lo comanda.

 

Ministeri della Propaganda? E quali sarebbero i nostri Goebbels?

 

Per parlarle in termini che lei può capire, se il nostro era il totalitarismo inumano del 1984 di Orwell, il vostro è oggi il totalitarismo dal volto umano del Mondo nuovo di Huxley. I suoi Ministeri della Propaganda sono dunque il cinema e la televisione: se vuole trovare i nuovi Goebbels, li cerchi fra gli Spielberg e gli Zeffirelli, o fra i Murdoch e i Berlusconi.

 

Cosa voleva insinuare, fra l'altro, con quel "paese che ci comanda''? Che l'Italia sarebbe una colonia degli Stati Uniti?

 

E non lo è, forse? Da quando siete stati occupati, nel 1944, non vi siete più liberati. A tutt'oggi ci sono 125 basi e 35.000 truppe statunitensi in Italia: è indipendenza questa? In Germania, poi, stiamo ancora peggio. Quella che voi chiamate liberazione, fu soltanto la sostituzione di un'occupazione militare a un'altra, meno esibita ma non meno effettiva.

 

Non vorrà negare, però, che il nazismo si è macchiato di crimini contro l'umanità mai visti prima.

 

Ah, sì? E quali?

 

Anzitutto, lo sterminio di sei milioni di ebrei.

 

Non dica cretinate. Il mio modello per la soluzione del problema ebraico è stato il modo in cui gli Stati Uniti avevano risolto l'analogo problema indiano: un genocidio sistematico e scientifico dei diciotto milioni di nativi che vivevano nell'America del Nord. Quanti indiani rimangono negli Stati Uniti, oggi? Qualche centinaio, mantenuti in riserve come i bisonti. E quanti ebrei rimangono invece, al mondo? Milioni, e hanno addirittura uno stato tutto per loro: il quale, tra l'altro, sta mostrando di aver imparato la nostra lezione sul come trattare le minoranze etniche.

 

Lei è proprio un senza Dio!

 

Senza il Dio degli ebrei, magari. Ma avevamo il vostro: non è forse stato Elie Wiesel, premio Nobel per la pace nel 1986, a dire che "tutti gli assassini dell'Olocausto erano cristiani, e il sistema nazista non comparve dal nulla, ma ebbe profonde radici in una tradizione inseparabile dal passato dell'Europa cristiana''? Non senza motivo le mie SS portavano scritto Gott mit uns sulla fibbia della cintura.

 

La Chiesa non la pensa certo così!

 

Ma se, da quando Rolf Hochhuth ha rotto l'incantesimo con Il vicario nel 1963, non si fa che parlare del silenzio di Pio XII nei confronti di quello che voi chiamate Olocausto! E poi, lei non ha certo letto il mio Mein Kampf, che immagino non sia facile da trovare nelle vostre librerie: se l'avesse fatto, ricorderebbe però che il progetto per il trionfo del nazismo era modellato sulla tenace adesione ai dogmi e sulla fanatica intolleranza che hanno caratterizzato il passato della Chiesa cattolica.

 

In ogni caso, basterebbe a condannarvi il disprezzo per la vita umana di civili innocenti che avete dimostrato durante la guerra.

 

Questa la vada a raccontare agli abitanti di Amburgo e di Dresda, sui quali avete riversato le "tempeste di fuoco'' che ne hanno ucciso un milione. O a quelli di Hiroshima e Nagasaki, trecentomila dei quali sono stati inceneriti da due bombe atomiche: nessuna propaganda può cancellare il fatto che i "cattivi'' nazisti non hanno costruito queste armi di distruzione di massa, mentre i "buoni'' Stati Uniti le hanno non solo costruite, ma usate!

 

Almeno, non vorrà negare la sua aberrante politica eugenetica.

 

Perchè mai dovrei negarla? Era un mezzo per ottenere la purezza della razza. Ma non capisco cosa ci trovi di aberrante: la mia legge del 1933, per la prevenzione dei difetti ereditari, era esplicitamente basata sul modello statunitense di Harry Laughlin, al quale noi demmo per questo motivo una laurea ad honorem nel 1936 a Heidelberg. Lo sa, lei, che la prima legge per la sterilizzazione di "criminali, idioti, stupratori e imbecilli'' fu promulgata nel 1907 dall'Indiana? Che fu poi imitata da una trentina di stati americani, e dichiarata costituzionale nel 1927 dalla Corta Suprema? Che negli anni '30 furono sterilizzati 60.000 individui negli Stati Uniti, metà dei quali nella sola California? E che negli anni '50, dopo la guerra, furono castrati 50.000 omosessuali?

 

Non vorrà dire che gli Stati Uniti, il melting pot, sono un paese razzista!

 

Lei è proprio un ingenuo! Secondo lei, contro cosa manifestava Martin Luther King, ancora negli anni '60? E chi scrisse Il passaggio della Grande Razza nel 1916?

 

Chi?

 

Madison Grant, amico di Theodore Roosevelt. Quando il libro fu tradotto in tedesco, gli mandai una lettera entusiasta, di cui lui fu molto compiaciuto. E a proposito di Roosevelt, non dimentichi che Pierre van der Berghe, studioso della razza, l'ha messo insieme a me e a Hendrik Verwoerd, l'artefice dell'apartheid sudafricano, nella Trinità del Razzismo del Novecento.

 

Di questo passo, arriverà a dire che gli Stati Uniti furono anche un paese nazista!

 

Gli Stati Uniti non possono aver seguito il nazismo, perchè l'hanno preceduto e ispirato. In fondo, volevamo entrambi una cosa sola: come cantavano le mie SS, Morgen die ganze Welt. Purtroppo il mondo era quasi tutto nelle mani delle potenze coloniali, e bisognava toglierglielo con la forza. Il "male'' di cui ci hanno accusati era tutto qui: voler fare a loro ciò che essi avevano fatto ad altri. Noi abbiamo fallito, ma gli Stati Uniti stanno portando a termine quello che era il nostro vero progetto: il dominio globale (militare, politico ed economico) del pianeta.

 

E' questa, dunque, l'eredità del nazismo?

 

L'ha già dichiarato Otto Dietrich zur Linde, il giorno prima della sua esecuzione, nell'intervista rilasciata all'argentino Borges, poi pubblicata col titolo Deutsches Requiem: il nazismo era un'ideologia così ben congegnata, che l'unico modo per sconfiggerla era di abbracciarla. Noi volevamo che la violenza dominasse il mondo, e il nostro scopo è stato pienamente raggiunto. Non abbiamo vissuto e non siamo morti invano.

