Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
Blog  di Caranas

Post recenti

Quando uscite il sabato sera vi divertite?

25 Aprile 2015 , Scritto da CARANAS

Quando uscite il sabato sera vi divertite?

Il sabato sera ? Una boiata pazzesca !

di Caranas

No, credo che la maggior parte si annoi sempre, e non capisco cosa ci sia di divertente ad andare in discoteca o andare a bersi qualcosa in un pub. Comunque, se vi annoiate uscite lo stesso . Qualcosa succederà.

Un tempo mi divertivo sempre,soprattutto al sabato sera, non vedevo l’ora di terminare le cose da fare per poi uscire .Il bello teoricamente dovrebbe esser stare con gli amici indipendentemente dal posto, ma vedo che non sempre è così.

Difficile ormai trovare qualche situazione che accenda il mio interesse. Per esperienza personale, le serate più divertenti sono state (e continuano ad essere) quelle improvvisate, decise all'ultimo minuto.

Si cerca comunque di gioire delle piccole cose che capitano. La compagnia degli amici, vagare a vuoto sproloquiando, una serata fatta di birra al pub e musica decente. Con il passare degli anni le aspettative sul sabato sera sono calate parecchio ( tranne in agosto) anche perché ogni cosa perde il fascino della novità, paradossalmente però si impara a godersi di più certi momenti, come la lettura di un ottimo libro (cartaceo possibilmente così ci si possono scrivere appunti, emozioni, note… )

Mostra altro

25 aprile a Milano

25 Aprile 2015 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

25 aprile a Milano

..

Mostra altro

Difesa, nel Libro Bianco non c’è il taglio degli F35. “Pinotti ha mentito, si dimetta”

25 Aprile 2015 , Scritto da CARANAS Con tag #CRONACA

Difesa, nel Libro Bianco non c’è il taglio degli F35. “Pinotti ha mentito, si dimetta”

Come anticipato da IlFattoQuotidiano.it, la versione definitiva del documento - presentata il 21 aprile al Presidente Sergio Mattarella e che verrà resa pubblica dal ministero la prossima settimana - non fa cenno al piano di dimezzamento del discusso programma militare. Questo nonostante le promesse del ministro della Difesa, della quale ora Sel e M5S chiedono le dimissioni: "Ennesima dimostrazione di mancato rispetto degli impegni presi con il Parlamento"

Mostra altro

TERREMOTO A FAENZA

24 Aprile 2015 , Scritto da CARANAS Con tag #CRONACA

TERREMOTO A FAENZA

Terremoto, scossa di magnitudo 4.0 a Faenza

Al momento non ci sono notizie di danni. La scossa è stata avvertita dalla popolazione scesa in strada per lo spavento

Una scossa di terremoto di magnitudo 4,0 della scala Richter è stata registrata alle 17.02 tra Forlì e Faenza, in Romagna, ad una profondità di20,9 km. La scossa è stata avvertita in tutta la Romagna. Sono in corso accertamenti per verificare se ci sono stati danni. Il terremoto è stato avvertito dalla popolazione che in questo momento, dalle prime notizie, si trova in strada.

Mostra altro

ELSA FORNERO CONTRO FLESSIBILITA' DELLE PENSIONI- MATTEO SALVINI SI SCATENA CONTRO L'EX MINISTRO DEL LAVORO

24 Aprile 2015 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

ELSA FORNERO CONTRO FLESSIBILITA' DELLE PENSIONI- MATTEO SALVINI SI SCATENA CONTRO L'EX MINISTRO DEL LAVORO

Alla Libera Università di Bolzano l'ex ministro del Lavoro, Elsa Fornero, ha tenuto un discorso sul tema “Lavoro e pensioni nel ciclo della vita”, scatenando l'ira di Matteo Salvini e non solo del leader della Lega Nord ma anche di infuriati cittadini nell'apprendere che la 'signora' in questione si è detta contraria ai pensionamenti flessibili in quanto avrebbero un costo elevato. La Fornero perde sempre molte occasioni d'oro per restare in silenzio e celarsi nell'ombra per non scatenare polemiche durissime nei suoi confronti, probabilmente piace a questa signora vedersi al centro dell'attenzione dopo i suoi interventi tipo quello su citato dove riconferma e ribadisce che la legge sulla previdenza sociale la rifarebbe spiegandola meglio ai cittadini.

