Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
Blog  di Caranas

politica

Montezemolo scende in campo (con 3 vignette Caranas)

18 Novembre 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

Montezemolo.jpg

Montezemolo-vignetta-2.jpg

 

Alcuni interessanti commenti tratti da l'Unità  (gli errori li lascio, non mi sembra il caso di modificare il testo)

download.jpg

 

Montezemolo-vignetta.jpg

Fini, Casini e Montezemolo ! Tutti e tre, che in varia misura, hanno incensato per vent'anni il cavaliere e lo hanno anche materialmente sostenuto nel tagliare le gambe all'Italia. si propongono per approntare le protesi. Singolare il fatto che tutti e tre possano vantare un vissuto che li legittima oltremisura a rappresentare tutti i cattolici d'Italia! Se non dovesse risultare un compito molto facile, rappresenteranno certamente quella chiesa che è riuscita anche a contestualizzare le bestemmie del loro dante causa e riferimento ideologico e morale per tanto tempo.-

La vergogna di Montezemolo sarebbe più convincente se accompagnata anche da un minimo di AUTOCRITICA, perché se è vero che in questi 20 anni abbiamo dovuto vergognarci TANTE volte, è anche vero che per TROPPE volte a Berlusconi non è mai mancato il sostegno di quelli come Montezemolo.
Ora non si capisce se vuole rimediare agli errori del passato, o se giudicando Berlusconi troppo impresentabile stiano cercando qualcuno con cui ripetere gli stessi errori, magari più furbescamente

Piuttosto che dare la colpa a questo o a quell'altro e predicando da un pulpito dove il benessere regna Sovrano a scapito dei poveri ITALIANI che devono fare i salti mortali per poter comprare il latte dei bambini , perchè non cominciamo a ridurre gli stipendi dei sgri politici 0 dei vari dirigenti di enti publici ad un quarto di quelli attuali ? E' sempicemente vergognoso ed umiliante per tutti gli ITALIANI siano di DX o di SX continuare a leggere nei giornali chi fà le vacanze in posti molto costosi chi ha la barca chi ha due o tre segratari/e 
e chi continua a ostentare un certo benessere umiliando il povero operaio o il miserabile pensionato sarebbe ora di finirla una volta e per tutte con quste buffonate andatevene tutti a zappare la terra cosi imparerete a ha capire come si guadagna un pezzo di pane se ne' siete capaci cosa della quale dubito moltissimo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!oh

ok abbiamo capito che e' sceso in campo un altro cretino !!!!!!!!! la ferrari vince quando lui e' lontano chissa' perche' ??????? ora accusa si peoccupa dei voti del PDL che andrero nel bacino di Grillo che CHE VUOLE DISTRUGGERE TUTTO LADDOVE CI SI SOLO MACERIE !!!!! Ma chi le ha fatte le MACERIE SE NON MONTI E LE LOBBY A CUI APPARTIENE che ora lui vuole appoggiare ?????? POVERINJO senza idee ,,,, senza programmi con tanta voglia di protagonismo !!!!!!!!!!!!!

Ma pensa alla Ferrari che non va neanche se la spingi altro che politica fallito

ma allora piu che la ricostruzione dell'italia distrutta da tipi come lui non vuole che vinca la sinistra (parole sue) eccone un'altro che parla di democrazia ma nei fatti paga solo il 5% di tasse su 8 mln di euro mentre gli altri strapagano. quaqqqqquaraqqqqua'''''

Da ieri sono arrivati i "Montiricchioni" che di solito sono di estrema destra e democristiani ...infatti Fini e Casini sono già in prima fila. A sinistra c'è ancora Monti ma i "ricchioni" sono veri! (Fp)

I poteri forti sono scesi in campo con la benedizione del Vaticano. Un motivo in più per sostenere Bersani, e uno per temere questo orizzonte di destrorsi da tra cui Renzi, Casini, Bonanni e cattolicume vario.