 


Mostra altro

Dai Maya al catasrofismo tra fascino e realtà

3 Ottobre 2009 , Scritto da CARANAS Con tag #RELIGIONE

Apocalisse del 2012 . Non ci credo ma mi preparo

 

                                                                                                di Carmelo Anastasio

 

 

 

      Come se non bastasse la crisi che ci attanaglia , ecco le immancabili ciliegine sulla torta : le tematiche catastrofiche legate alla fatidica data del 21 dicembre 2012 che abbondano in rete e sulle tv.

Perché è importante questa data? Sembra che rappresenti la fine del mondo e appassionati studiosi (dilettanti e non ) di archeoastronomia , scienza nuova solo per l’Italia , ne discutono eludendo però gli approfondimenti scientifici necessari ; forse perché è più bello fantasticare ed esplorare l’ignoto facendo cadere nell’oblio quelle spiegazioni che la storia ci dà ad interpretazione esatta dell’enigma.

E’ noto infatti che le reazioni ‘folkloriche’  di panico, avvengono per l’assenza di una valutazione razionale di una particolare minaccia, stereotipo timore che veicola la discussione e funge da stimolo.

Bisogna infatti risalire al misterioso calendario della civiltà Maya per capire che il 21 dicembre 2012 rappresenta soltanto la fine di un ciclo non quella del mondo. Il nostro calendario è ciclico : si susseguono le ore con ciclicità giornaliera per dare origine a un nuovo giorno  , si susseguono ciclicamente i giorni e i mesi mentre  gli anni crescono sempre.

Per il calendario Maya la ciclicità era un po’ diversa dalla nostra , comprendeva le ere ( quella attuale è l’era cosmica) . Prevedeva infatti un ciclo lungo formato da 5200 anni  a sua volta composto da 13 cicli corti di 400 anni circa. Finito il ciclo lungo … si ricominciava! Nulla di catastrofico quindi. Il ciclo attuale è iniziato circa 3188 anni a.C. Il 21 dicembre 2012 è assimilabile per questo al nostro capodanno del 2000.

Questa della End of the world è una delle tante profezie che si sono aggiunte successivamente e l’amplificarsi della faccenda ha permesso l’aggiunta di altro che non ha alcun senso. E la storia assomiglia al millenarismo medioevale europeo, tipica di quel modo di pensare alla fine del millennium. Un nuovo elemento della vena catastrofica  che sommerge via media, tv, stampa e cinema con attacchi e invasioni aliene. A latere, qualcosa di vero c’è in realtà. Ad esempio, sulla correlata inversione del campo magnetico terrestre,  c’è un’ampia bibliografia che tratta anche la fine dell’era cosmica Maya.  Studiosi del settore , Maurice Cotterel e Adrian Gilbert, sostengono che l’inversione non ha nulla di soprannaturale , si tratta semplicemente di un fenomeno dovuto  allo spostamento dell’asse della terra ( e qui si ritorna alla ciclicità ) , cosa avvenuta più volte nel passato e che avverrà di nuovo. Quando , non si sa.

Il piano dell’ellittica del sistema solare vedrà lentamente una diversa inclinazione assiale della terra,  ma questo non comporta influenze ufologiche o archeoatrologiche  nonostante il tema del diluvio universale sia ancora oggi uno dei grandi misteri già appartenuto ad ogni cultura antica.

L’inversione del campo magnetico terrestre è oggi misurabile attraverso l’esame di alcune particelle contenute nelle rocce. Particelle che sono dotate  della capacità  di “registrare” il lento processo dell’inversione della polarità; attenzione però, viene misurato il processo di variazione ma non è possibile stabilire quando avverrà l’inversione. La conseguenza più immediata della variazione del campo magnetico è l’aumento lentissimo delle radiazioni che bombardano la terra , ma nulla di apprezzabile. L’altro bombardamento, quello delle notizie false,  provoca una psicosi che incomincia a generare business . Come negli anni settanta. Crescono infatti quelli che acquistano riviste specializzate ma anche provviste a lunga scadenza . Ci sono poi i più spinti, i fanatici, quelli  che si fanno costruire, o peggio si costruiscono “ fai da te “,  bunker della sopravvivenza come soprattutto sul territorio svizzero nel periodo della guerra fredda .

Credere all’apocalisse del 2012 è facile , come sostiene il Prof. G.Magli esperto in archeoastronomia : “l’uomo non accetta che qualcuno, in periodi storici diversi, abbia prodotto le stesse idee”. Eppure, civiltà che non si sono mai conosciute (o no?) costruirono piramidi a Giza mentre altre nello stesso tempo le costruivano a Caral (Perù) , ciclicità anche degli schemi mentali ?  Per approfondire , trovo interessanti  le teorie  di studiosi come Boval e Icke, ottimi professionisti che  agiscono in buona fede.

 

Se da un lato ci sono cose veramente inspiegabili, dall’altro c’è il rischio di cadere in drammatizzazioni dannose sia per i professionisti seri del settore, sia per coloro che subiscono l’onda del ‘panico morale’ non essendo preparati a ragionare con pensiero critico.

Le profezie ci sono sempre state nei secoli. Non ultima quella di Nostradamus, e tutte molto oscure nelle quali si può leggere ( ed è questo quello che affascina) ogni tipo di conclusione. A piacere, secondo l’interesse soggettivo,  ma anche di chi commercialmente può sfruttarle approfittando dell’onda. Si sa che libri di storie catastrofiche o di misteri sono molto venduti. Ognuno vede in questi scritti, nelle ‘Quartine’ profetiche , negli assunti ambigui e fumosi, quello che vi proietta la propria personalità, un riflesso di quello che si ha in mente. Salvo poi scoprire , come nel caso degli annunci di  Nostradamus, che con le date indicate ( 1732 e 1792) non ci aveva per niente azzeccato. Infatti in quegli anni, nulla di catastrofico avvenne. Come per il “mille e non più mille”  nell’avvento del 2000.

 

E’ tempo di crisi, di restrizione della libertà di stampa,  di disoccupazione ( “Per trovare lavoro bisogna non essere disoccupati “ – C. Pavese) , tempo di veleni in mare e di preoccupazione altissima, tempo speciale e terreno migliore per la proliferazione del “panico morale sociale”. E se la gente non sa più a cosa credere, alla fine finisce col credere a tutto  ( G.Chesterton ) perciò prevale il : “non ci credo, ma mi preparo”.