«I progetti di riforma sono condivisibili purché si trovino le necessarie coperture» ; lo rammenta Elsa Fornero mentre nel suo intervento si permette di commentare le proposte di riforma sulla sua iniqua legge 2011 che oggi sono al centro di discussione in Commissione Lavoro alla Camera. « Chi mi addossa la responsabilità di aver prodotto il dramma degli esodati e della povertà degli ultra 55enni ha dimenticato che nel 2011 abbiamo dovuto approvare una manovra straordinaria per rimettere in ordine i conti pubblici. In condizioni normali avremmo agito con strumenti diversi, più graduali, per tenere in considerazione le esigenze dei lavoratori e delle lavoratrici. Ma all'epoca questo non è stato possibile ». "La manovra del 2011 oggi tutti la rinnegano ma sono lieti che sia stata approvata”.

E ancora :« Si può discutere di correttivi a patto che si trovino le risorse per farli , ma non mi sembra che ci siano grandi margini perché l'Italia non è uscita dalla crisi». "Il Parlamento - ricorda poi l'ex ministro - è però già intervenuto più volte in favore dei lavoratori precoci congelando sostanzialmente la penalizzazione sino al 2017; è stata ripristinata, almeno parzialmente, l'indicizzazione degli assegni superiori a 3 volte il trattamento minimo; è stato introdotto il cumulo contributivo, un intervento che aiuta i lavoratori che hanno carriere discontinue in più gestioni della previdenza pubblica a conseguire la prestazione pensionistica di vecchiaia”.

Elsa Fornero offre una sua alternativa alla flessibilità “sempre che si trovino le risorse", è cioè riducendo l'importo del vitalizio pensionistico barattando un anticipo sull'età pensionabile: “accetti un assegno calcolato tutto con il sistema contributivo ma puoi andare in pensione prima sulla base di quanto hai versato senza, cioè, sottrarre risorse agli altri". L'Europa ci chiede inoltre "di uniformare il requisito contributivo per la pensione anticipata sia per gli uomini che per le donne che noi abbiamo fissato a 41 anni e 6 mesi per le lavoratrici e a 42 anni e 6 mesi per i lavoratori”.

'Bisognerebbe inoltre continuare a monitorare la situazione di chi, avendo avuto una carriera lavorativa discontinua, con disoccupazione e assenze per assistere figli, anziani o disabili, ora può essere eccessivamente penalizzato dal sistema, e fare nel caso qualche eccezione in loro favore, anziché in favore dei più ricchi come era sempre avvenuto prima. E poi bisogna ricordarsi dei giovani: chi è nel contributivo dal 1° gennaio 1996 avrà una pensione di poco superiore all'assegno sociale nonostante abbia versato 20-30 anni di contributi. Questa distorsione, che non la abbiamo creata noi nel 2011 ma la Riforma Dini del 1995, va affrontata'.

Decisamente questa signora che si permette ancora una volta intervenire sui provvedimenti sulla sua riforma previdenziale 2011, dovrebbe vivere con la pensione minima dei pensionati attuali invece di blaterare parole inutili e insulse con alternative che possono essere soddisfacenti per le casse governative ma che come al solito penalizzano i cittadini, molto facile parlare con la pancia degli altri senza avere mai provato sulla propria pelle il disagio di non arrivare a fine mese saltando anche i pasti come attualmente succede in Italia, molto facile dare soluzioni quando queste soluzioni non toccano la propria tasca e la propria sopravvivenza, di conseguenza Matteo Salvini che dalle pagine di Facebook ha scritto: «Ancora parla questa: un BARCONE, poi esilio su un'isola deserta! » probabilmente sarebbe la soluzione ideale per l'ex ministro del Lavoro, in arte Elsa Fornero!

Fonte: Pensioni Oggi- Verosivilmente vero

Mostra altro

Dopo la riunione di ieri, Renzi lasciato solo dall’Europa. Prevalgono gli interessi nazionali. L’ Europa Unita è cinica ed insensibile; che senso ha che esista ancora?