Mostra altro

Monti contestato alla Bocconi

17 Novembre 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

bocconi_monti5-110x110-copia-1.jpg

MILANO – Tafferugli davanti l’Università Bocconi a Milano, durante l’incontro con il presidente del consiglio Mario Monti. Dopo circa un’ora di contestazioni verbali un centinaio di manifestanti ha iniziato un lancio di petardi e uova con vernice contro le forze dell’ordine, che hanno reagito alla pressione con una carica di alleggerimento.

bocconi_monti.jpg

La tensione è salita quando i manifestanti si sono avvicinati al cordone di polizia davanti l’ingresso dell’università. Per tre volte i manifestanti e le forze dell’ordine sono venuti a contatto e ci sono state anche delle manganellate. Le forze dell’ordine hanno detto che i manifestanti hanno tentato di entrare nell’università.

bocconi_monti2-110x110.jpg

Due agenti del reparto mobile della Questura di Milano sono rimasti contusi in seguito ai tafferugli tra forze dell’ordine e un gruppo di manifestanti davanti alla Bocconi durante l’incontro a cui ha partecipato il premier Mario Monti. Come è stato riferito i due poliziotti sono stati medicati sul posto.

bocconi_monti3-110x110.jpg

I manifestanti invece si sono allontanati dall’ateneo e da poco hanno imboccato in contromano viale Filippetti per dirigersi, si ipotizza, verso Porta Romana.

bocconi_monti4-110x110.jpg

Mostra altro

Elsa Fornero ammette il Golpe Finanziario. Ora si apra un fascicolo d’inchiesta.

17 Novembre 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

La voce di Paolo Barnard

io_a_cattolica.jpg

 

 

Voi milioni di italiani pestati a mazzate dalla riforma delle pensioni di Elsa Fornero, voi esodati, voi che avete subito, che sempre subite, voi senza voce, e voi giovani che non avete lavoro perché gli anziani sono oggi incatenati a lavorare dalle decisioni di questa lugubre sicaria dell’Economicidio italiano, voi…

Perché vi hanno fatto tutto questo? Cosa vi hanno detto? Vi hanno detto che era nell’interesse del Paese, che risparmiare attraverso i vostri sacrifici era la via dura, ma virtuosa, per ridare speranza all’Italia, che per voi ultra sessantenni significa i vostri figli, vero? Vi hanno detto questo, e voi, che a 17 anni vi riboccaste le maniche per tirarla su quest’Italia che viaggiava in 600 e aveva una sola tv in bianco e nero per condomino, anche questa volta lo farete, stringerete i denti, perché “è per i nostri figli”. Anziani, vi dicono che meno pensione è necessario per lo Stato, per tutti i cittadini, che è necessario…

Anziani, meno pensione è necessario per lo Stato, per tutti i cittadini, è necessario. Anziani, meno pensione è necessario per lo Stato, per tutti i cittadini, è necessario...

Pomeriggio del 15 novembre 2012, WorldPensionSummit ad Amsterdam, la conferenza che riunisce i colossi mondiali delle pensioni private, gente con interessi finanziari per 1.925 miliardi di dollari, millenovecentoventicinque miliardi. Cioè: solo in quella sala erano presenti una decina di gruppi privati con interessi quasi pari all'intero Prodotto Interno Lordo italiano. Sono quelli che aspettano a bocca spalancata come lo squalo bianco sotto la barca, che la barca affondi, l’Inps. Sulla barca ci siete voi, vogliono i vostri soldi, la vostra pensione, i contributi di chi lavora. E voi, torturati dalla Fornero e da quelli che a lei seguiranno, glieli darete, farete le pensioni integrative costretti a mazzate, e loro ci speculeranno sopra cifre inimmaginabili. Poi, quando uno o cento di questi gruppi esploderanno come accaduto negli USA nel 2007, milioni di voi perderanno la pensione per sempre. Ma chissenefrega, voi siete la gente, quelli che non contano.

Ok, è il pomeriggio del 15 novembre, al WorldPensionSummit prende la parola Elsa Fornero e dice che:

“I cambiamenti portati dalla riforma delle pensioni del governo Monti erano necessari per compiacere i mercati finanziari, altrimenti i mercati avrebbero devastato l’Italia.”

Fermi, fate un lungo respiro, per favore. La capite la gravità di questa cosa detta e firmato da un Ministro della Repubblica?

Un Ministro di un Paese, che risponde allo Stato, alla Costituzione, e al popolo sovrano, il cui dovere costituzionalmente sancito è l’interesse pubblico nello Stato, ha fatto una riforma delle pensioni per compiacere le banche, le assicurazioni, i fondi monetari, gli hedge funds, cioè i gruppi privati di speculatori dediti al profitto che, altrimenti, ci avrebbero distrutti, distrutto l’intero Paese.