 

 

                                                            ©  Carmelo Anastasio 2009 

 

Mostra altro

Il governo vara lo scudo fiscale

30 Settembre 2009 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

 

                                                                                            di Carmelo Anastasio 

 Lavoro inutile della Guardia di Finanza     
   
     
Ancora una volta Berlusconi & Tremonti al servizio degli evasori fiscali e delle associazioni mafiose. Secondo stime dell’Agenzia delle Entrate, sono quasi 300 i miliardi custoditi all’estero da industriali, imprenditori ,professionisti  e soprattutto da malavitosi italiani. Ancora una volta , questa gente che ha accumulato gruzzoli di decine di milioni di euro nascosti all’estero ( Svizzera, Panama, Liechtenstein) , la faranno franca alla faccia di tutti gli altri onesti ed operosi italiani che regolarmente pagano le tasse. Con questa nuova amnistia voluta fortemente dal ministro Giulio Tremonti  (aveva già prodotto due condoni fiscali nel 2001 e 2003 ), lo Stato si accinge a far cassa per un gettito stimato tra i 3 e 5 miliardi. Il tutto con un provvedimento che :

 

  • permette di rendere legali i capitali esportati illegalmente
  • sana i reati di evasione fiscale
  • sana i reati di falso in bilancio
  • copre con l’anonimato chi ha frodato lo Stato  (un vero scandalo)
  • tasserà con il solo 5% i capitali rientranti , mentre le tasse pagate dai contribuenti italiani sui loro redditi superano anche il 50%
  • rende onesto (per ora) chi è stato disonesto guadagnando molto di più degli onesti
  • permetterà alla mafia nuovi riciclaggi di proventi neri d’attività criminale
  • rende vano il lavoro della Guardia di Finanza.

 

Che dire ... una vera pacchia per gli evasori. Se “Rossi” ha 1 milione di euro non dichiarato, ora potrà legalizzare questi soldi senza neanche riportarli in Italia ( se depositati in un paese UE)  o facendoli rientrare versandoli su un suo conto e pagando solo l’1% al fisco per ogni anno di possesso della somma. La sanatoria vale sino a 5 anni fa , quindi ci sarà ,per l’esempio, un’aliquota del 5% e Rossi verserà 50.000 € all’erario al posto dei 500.000€ che avrebbe dovuto versare dichiarandoli regolarmente. Certamente un bel guadagno. Perché allora uno che i soldi li ha dovrebbe dichiararli?

Bisogna essere proprio fessi; tanto Berlusconi viene eletto quasi sempre.

E che dire del lavoro della Guardia di Finanza ? Lo scudo bloccherà le indagini se non c’è stata udienza preliminare e sono molti quelli che ne trarranno vantaggio . Si pensi ad esempio agli evasori arrestati alla Malpensa il 18 marzo scorso. Il nuovo scudo fiscale farà risparmiare anche il carcere agli evasori che faranno rientrare il capitale , salvo  poi farlo tornar fuori illegalmente ritornando a nasconderne i reali profitti e così pagare meno tasse e meno dividendi agli azionisti (falso in bilancio). Con l’amnistia , il Fisco non saprà neanche i nomi degli evasori, al contrario di ciò che avviene in altri paesi (USA, Francia e Gran Bretagna ) dove invece lo scudo non è anonimo e per usarlo devi spiegare come hai evaso, e quindi , da noi dopo il rientro dei soldi, l’anno successivo il Fisco  non potrà controllare l’evasore e chi l’ha aiutato. Una vera merde!  


                                                                              Carmelo Anastasio  RIPRODUZIONE RISERVATA

Mostra altro

Nave dei veleni: il governo se ne frega e noi stiamo col naso all'insù

30 Settembre 2009 , Scritto da CARANAS Con tag #FUSCALDO

Le settimane scorrono e nessuna nuova da Roma e da Reggio Calabria. Aspettiamo, vediamo, speriamo sono le parole che ormai vengono pronunciate quotidianamente dai politici che ci rappresentano.E intanto l'inchiesta viene "tolta" molto italianamente  al coraggioso procuratore Giordano che andrà avanti  sulle indagini interessanti il territorio di Amantea (fino a quando?) ma non potrà più seguire quelle di Cetraro a causa della richiesta di protezione del pentito Fonti. E quindi ritorna la competenza all'Antimafia. E la nostra fiducia cala, d'altronde non potrebbe essere altrimenti rileggendo i ruoli che certi personaggi hanno avuto nelle storie delle stragi di via d'Amelio e Capaci.
Di seguito riporto una lettera scritta a Calabria Ora che per il suo contenuto non so se verrà pubblicata.La delusione per come viene affrontato l'affaire c'è e resta . Vedrete che tra un mese tutto cadrà nell'oblio.

Salve Sig. Cangemi,
stavo leggendo il suo articolo su CO  e sinceramente mi stavo annoiando ; sempre le stesse notizie che con qualche modifica vengono riportate quotidianamente.Il governatore  Loiero secondo me non ha la minima competenza sui pericoli che corriamo noi cittadini di Fuscaldo Guardia e Cetraro (ma anche di molti altri comuni limitrofi se non di tutta la Calabria), a causa della presenza della Cunsky. E sbaglia due volte perchè oltre all'incompetenza aggiunge nella sua quotidiana intervista, dati sbagliati . La nave infatti ,non è a 500 mt dalla costa .Poi ci si mette anche lei con le sue correzioni ... errate anche queste . ...   Un miglio marino, se i miei studi  non mi tradiscono, è pari a 1852 mt , ossia quasi due Km per cui, trovandosi la nave a 11,8 miglia dalla costa ciò significa che i Km sono ben 21, 853. Ma questo non vuol dire nulla davanti alla presenza in loco di radiazioni (come ci insegna la  storia di Chernobyl).  Siamo stufi di questa disinformazione e di tali chiacchiere. La settimana di cui parla il Sig. Greco ( assessore regionale all'ambiente) quanto è lunga? E se i parlamentari calabresi dormono in parlamento , i politici della regione cosa hanno fatto in precedenza visto che delle navi veleno si sapeva parecchio e da un pezzo? Scusi lo sfogo... però anche voi giornalisti professionisti non contribuite a fare l'informazione necessaria al momento . Intendo quella che più i calabresi si aspettano : a) l'acqua del mare , frena le radiazioni? - b) il pesce è contaminato? (ci vuole tando per fare due esami di laboratorio ?)- c) con quali tecniche si può riportare in superficie la Cunsky? - d) il robot sarà in grado di legare i palloni (eventuali) alla nave?- e) come potranno essere recuperati i bidoni dallo squarcio della stiva ?- f) C'è un disegnatore in CO capace di illustrare tutta la tecnica?- g) come sono stati fatti i carotaggi (?) che hanno permesso di accertare la presenza di materiale radioattivo a Serra d'Aiello?- h) Nell'insicurezza , visto che i pescatori prenderanno un sussidio dalla regione, gli amministratori locali , provincialie regionali (cui spetta la competenza), hanno emesso un'ordinanza per vietare il consumo del pescato nella zona?- I) Cosa si aspetta ad organizzare una manifestazione di massa che blocchi tutta Roma (come è stato fatto in altre occasioni per l'inquinamento dell'Adriatico) e perchè CO non la promuove?-
 