24 Aprile 2015 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

Ennesimo fallimento di Renzi che si accontenta di una elemosina

 

 

di Caranas

 

Come volevasi dimostrare il vertice europeo di ieri è stato un fallimento. Renzi ha ricevuto solo un accontentino ottenendo la triplicazione dei fondi per la missione Triton. Una elemosina basta che non ci rompi i cabasissi ed i migranti te li tieni a casa tua, cioè in Italia. Il problema è che anche a sinistra moltissimi italiani, quando vedono sorpassarsi in graduatoria da migranti per ottenere una casa in affitto, quando vengono derubati, quando devono subire forti presenze di questa gente nel proprio condominio con gente che va e viene e non paga le spese condominiali gravando di fatto sugli altri condomini, incominciano a stancarsi e vanno a simpatizzare per Salvini.

Perché i profughi se li deve tenere solo l’Italia su 25 Paesi dell’Unione ?

Camerun non li vuole a causa delle elezioni imminenti in casa,; in realtà non vuole fare un regalo al suo avversario di destra Nigel Farage. Ma anche la Merkel ha fatto capire che profughi non ne vuole. La cancelleria, del resto, in patria se la passa assai male. Nein è stata la risposta .

Un fallimento. Renzi non ha la capacità di incazzarsi (tranne che con i suoi compagni Dem), non è capace di sbattere i pugni sul tavolo, non è mica Krusciov , figuratevi se si toglie una scarpa , doveva arrabbiarsi. Si è invece fatto trattare come un ragazzino inesperto ed ancora una volta hanno vinto i grandi dell’UE , tanto la Mogherini non conta un cabit. Non è questa la soluzione. I trafficanti umani vanno colpiti dai servizi di intelligence europei ed americani, non basta distruggere i barconi. Servono accordi con la Libia ed altri Paesi africani per poter prelevare questi bisognosi in loco con navi sicure usando gli opportuni controlli per evitare infiltrazioni di terroristi e distribuendo i migranti in tutti i Paesi europei. Altrimenti il Mediterraneo si trasformerà in un cimitero. Ma tanto Renzi con l’Italicum è arrivato al capolinea e questo discorso dovremo riaprirlo col prossimo premier.

 

 

Mostra altro

Per noi ex sessantottini, il ciclo di odio reciproco non finisce mai. Un ciclo in cui ognuno ha sempre una buona ragione per scaricarsi la coscienza.

21 Aprile 2015 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

Per noi ex sessantottini, il ciclo di odio reciproco non finisce mai. Un ciclo in cui ognuno ha sempre una buona ragione per scaricarsi la coscienza.
Per noi ex sessantottini, il ciclo di odio reciproco non finisce mai. Un ciclo in cui ognuno ha sempre una buona ragione per scaricarsi la coscienza.

di Caranas

Ogni tanto mi vien da pensare a quegli anni terribili del ’70. Allora vivevo alla Casa dello studente di Milano, poi anche da lì mi buttarono fuori anche senza aver fatto nulla contro la legge. Volevo studiare, ma i compagni di Lotta che a tutti gli effetti comandavano nella Casa, disturbavano continuamente battendo i bastoni delle bandiere contro la porta della camera costringendoti ad andare in assemblea. Ogni giorno una, e quando poi si decideva di resistere e menar le mani, ognuno cercava di svignarsela. Odio quei ricordi. Anche perché chi ci comandava occupava già posti di potere, diversi erano professori del Politecnico che però non si esponevano mai direttamente, usavano per questo i loro colonnelli di quel gruppo politico che ancora sopravvive ed ancora non si sa da chi è finanziato. Peggio dei fascisti. Le nostre bandiere rosse non erano come quelle degli altri gruppi, bastoni lunghi e stoffa rossa stretta e lunga, roba bolscevica insomma, e rigorosamente ci comandavano di arrivare in giacca e cravatta, alla festa del Primo Maggio in porta Venezia; non solo dovevi guardarti dai fascisti, ma anche dai compagni. Non ci andavi? Ti ammazzavano di botte! Mi chiedo oggi come abbiano fatto a rimanere di sinistra le mie idee. Sui muri interni della Casa d.s. in viale Romagna c’era scritto : “ Karamba Katanga al servizio del grande capitale”, alle riunioni serali però nessuno ci spiegava cosa in realtà significasse. A me che una volta indossai una maglietta con l’icona del “Che”, mi sembrò di trovarmi in un mondo dove non potevi fidarti più di nessuno su quelle scale d'uscita da C.d.S.. Né di destra , né di sinistra. La scampai bella! Un paio di spintoni , qualche cazzotto seguito da urla tipo : “ Non devi mettere quella maglietta, il Che era un avventuriero”. Sarà!