Un Ministro di un Paese, che risponde allo Stato, alla Costituzione, e al popolo sovrano, il cui dovere costituzionalmente sancito è l’interesse pubblico nello Stato, NON HA FATTO un riforma delle pensioni per motivi legati all’interesse del popolo sovrano. Non è vero che la riforma Fornero è la cura economica giusta per l’Italia. Poteva essere l’abolizione nazionale del diritto di allattare i figli, non importa un accidenti, ma se la ordinavano i mercati il Ministro della Salute era costretto a sancirla.

 

Viviamo in un golpe finanziario. Lo Stato non esiste più, Monti e la Fornero lavorano per i mercati violando la Costituzione. Il presidente Napolitano è in coma. In centinaia di procure italiane sono state depositate denunce di cittadini esattamente su questo. Esiste un giudice degno in questo Paese? Apra un fascicolo d’inchiesta, altrimenti Silvio Berlusconi aveva ragione. Magistrati siete servi di chi?

 

 

 

Mostra altro

Scusi, per chi voto ?

17 Novembre 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

Primarie-vignetta.jpg

" Ottenuta nella notte l'approvazione della commissione Bilancio, il ddl presenta tra gli emendamenti più rilevanti quello che rende effettivo il finanziamento dei 223 milioni per le scuole non statali escludendolo dal conteggio "ai fini del conseguimento degli obiettivi previsti dal patto di stabilità interno" dei Comuni. Spiega l'onorevole Simonetta Rubinato del Pd, presentatrice della proposta: "I relatori hanno accolto il mio suggerimento di far escludere questa somma dal patto di stabilità, trovando copertura nel fondo per la compensazione degli effetti finanziari, rendendola così effettivamente erogabile. E il governo è stato battuto. Una battaglia vinta a favore delle famiglie e in particolare della rete delle scuole paritarie che fa risparmiare allo Stato ogni anno, solo in Veneto, 500 milioni di euro".

(Repubblica on line giovedì 15 settembre)

Avete capito chi sostiene le scuole paritarie ? Li mortacci ! Anche i compagni  bolscevichi tradiscono !

Mostra altro

Lacrimogeni dal Ministero della Giustizia

16 Novembre 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

con vignetta Caranas

Fornero-e-i-lacrimogeni.jpg

 

Il ministro: "I lacrimogeni a strappo non sono in dotazione al reparto di polizia penitenziaria di via Arenula. Ma non escludo nessuna ipotesi". Il questore: "Erano nostri". Il sindacato: "Si usavano una volta nelle carceri". La procura di Roma indaga sugli scontri. Intanto il Partito democratico annuncia un'interrogazione al ministro dell'Interno Cancellieri

 

Mostra altro

Il paese è così ricco che non si accorge di essere abitato da poveri

16 Novembre 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

 

                              di Caranas

Via subito da questo governo. Bersani si assuma la responsabilità di farlo cadere. Basta con Monti, Casini e Alfano. La sinistra può governare da sola ed allora , ELEZIONI adesso !

baraccopoli-interna-nuova.jpg

Giorgio Napolitano non vuole assolutamente  parlare di elezioni anticipate  e sottolinea che il suo ruolo  non si limita al «taglio dei nastri». Bersani stringe il buco e non si ribella. Noi non dimentichiamo la firma facile di Giorgio ai tempi di Berlusconi. Il popolo non ne può più, anche se fino adesso si è mostrato responsabile; quindi diventa inutile il  chiaro avvertimento del presidente alle forze politiche.

E’ ormai chiaro che la  messa in sicurezza dei conti pubblici e la riforma del Porcellum peseranno ancora una volta  su quella parte di popolo italiano più debole. Questo governo non è stato scelto dal popolo ed allora basta chiedere l’elemosina ai poteri forti e all’Europa della Merkel .

 «Non possiamo giocare con il rischio fallimento», aveva detto in mattinata il capo dello Stato, dimenticando che ad un anno dalla designazione di Monti a capo del governo non è cambiato assolutamente nulla, lo spread è rimasto più o meno agli stessi livelli (non è mai sceso sotto la soglia del 250), il Pil è diminuito fortemente, non si vede alcuna ombra di crescita e le spese le hanno pagate e le stanno pagando i soliti fessi mentre Briatore fa il samaritano regalando (in diretta su Servizio Pubblico) 6000 € ad una povera bisognosa. E gli altri affetti di SLA ?