Le mie domande sono le stesse che si pone ogni cittadino che ama la sua terra anche se vive a 1200 Km di distanza . Penso che occorre muoversi ecco, non se la prenda , ma fatelo anche voi che potete meglio  attraverso la carta stampata.Grazie per l'attenzione
 
cordialmente  Carmelo Anastasio

risposta del sig. Cangemi ( ore 12.10 del30.09.2009) :
 

Caro sig. Carmelo,
non ho nessun motivo di prendermela per l'opinione di un lettore anzi è un contributo al lavoro che facciamo. Per quanto riguarda la mia correzione Le devo dire che mi sono attenuto a quanto dichiarato da tecnici della Regione e della Procura di Paola che hanno stabilito che la distanza fra costa e relitto è di 12 km però sicuramente terrò ben presente la sua analisi sull'esatta distanza e la farò presente. Per quanto riguarda le manifestazioni di protesta io concordo con Lei e mi viene da fare una riflessione ovvero quei pescatori dovrebbero ribellarsi nei confronti di chi quella nave ha fatto in modo che fosse lì ovvero il clan Muto, il cui capo è definito proprio il "re del pesce" in quel di Cetraro e purtroppo credo che questa cosa non avverrà mai. Ahi noi. Temo però che le sue domande non siano quelle di ogni calabrese perché lettere come la sua, accorate e sincere, se ne sono contate sulla punta delle dita. Noi non demordiamo, abbiamo fatto molto per smuovere le coscienze ma evidentemente non è ancora abbastanza, i suoi dubbi diventeranno anche i nostri. Per quanto riguarda il mio breve pezzo riportante le dichiarazioni di Loiero non ho potuto fare altro, visto che la circostanza si è verificata a margine di un convegno sui fondi Por, che registrare l'intervento del governatore in merito alla vicenda e "passarla" ai colleghi che si occupano della vicenda.
Attendo, se vorrà, altri punti di vista da parte sua.
La saluto

Francesco Cangemi

Mostra altro

RUBENS SANTORO pittore

29 Settembre 2009 , Scritto da CARANAS Con tag #FUSCALDO

                                         di Carmelo Anastasio

 

Premessa                                                            

 

Nell’accingermi a tracciare il profilo di Rubens Santoro, non posso non provare un’ emozione intensa e sincera ricordando che la sua famiglia , secondo le ricerche da me effettuate, visse per diverso tempo nella Via Piana Artistica a Fuscaldo (CS) , così chiamata grazie ai Maestri Santoro che qui abitarono e lavorarono nel loro Stabilimento Fotografico , proprio dove estivo nei mesi d’agosto. I Santoro furono artisti che segnarono il tempo vivendo momenti di gloria ma forse anche protagonisti dimenticati rispetto ad altri illustri calabresi come U.Boccioni e M.Preti.

La ricerca di notizie non è stata facile non avendo ricevuto riscontro ad alcune mie richieste per il reperimento di materiale per cui, il profilo tracciato non è quindi da considerarsi esaustivo soprattutto dal punto di vista biografico ( alcuni dati noti sono tra l’altro discordanti). Dal lato artistico, per quanto ho potuto, ho tentato un minimo discorso “critico” per alcune opere più famose o altre che  hanno destato il mio particolare interesse. Ma sono solo mie riflessioni.

 

Rubens Santoro  Grande Ufficiale della Corona d’Italia

 

A Napoli, intorno al 1860, nel Vico Corigliano alla Salute, la casa al civico numero otto, fu per lungo tempo un cenacolo di artisti nel quale si radunavano diversi Santoro di Fuscaldo, parenti di quel Filinto Santoro padrone di casa, dottore in lettere e professore di letteratura italiana nel Collegio Militare dell’Annunziatella successore del più celebre Francesco De Santis.

In quella casa, Rubens vi arrivò nel 1870 a 11 anni, carico di entusiasmo per i suoi progetti che incominciò a realizzare subito frequentando l’Istituto delle Belle Arti di Napoli e diventando parte attiva di quella che poi si chiamerà “scuola del Morelli”.

 

Di famiglia fuscaldese ( Fuscaldo centro sul tirreno Cosentino), nacque a Mongrassano il 26 ottobre 1859. In questo paese, il padre Carlo scultore in legno , si trasferì dalla via Piana di  Fuscaldo per mettersi sotto la protezione della stimata famiglia Sarri. Figlio d’arte quindi. Per la chiesa di Mongrassano, il padre aveva realizzato importanti opere scultoree in legno come le statue di San Francesco di Paola, di Santa Caterina d’Alessandria, della Madonna del Carmine e dell’Immacolata, bellissime opere quasi “vive” insieme a un crocifisso ligneo.

 

Le prime opere napoletane di Rubens, furono quadretti piccoli ma molto belli e significativi : la “Fanciulla che ride” e “Macchiette” che segnarono l’inizio del grande successo della sua produzione,  in quanto vennero esposte alla “Promotrice” e acquistate dal maestro Domenico Morelli il primo e da  Domenico Gaggiano il secondo.

La Promotrice fu una tappa importante per il pittore che dipingeva dal vero. La sua prima uscita pubblica, gli guadagnò l’incoraggiamento del pittore spagnolo Mariano Fortuny (1838-1874) che lo elogiò : « Tu hai cominciato dove altri finiscono» e gli suggerì di continuare a studiare dal vero e di guardare solo due o tre antichi pittori .

Alla scuola del Morelli, Rubens diventò amico dell’inseparabile artista Mancini col quale collaborava e spesso faceva da modello per lo studio dei ritratti.

Nel 1877 vi fu il “salto” solo dopo sette anni dal suo arrivo a Napoli .Infatti, non ancora diciottenne, espose con i maggiori artisti alla Mostra Nazionale presentando piccole tele ispirate a centri della costiera amalfitana. Queste opere risentono dell’influenza del paese natio e sono spoglie completamente della furbizia tipica del mondo artistico che lo circondava. In esse, caratteristica comune è il sentimento, quello tipico di un calabrese che attraverso le sue pennellate luminose e trasparenti, dialoga con la natura trasformando il suo lavoro in poesia pura.