A distanza di tanti anni, riflettendo ora su quel periodo che avevo volontariamente cancellato ( ai funerali di Varalli chiesi come mai fossimo solo in quattro in rappresentanza di LC- non Lotta Continua beninteso- nessuno degli altri tre seppe darmi risposta). Non è bello neanche il ricordo di pezzi del cervello di Zibecchi lì sul marciapiede, dopo il bordello, visti su foto dei giornali.

Da allora quel ciclo di odio reciproco tra le varie fazioni politiche, non si è assopito neanche un poco, un odio che non finisce mai ed in cui ognuno ha sempre una buona ragione per scaricarsi la coscienza. Come ne usciamo ? Come allora, essendo cattolico, ho provato a seguire il comando di non reagire fisicamente ( a non porgere l’altra guancia), ma lo vedo solo come un esempio di buonismo fine a se stesso, non credo che trattasi di una resistenza non violenta. Per me , non ho difficoltà ad ammetterlo, ma sicuramente lo è anche per altri della mia generazione, è forse solo paura anche quando è lecito ed ovvio colpire.Tu mi dai uno schiaffo, io te lo rendo. Ma non è stato e non è così. Ora mi vengono in mente dei versi di un poeta gallese , non so se questa mia è la traduzione esatta, in inglese sono una schiappa : « E tutte le tue azioni e le tue parole, ogni verità, ogni bugia, muoiono nell’amore che non giudica». Penso anche che tra chi di noi sessantottini, i cui figli sono ora tutti calvi [sarà perché noi portavamo i capelli lunghi ?], forse sono pochissimi ad avere il coraggio di ricevere e divulgare questo messaggio che va ben oltre :mai più vittime e carnefici e nessun giudice implacabile.

Mostra altro

Caro Renzi, io sto con la minoranza dem

21 Aprile 2015 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

 Caro Renzi, io sto con la minoranza dem

Sostituiti d'imperio

E te pareva che il democristiano Renzi non facesse risuscitare il vizietto comunista di sempre ! Mi viene in mente la vecchia politica del P.C.I. adottata con la radiazione dal partito di quelli del Manifesto, le purghe del Komintern e tanto altro che ha costellato la storia del partito in quasi 70 anni. Era meglio il tempo della scuola di partito di Frattocchie. Ora bisogna obbedire al Lider Maximo neo burocrate bolscevico dalla concezione monocratica ed esclusiva della politica, e se non ci stai sei fuori, sei un trotskista , un compagno che sbaglia !

Dài Renzi che ce la fai a distruggere il partito riformista, dài che sei pronto per l’autogoal. Non dimenticare però che i “compagni che sbagliano” hanno sempre ragione e la storia ce lo insegna.

Mostra altro

Lueneburg processo a Oskar Groening ex SS di Auschwitz

21 Aprile 2015 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

  Lueneburg processo a Oskar Groening ex SS di Auschwitz

Come nel libro di Clara Sánchez [Il profumo delle foglie di limone ] a distanza di tantissimi anni si riesce ancora a individuare personaggi oscuri dell’olocausto e portarli davanti alla giustizia. Oggi si è aperto un nuovo processo che vede imputato un novantatreenne ex membro delle SS, Oskar Groening responsabile di aver collaborato all’eliminazione di almeno 300 mila persone nel lager di Auschwitz nel lontano 1942.

L’imputato Groening , ormai su sedia a rotelle , accanto ai suoi avvocati ha ammesso di aver saputo sin dall’inizio del suo arrivo ad Auschwitz che cosa succedeva agli ebrei che venivano rinchiusi nelle camere a gas. Ora evidentemente, vista la sua età, Oskar Groening, non avendo nulla da temere ha confessato davanti al giudice : "Per me non vi è dubbio che io mi sia reso corresponsabile moralmente". Una confessione inattesa nell'aula giudiziaria di Lueneburg, dove oggi l'ex "contabile" del campo nazista risponde dell'accusa di aver collaborato allo sterminio di 300 mila persone. Mi chiedo come sia stato possibile per questo nazista farla franca fino ad oggi. Possibile che sia sfuggito per tanto tempo ai cacciatori di nazisti sfruttando ancora la fascinazione del Male?

Mostra altro

ULTIMI SONDAGGI intenzioni di voto alle politiche

20 Aprile 2015 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

clicca per ingrandire
clicca per ingrandire

..

Mostra altro