Il presidente non deve essere preoccupato a causa di un'eventuale impennata dello spread (tanto ci sarà comunque)  e se si vogliono risparmiare soldi , allora che si facciano subito le elezioni regionali delle aree interessate e se costituzionalmente possibile anche quelle politiche. Inutile dare ancora gas a Monti che si prepara per il Monti bis foraggiato dalle tattiche politiche di Casini.  Il comportamento di Monti sull’IMU della Chiesa è sintomatico di una situazione non più sostenibile. Ed anche Bersani dovrebbe riflettere sulla pazienza di chi paga veramente le tasse ed il peso della crisi. Io non mi sono ancora registrato per le primarie e non so ancora se lo farò. Attenderò. Intanto il bavaglio non me lo faccio mettere da nessuno.  TUTTI A CASA ! Non c’è affidabilità della controparte. Ricambio politico al 100 % .

Merda-sino-al-collo.jpeg

 

 Servizio-pubblico-ieri.jpg

 

Mostra altro

Renzi uno dei tanti

14 Novembre 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

Bersani-e-le-macerie.jpg

Cosi' Pier Ferdinando Casini, in un colloquio con 'La Repubblica', commenta il confronto tv all'americana tra i candidati alle primarie del Pd.

Il piu' bravo? "Tabacci", risponde il leader Udc: "un uomo di governo. Renzi, invece... Poteva dare il colpo del ko ma non c'è riuscito, così alla fine è sembrato uno dei tanti. Per lui è un vero guaio. Aveva impostato tutta la campagna sul dualismo con Bersani e invece è sembrato solo uno dei quattro sfidanti. D'Alema, ritirandosi, ha fatto un gesto incredibile, gliene va dato atto. E Renzi, puntualmente, s'è sgonfiato". Quanto a Bersani, "è sembrato un leader pacato", conclude Casini.


Mostra altro

Renzi chiude a Casini (ammesso che superi la soglia imposta dalla nuova legge elettorale)

13 Novembre 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

Chi crede ai Maya , può credere anche alle profezie di D'Alema

 

Renzi no a Casini

Non emerge un chiaro vincitore dal primo confronto tv fra i candidati del centrosinistra. Renzi sorpassa a sinistra Bersani sull'alleanza con Casini, Vendola piace su lavoro e occupazione, Tabacci e Puppato provano a ritagliarsi uno spazio. Ma il più “presidenziale”, quasi fosse già stato a Palazzo Chigi, pare Bersani.

Mostra altro

Sfuma ancora una volta la possibilità di far nascere uno stato Palestinese

13 Novembre 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

Ora che è più forte, il presidente Barack Obama  riprende il filo per ricostruire la pace tra  Israele e Palestinesi con un occhio di  sostegno all’opposizione in Siria.

Palestina

                                                              di Caranas

Con una telefonata  a Mahmud Abbas, presidente dell’Autorità nazionale palestinese,  Obama ha chiesto di intensificare i negoziati diretti con Israele rinunciando  (cosa alquanto difficile da accettare) ad «atti unilaterali all’Onu», a cominciare dall’ipotesi di una risoluzione dell’Assemblea Generale per ottenere lo status di Stato non-membro  ( pregiudica  la soluzione dello status finale della Palestina; in realtà è un imbonimento della politica israeliana).

In questa fase bisogna scongiurare  “il crollo della Giordania a causa della guerra in Siria e l’implosione dell’Anp per l’offensiva di Hamas contro Israele a Gaza” .  

Un percorso pieno di ostacoli che richiede una strategia a tappe e che ha già fatto registrare  la reazione negativa dell’Anp :  «non possiamo rinunciare alla strada dell’Onu - ha detto il portavoce Nabil Abu Rdaineh - fino a quando Israele continuerà la politica degli insediamenti». Che in politichese potrebbe essere tradotta in : < Se Israele bloccasse gli insediamenti , Abbas potrebbe assumere una posizione più morbida> . Ma non succederà nulla . Obama ci ha già provato nel 2009 a bloccare  gli insediamenti con il risultato di acuire le tensioni con Israele.

Mostra altro

Riscaldamento scuole : ma che bella trovata !

12 Novembre 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

Riscaldamento scuole

Le Province minacciano di lasciare le scuole senza riscaldamento se il governo portera' avanti la politica dei tagli. "Se il governo non vuole ascoltarci faremo comprendere ai cittadini come i tagli li priveranno dei loro diritti e cominceremo chiudendo le scuole prima del tempo questo inverno perche' non abbiamo i soldi per pagare il riscaldamento delle aule" ha detto Antonio Saitta, nuovo presidente dell'unione province d'Italia: "i tagli ai bilanci sono tagli ai servizi senza risposte chiuderemo le scuole"

Mostra altro