Insofferente alla disciplina scolastica dell’Istituto delle Belle Arti, per scaricare  tutta l’energia  che lo spingeva  a conoscere e quindi a viaggiare per perfezionare la sua arte, Rubens si trasferì a  Venezia, poi a Verona e poi a Chioggia. A Venezia abitò in una casa sul Canal Grande , canale che ispirò molti dei suoi quadri. Qui  liberò la sua vena inesauribile producendo diverse tele con nuova tecnica pittorica votata a forti esiti luministici e ad assolate pitture di scene veneziane . Queste nuove opere sono caratterizzate dalla finezza con cui vengono disegnati i marmi, le colonne, i gradini nell’acqua e l’acqua stessa con i suoi riflessi. Il gioco delle ombre fa risaltare la solidità delle pietre dei frontoni delle chiese e il tutto è avvolto da un’esplosione di luce che trasmette tutto l’ottimismo del giovane artista. Dal 1874 , con queste e altre opere , s’impose alla critica anche con lavori che sono a parere dello scrivente, fotografie calde di verismo, di vita quotidiana come ad esempio : “Senza famiglia” , “ Grotta degli zingari”, “Un sorriso” , “La zingara e la vecchiezza” e quella che mi piace di più “ un sugnu chiù bona”che ha come soggetto una vecchietta che non riesce a infilare l’ago.

Le assolate vedute di Capri e Venezia entusiasmarono il mercante francese Goupil, che aprì a Rubens la strada del collezionismo francese ed inglese.  A Parigi e Londra soggiornò frequentemente e le sue opere veneziane furono molto apprezzate non solo in Inghilterra ma in tutta l’Europa. Del periodo veneziano sono noti i quadri :

·        La salute

·        Rio Menuo

·        Rio della salute

·        Fondamenta tre porte

·        Sottoportico

·        San Vior

·        Piccolo calle

·        Bottega al sole

·        Rio Barbaro

 

Dei suoi successi approfittò il cugino Raffaele Francesco Santoro , pittore minore che firmava le sue opere con R.Santoro utilizzando quindi la prima lettera del suo primo nome di battesimo , fatto che infastidiva molto Rubens in quanto creava confusione negli acquirenti. L’ira fu tanta che Rubens lo sfidò a duello ai Portici ; duello che non ebbe luogo per l’intervento pacificatore dello zio Filinto Santoro.

 

Altre opere :

  • La grotte des bohémiens (1876 Parigi Esposizione Universale)
  • Dopo la pioggia (1876 Genova )
  • Grotta degli zingari ( 1877 Napoli )
  • Casa del sole ( 1878 Milano Mostra di Brera)
  • Un sorriso  (1879 Torino )
  • Idillio  (1879 Torino )
  • San Zeno – Adigetto -  Via Scala - Stallo  ( 1884 Verona)
  • Interno – Pescarenico ( 1892 Palermo – medaglia d’oro – opere acquistate da Re Umberto I)
  • Nella baia di Napoli  (1893 Chicago)
  • Zingari  (1898 Pietroburgo )
  • Verona antica (1906 Milano)
  • Verona   ( 1911 Barcellona – medaglia d’argento )
  • 46 opere esposte alla Mostra Fiamma a Roma nel 1930 tra cui :Verso sera, Agerola, Coste veneziane, San Marco, Interno di San Gregorio, San Giovanni e Paolo.

 

 

Dal 1910 al 1924, Rubens partecipò a ben 6 biennali a Venezia. Ormai famoso , non dimenticò la sua Calabria  dove  dal 1922 al 1931 fu presente alle  biennali di Reggio esponendo numerosi quadri tra i quali : L’ultimo gradino- Beduina- Sans Famille- Ischia,-Le due bambole e il ritratto di Francesco Jerace.

Alcune opere di Rubens Santoro si possono ammirare nel Museo Civico di Torino, nei Musei di Napoli ( Bottega dell’antiquario) , nella Galleria d’Arte Moderna a Milano ,  a Reggio Calabria presso la Biblioteca Comunale ( "Senza famiglia" – olio su tela di 106x61 cm).

 

Ritratti

 

Importante è il suo “Autoritratto” (1876) in cui risalta la sua calda fisionomia tipicamente calabrese , riccioluta e con occhi di ardore.

Altri ritratti sono quelli del "Maestro Cilea "  e dello scultore  "Francesco Jerace".

Il ritratto più carico di fervore d’arte è : "Ritratto della signora Santoro " ( 1930) , che ritrae appunto la moglie dell’artista . Non esiste un’opera che ritrae la madre del pittore.

 

A Fuscaldo si conserva (non si sa se ancora presente nella cittadina) il ritratto dello zio letterato Filinto Santoro (1883  tavoletta olio 15x25);  a Mongrassano nella sala del Sindaco : "Paesaggio ideale" ( che ricorda luoghi fuscaldesi per la presenza del mare – secondo lo scrivente, la zona del “Bombinello” vista da nord).

 

Un’altra opera  (prima a Fuscaldo), “La lettera”, finì in Brasile.

 

Rubens Santoro morì a Napoli nel 1942.

 

Quotazioni oggi : da 30.000 € per le opere più piccole  a oltre 70.000 €.

                                                        …….. ° ……..

 

                                                                 © Carmelo Anastasio diritti riservati

 

Mostra altro

GABBIE SALARIALI E LEGGENDE METROPOLITANE

23 Settembre 2009 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

                                                                                                        di Carmelo Anastasio

 

In questo mese di settembre , sempre più martellante si è fatta la verde  campagna  della Lega sulle “gabbie salariali” e su altri vecchi temi quali il federalismo e l’inno nazionale. Il leader del Carroccio approfittando  del malcontento creato dalla crisi , ripete il concetto già espresso più volte nelle ultime settimane introducendo una nuova sfumatura nel tema. Parla ora di “salari territorializzati” sponsorizzando quella falsa leggenda metropolitana che vorrebbe la vita al sud meno costosa rispetto al nord (salvo poi affermare  : “ una garza costa cento volte di più al sud che al nord – Bossi - ). E  un servizio del telegiornale della prima rete gli da man forte confermando tale asserto diffondendo notizie non vere e rinsaldando quei luoghi comuni fin troppo adusi come quello che vorrebbe il sud come un gran contenitore di nullafacenti, fannulloni, e imbroglioni, la cui unica preoccupazione è quella di trovare compiacenti complicità che assicurino alla vecchia maniera democristiana ,  indennità di invalidità e di disoccupazione. Il discorso di Bossi fa presa anche su quei  meridionali  della diaspora  da anni ormai  radicati nel territorio al nord, solo perché qualcuno  di questi,  ha un parente che a lavorare a Milano non ci vuole venire. Non si può negare che esistono tipi del genere, con la presenza della mafia poi la voglia di lavorare giù al sud non è che ti passa, non ti viene proprio. E’ dunque vero, il fenomeno esiste. Certamente però le percentuali afferenti queste tipologie umane ,non sono troppo discostanti tra una regione e l’altra. E’ difficile uscire da quella mentalità assistenzialista acquisita nel dna con l’atavico potere democristiano. Il gap vero tra nord e sud è da ricercarsi nella realizzazione delle opere pubbliche, soprattutto nelle infrastrutture , che al nord ci sono e si continua (per fortuna) a costruire e a potenziare nel giro di tempi  ragionevoli, al sud invece sono merce più unica che rara e spesso se si realizza qualcosa è per secondi fini (si pensi agli ospedali costruiti e mai messi in funzione). Incuria e trascuratezza caratterizza queste opere una volta costruite . Chi doveva provvedere non ha provveduto perché? Perché protetto nelle alte sfere della politica.

Bene, se questa è la realtà, allora si potrebbe accettare la rozza sfida del leghismo  : proporzionare la busta-paga al costo della vita nelle singole realtà prendendo a base  le macroregioni . All’Istat il compito delle necessarie rilevazioni? Fin qui troppo semplice. E dunque l’altra parte della medaglia per un’Italia più seria e più giusta:  proporzionare le tasse da pagare ai servizi ed alle infrastrutture che lo Stato e la Pubblica Amministrazione avranno erogato ed erogano e mettono a disposizione dei cittadini. Chiunque, ad esempio, sarà felice di pagare un pedaggio per transitare sulla Salerno-Reggio Calabria se questa sarà strutturata in sicurezza come le altre autostrade del nord.

Ed io pago ! Che pago ? Laddove si facessero  al momento dei calcoli veramente esatti riferiti ad es. a realtà come la Calabria, i cittadini avrebbero diritto a cospicui rimborsi soprattutto se si pensa alla malasanità calabrese degli ultimi tempi. Un rimborso simile potrebbe aiutare le famiglie ad uscire dalla crisi in atto. Bisogna muoversi allora non inneggiando al libero mercato ma percorrendo la strada  che garantisce tutte le categorie del mondo produttivo  e non solo chi il capitale ce l’ha e se ne frega  dei rischi reali di povertà cui sono assoggettati i lavoratori. I sindacati questo lo devono capire e quindi non dare via ad alcuna contrattazione in merito come auspica Bossi.

Nel governo poi c’è chi sostiene che le proposte di Bossi siano frutto del sole di agosto ( La Russa) . Ma che maggioranza è? Qui ognuno si sente autorizzato a spararla più grossa e ad offendere attraverso i giornali i colleghi di partito e di governo. Il Senatur infatti ha replicato a La Russa : “ E’ brutto quando non si fanno le ferie nei posti giusti”. Per la cronaca , La Russa era a Napoli.

Altra leggenda metropolitana “Il dialetto” . Bossi lo ha rilanciato sperando che lo studio a scuola sia reso obbligatorio , “ me lo ha spiegato mia moglie che insegna e di queste cose se ne intende”. Meglio tacere. Per l’inno nazionale credo che l’Italia veramente unita solo durante le partite della nazionale di calcio, si dividerebbe in due davanti a una scelta. Per la secessione sarebbe veramente interessante un referendum. Perché non provare?

Mostra altro

NON SOLO ‘NDRANGHETA PER I RIFIUTI TOSSICI IN MARE

18 Settembre 2009 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

      

                                                                                           di Carmelo Anastasio



L’inabissamento, da parte delle organizzazioni mafiose delle “navi a perdere” e dei rifiuti nocivi in esse stivati, era ormai noto sin dal 1992. La notizia del ritrovamento , al largo ma non tanto della costa di Cetraro,   di un relitto carico di bidoni schiacciati dalla pressione a 480 metri di profondità, fa riflettere e sulla lucrosa attività criminale del traffico di rifiuti tossici che la ‘ndrangheta esercita ormai da lungo tempo con protezioni (sembra) di apparati statali, sia sulle conseguenze per le popolazioni e le attività di quella terra  dimenticata da Dio, ma non  dagli uomini politici  a cui frutta enormi ricchezze. Chi scrive può sperare solo che nel caso in cui i fusti dovessero veramente contenere rifiuti tossici, non vi sia stata contaminazione e non vi sia pericolo per l’uomo e per la fauna marina  tenuto conto  che non esiste un trattamento che consenta di invertire gli effetti delle radiazioni.

Silenzi e collusioni eccellenti sembrano accompagnare questi “affari”. Ma anche morti. E in questo momento penso a Ilaria Alpi uccisa in Somalia nel 1994 (cosa aveva scoperto?) col suo cameramen e a Natale De Grazia funzionario della Repubblica a Reggio Calabria , morto mentre indagava sulla Yolly Rosso.

Le dichiarazioni del pentito Francesco FONTI , ex boss della ‘ndrangheta appaiono sconcertanti e di una gravità eccezionale soprattutto se si pensa che già nel 2005 un dossier (pubblicato da L’Espresso) depositato alla Direzione Nazionale Antimafia, informava l’Organo dello Stato sui fatti dell’affondamento al largo di Cetraro della Cunski e di quello della Yvonne A nel mare di Maratea. Una terza nave, la Voriais Sporadais con 75 bidoni di sostanze tossiche, si sa oggi dal Fonti che è stata affondata al largo di Melito Porto Salvo.

Parla il pentito Fonti e racconta i fatti con dovizie di particolari. E molti politici di destra e di sinistra , incominciano a preoccuparsi.  Ora il Fonti viene chiamato anche dal consigliere della Direzione nazionale antimafia Vincenzo Macrì. I nuovi particolari non ancora resi noti, ma che potranno essere letti sull’Espresso di domani sabato 19, faccio fatica a riportarli e sinceramente creano, data la loro pericolosità anche una certa preoccupazione, visto che puntano a colpire molto in alto nel quadro delle istituzioni e in quello della malavita internazionale. Riportarli non è facile, non per me che in quanto a “fare cronaca” sono solo un principiante. Pensate ai nomi dei personaggi implicati nell’affaire : Guido Giannettini, Riccardo Misasi, Ciriaco De Mita, Vladimir Putin – al tempo agente del KGB-, un fantomatico “Pino” agente del SISMI, Gianni De Michelis e  Craxi (“La spazzatura deve essere buttata in Somalia”) . Sempreché le “gocce” del pentito Fonti, che vengono fuori attraverso i giornali,  siano veramente attendibili visto che oggi (venerdì) non c’è stato tempo sufficiente per una verifica ( i particolari si sapranno domani su L’Espresso).

Storia veramente incredibile e allucinante . E da domani sarà soprattutto imbarazzante per diversi politici, visto che il pentito Fonti, che riceveva il 20% del totale per ogni operazione (si partiva da 4 miliardi di vecchie lire sino a un massimo di 30), per salvarsi la vita si segnò il tipo di macchine “fornite direttamente dal SISMI “ e col tipo anche le matricole di tali autovetture diplomatiche usate per non subire controlli alle frontiere.

A quanto pare, il ritrovamento della Cunski  non è la fine della storia ma l’inizio di una scia di conseguenze imprevedibili tra segreti inconfessabili della nostra nazione.

Mostra altro

Secessione, perchè non ci contiamo?

15 Settembre 2009 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

 
Bossi rilancia l'indipendenza della "Padania". E un lettore di Milano propone provocatoriamente un referendum in quelle regioni. Per far vedere a tutta Italia che a volersi staccare dal resto del Paese è solo una minoranza rumorosa. Anche nel nord Italia .

"Cari amici de L'espresso, sono un piccolo imprenditore di 38 anni e abito a Milano, dove sono nato e ho sempre vissuto. Amo la mia città, le sue tradizioni, il suo dialetto e anche le sue nebbie (sempre più rare, purtroppo). Mi piace questo autunno già fresco, così come mi piace d'estate prendere la bicicletta e andare in campagna, cercare osterie, dividere vino e salame con amici improvvisati del posto, bagnarmi i piedi nelle rogge e poi pedalare sotto il cielo di Lombardia, "così bello quando è bello": tra i campi di "melgun" (granturco) quando la giornata è limpida vedo lontano le Grigne, il Resegone, perfino il Monte Rosa. Perché vi dico tutto questo? Per dire che sono un milanese "vero" - come direbbero i leghisti. E come tutti milanesi veri, quando nella mia azienda viene a cercare lavoro un immigrato - dal Sud Italia o dall'estero - non gli chiedo mai "da dove vieni?", bensì "che cosa sai fare?". Bene. Per lavoro, da diversi anni, mi reco spesso a Roma e a Napoli, Dove tutti sono convinti che "su al nord" siamo tutti leghisti. Ma perché ce l'avete tanto con noi, mi chiedono. E io a spiegare che i leghisti sono alcuni, non tutti. Anzi, sono una minoranza. E che mio padre ha creato l'azienda di famiglia anche grazie al lavoro di tanti meridionali, che oggi peraltro sono milanesi come me. Gente che ha lavorato sodo tutta la vita, altro che fannulloni. Tutto questo per dire che ogni volta che sento parlare di secessione, come ha 
fatto Bossi l'altro giorno, mi viene il voltastomaco. E vorrei tanto che davvero su questa secessione si votasse. Un bel referendum consultivo, qui al nord. Tutti i cittadini della Lombardia, del Veneto, del Piemonte e delle altre regioni di questa fantomatica "Padania" vadano alle urne a scegliere: lo volete davvero questo ridicolo staterello? Se lo volete, votate Sì. Per Bossi sarebbe la disfatta. A stento raggiungerebbe il 30-35 per cento. Da quel giorno dovrebbe tacere per sempre. E io potrei andare nel Sud Italia senza che nessuno mi chieda perché "su al nord" siamo tutti leghisti".
 
Mostra altro

PER FUSCALDO, OLTRE FUSCALDO

11 Settembre 2009 , Scritto da CARANAS Con tag #FUSCALDO

 

 

Un grande laboratorio di innovazione è quello che occorre.

 

Fuscaldo è il paese più bello della costa del medio tirreno cosentino. Senza presunzione. Potrebbe chiamarsi Ethos, sarebbe la stessa cosa. Con le sue straordinarie attrattive , punte d’eccellenza  paesaggistiche , continua ad ammaliare chiunque vi ponga piede per la prima volta  arricchendolo di pathos . Un    territorio che non ha dimenticato generosità, solidarietà , cooperazione e le sue radici ataviche. In altra occasione, provocatoriamente invitavo a non estivarvi, perché a Fuscaldo i problemi ci sono e non bisogna nascondere la spazzatura sotto il tappeto. Occorre risolverli , ed io  volevo e voglio contribuire ,  con l’aiuto di chi ancora non lo so. Eppure occorre crescere, necessitando un’azione programmata, incisiva e vincente  schiva di difese sterili del territorio di chi ci abita perché Fuscaldo è di tutti e tutti dobbiamo operare per Fuscaldo , oltre Fuscaldo. Si può  ripartire  dall’ambiente combattendo quegli insospettabili suoi  nemici , perché non ci sono solo i grandi inquinatori, ne esistono anche di piccoli, quasi inconsapevoli della loro mancanza di rispetto per la natura e l’ambiente tra nuovi e vecchi vizi. Pascal nei suoi Pensieri ,  di fronte alla bellezza e alla stravaganza del creato dichiarava : “ La natura ha delle perfezioni per mostrare che è l’immagine di Dio, ma ha anche dei difetti per mostrare che ne è solo l’immagine “. E dunque,  rispettarla ed amarla nel suo mistero, ma anche conoscerla, coltivarla e custodirla. Tutti dobbiamo cooperare per sconfiggere l’ecomafia , partendo dal piccolo,  operando e denunciando per azzerare quel 30 % di reati contro l’ambiente che è concentrato in Calabria. Siamo quasi all’emergenza rifiuti in questa terra, di piani criminali per accaparrarsi risorse pubbliche legate al ciclo del cemento e dei rifiuti , sono piene le pagine delle inchieste delle Direzioni distrettuali antimafia.  Se poi sono vere le ipotesi di inquinamento radioattivo in mare ( non troppo lontano da Fuscaldo) e su alcune colline vicine ai nostri fuscaldesi monti, tutti dovranno preoccuparsi dell’azione di quei fini predatori… Predatori per i quali esiste solo il presente. Nuovi Barbari che ricordano gli alieni di Indipendence Day. Della natura sembra non interessarsene nessuno, o meglio : molti denunciano lo scarso rispetto per l’ambiente  ma poi , nei fatti , i comportamenti non cambiano o cambiano poco. Vedi ad esempio gli incendi dolosi (?) di agosto in montagna . E’ cosi bella la terra di Fuscaldo e perché  non ripartire proprio da questa? Quanti nel paese sono disposti a lavorare un pezzo di terreno per produrre oltre il fabbisogno personale sì che creando una cooperativa centro di raccolta e lavorazione del prodotto si possa poi generare reddito per se e per gli altri esportando oltre il paese. Pensiamo ad esempio ai fichi e alla loro lavorazione  (nocchette, crocette, paddruni, crapiceddre ecc.) .Ci vogliono soldi certo, ma forse è più facile comprare all’asta la vecchia struttura del mercato e trasformarla nell’ennesimo palazzo opprimente ma capace di produrre più immediato reddito che non costruirvi un piccolo stabilimento per la lavorazione dei prodotti locali. Se non sbaglio l’edificio è stato messo all’asta per 300.000 €.  Tra gli imprenditori locali chi sarebbe disposto a realizzare il progetto de quo , magari con la partecipazione del comune e della provincia? Pensiamo anche ai  posti di lavoro che si creerebbero. Cosa ne pensa l’Amministrazione comunale? Si dirà : “ ma questo dove vive? Ha dimenticato che in tutta la Calabria comandano pochi individui?” Sarò un ottimista ma l’idea mi sembra buona e così anche per l’acquisto di tutte le altre strutture messe all’asta dal comune (ex scuola di Serriceddra ecc.). Non ci sono solo i fichi a Fuscaldo. Pensiamo alle fragole, agli insaccati, ai cinghiali,  alle diverse forme di pane che una volta arrivavano anche nel grande ipermercato di Vimodrone (MI) dove vivo, al limoncello, all’anice, al milazzo (vin cotto) , alle olive e all’olio, alla seta ( fino agli anni 50 Fuscaldo ne produceva parecchia), ai pomodori , alla lavorazione della pietra locale (tufo , ma credo sia arenaria), ai canestri, alle sculture in legno, alle sedie impagliate, ai recipienti in rame, ai presepi , alla produzione di legname (una volta ricca con buona esportazione) ecc.ecc.  Che fine ha fatto l’Accademia dei mestieri con i fondi guadagnati in TV? E ancora : “questo sogna o è desto?”. Bisognerebbe inoltre riportare le scuole industriali locali all’antica crescita. Non dimentichiamo che all’ITIS ed all’IPSIA vi erano negli anni ‘60 iscritti provenienti da Santa Eufemia e da Sapri. Quanti di noi hanno potuto insegnare grazie a quel diploma? Ora a Fuscaldo Paese non c'è più neanche la scuola media ( nata nel 1962, morta con l'Amministrazione Gravina pur facendo parte Fuscaldo di una Comunità Montana, sic!).E poi occorre rivalorizzare tutte le chiese del territorio magari giungendo anche a soluzioni drastiche (ora provoco! La butto li) buttando giù ad esempio quelle due/tre case che non permettono la vista della facciata frontale della Chiesa Matrice e quella laterale della Chiesa di Scarcelli  (mo’ s’incazzano e incominciano a bestemmiare )…

In quale cassetto è rimasto il progetto del " porticciolo turistico"?

In quale altro cassetto è rimasto il progetto della "metropolitana leggera"?  Le due proposte mi sembravano buone ( beh ,  se legate  ad altri progetti per Fuscaldo). Peccato , un’occasione persa (spero rimandata) per l’Amministrazione. Non si legga in queste note un “appunto” a chi ci amministra, tutti cerchiamo di metterci buona volontà ( alcuni penseranno :  troppo buono!) ma a volte gli ostacoli sono veramente tanti e quindi uno stimolo può essere utile affinché si possa uscire da un’ottica  che ci divide semplicemente,  a danno dell’intera comunità. Divide cosa ? Divide chi critica da chi lavora in buona o cattiva (?) fede , divide da chi fa chiacchiera improduttiva, divide da chi pensa che quando si fa una cosa , la si fa perché si è in cerca di visibilità.

Una volta ( anni settanta e precedenti) per un pezzo di terra da lavorare si faceva a gara. Ebbene, a Fuscaldo la terra non la si vuole nemmeno “ a gratis”. Qualcuno penserà : “ perché non vai a zappare tu?”. Messa così certo, nessuno avrà voglia, se uno si deve rompere la schiena per una lattuga! Ma non è quello l’obiettivo. Pensiamo alle cooperative di cui sopra, alle piccole e medie aziende, alle società , a tutto quello che da una semplice idea imprenditoriale può generare reddito per tutto il territorio. E pensare che qui dove vivo, occorre entrare in una graduatoria per la concessione di un orto (a pagamento). Perché non si progetta e realizza un centro di primo soccorso e analisi nel capoluogo ? Non è utile? Perché in zona “ l’acquiceddra “ o più su “’mbaro di Valenza” non si costruisce un ospedale geriatrico o anche un semplice sanatorio? Perché al “laghicello” l’area non viene sfruttata (in accordo col Comune di San Benedetto) per il turismo , con uno/ due alberghetti (con materiali locali) e magari piste innevate, o anche giochi d’acqua o pesca sportiva? E la vecchia funivia “mare-monti” prevista già nel progetto del Sangrilà? Come si può notare,  non ci sono solo “critiche” ( se pur ridotte all’osso) ma anche proposte. E ne avrei tante altre da fare. Uniti (tutti) si vince e se si vince,  nessuno partirà più dal paese per il nord in cerca di lavoro. Ad occhio e croce, occorrerebbero diversi milioni di euro per realizzare una parte se pur piccola di quanto sopra. E chi te li da? Certo, se ragioniamo così, se ognuno tira acqua per il suo orticello, non si arriverà da nessuna parte. In Calabria poi non dimentichiamoci  del mare sporco, ma per quello occorre un’azione sinergica e forte di tutti i sindaci calabresi.

Fino a che punto una linea divide inesorabilmente un «di qua» e un «di là» ? Quanto potente è quel filo che marca la distinzione tra «noi» e «loro» intendendo con «noi» la parte buona che c’è in ciascuno e con « loro» gli indifferenti o semplicemente gli «altri» e con essi i “predoni” ? E’ possibile avviare,  o se vogliamo,  anche accelerare e consolidare il processo di rinascita della nostra cittadina? E’ possibile andare oltre e proiettarci in un futuro radioso per tutta la comunità? 

 

foto di G.Giglio




                     
                         

Mostra altro
<< < 400 401 402 403 404 > >>