Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
Blog  di Caranas

Post con #politica tag

La Finanza preleva conti e documenti in 7 banche e spuntano 11 case intestate alla moglie di Bossi.

12 Aprile 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

images--3-.jpg

 

Per la Lega, l’incubo non è finito nella serata dell’orgoglio, anzi inizia adesso che sono spuntate ben 11 case intestate alla moglie di Bossi ed altre a membri del Cerchio Magico.

La Dia di Reggio Calabria sta lavorando alle intercettazioni che sono durate mesi di ascolto delle telefonate dell’ex tesoriere leghista Belsito mentre i  finanzieri hanno chiesto anche di accedere a tutta la documentazione relativa a conti aperti e gestiti da quest’ultimo: bonifici, estratti conto, matrici di assegni.

 Nelle telefonate si fa anche riferimento al "futuro politico" della Lega, che sarebbe finita nelle "mani" di Maroni, il quale stava spingendo su Formigoni che "gli aprirà tutta la Lombardia".

Scenari che non lasciano alcun dubbio - sottolineano gli inquirenti - circa l'esistenza di un sistema contaminato di malaffare a cui si alimentavano poteri istituzionali, politici e dell'economia".

A svelare al telefono il segreto delle 11 case è stata Lubiana Restaini  (dipendente della Lega nel gruppo parlamentare) che  spiega a Stefano Bonet che Belsito era nervoso "per il fatto che il tesoriere era finito sui giornali per la vicenda dei fondi, ma anche, soprattutto per quello che riguardava tutta una serie di acquisti di immobili da parte di Bossi (11 intestati alla moglie) ed altri da parte di altri membri che costituivano la corrente del Cerchio Magico”.  “E se ciò fosse vero - commenta - il partito ne verrebbe fuori distrutto e tutti sarebbero andati sotto la corrente di Maroni"  . Inoltre sia Bossi che Tremonti sapevano dei soldi in Tanzania, l'ex ministro dell'Economia suggeriva: "Fate bene a diversificare perché tra due mesi l'euro salta".

 

Mostra altro

Solidarietà del PdL alla Lega

12 Aprile 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

Solidarieta-PdL-Lega.jpg

''Ciò che è stato immaginato ( sic !) è' inapplicabile alla persona. Bossi si è sempre dedicato alla causa del partito quindi il Pdl esprime vicinanza a lui e alla Lega''.

Lo afferma il segretario del Pdl Angelino Alfano conversando con i cronisti alla Camera, a proposito delle indagini a carico della Lega Nord.

Mostra altro

BOSSI E LA CASA EREDITATA A MILANO: DONATA DA UNA MILITANTE E MAI DICHIARATA

11 Aprile 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

 

 20120411_bossi-moglie1.jpg

MILANO - Caterina Trufelli era una vera appassionata della Lega Nord, tanto che la signora, classe 1931, ha fatto testamento a favore di "Umberto Bossi, quale segretario del partito". In eredità, la militante deceduta il 10 maggio 2010, ha lasciato 250 metri quadri di appartamento in uno stabile milanese di inizio secolo dal valore catastale di 958,03 euro.

L'immobile, però, non è mai finito nelle disponibilità della Lega. È stato venduto il 1 febbraio 2011 per 480mila euro ad Angela Torazzi, ma il fatto non è mai stato dichiarato alla Camera dei Deputati, così come prevedono i regolamenti parlamentari. Si pone, a questo punto, non solo una questione morale, in quanto la volontà della signora Trufelli non è stata rispettata e al partito è stato fatto torto, ma anche legale e amministrativa. Il senatur, infatti, dovrebbe pagare una sanzione che va da due a sei volte il valore della casa venduta.

Intanto, un’ altra casa è nel mirino dei magistrati. Si tratta di una cascina a Brenta, vicino Gemonio, intestata alla moglie di Bossi, Manuela Marrone, e poi regalata a Roberto Libertà, uno "di famiglia". Dell'immobile, comprato il 24 giugno 2011, non si conosce il valore, né risulta alcun mutuo a riguardo. I magistrati dovranno capire se la cascina non sia stata acquistata con i soldi provenienti dalla vendita dell'appartamento ereditato.

 
Mostra altro

AL VOTO, AL VOTO !!!

11 Aprile 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

AL-VOTO---AL-VOTO-copia-2.jpg

Mostra altro

Trota story - Epilogo (vignette)

10 Aprile 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

Dimissioni-Trota.jpg

Trota-epilogo.jpeg

Mostra altro

A sua insaputa

7 Aprile 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

                                                  ROMA LADRONA. CHE FIGURA DI MERDA !

 

Roma-ladrona.jpg

Il leader della Lega Nord Umberto Bossi ha dichiarato di voler denunciare chi ha utilizzato i soldi della Lega per ristrutturargli la casa a sua insaputa.

Il leader afferma di non sapere nulla di tutto questo e che è in cerca del colpevole.

Certo ci vuole una bella faccia tosta a sostenere questa tesi. Ma come ? Ti fanno i lavori in casa e tu non ne sai nulla ? Ma dove cavolo vivi?  E va bene, abbiamo capito ! Tutta colpa dei soliti extracomunitari che , vista la crisi , non avendo niente da fare tutto il giorno,ristrutturano le case per ammazzare il tempo. 

Scajola, Rutelli e Bossi, ora sono pronti per fonfare un nuovo partito. A loro insaputa !

Mostra altro

A Istanbul è arrivata la notizia delle dimissioni,ditegli di provare con questo adesso!! Buona notte.

5 Aprile 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

di B. Fiorello

Apv2hsWCQAAu1Qj.jpg.

 

=========================================================

VERBALE INTEGRALE INTERCETTAZIONI : link

Mostra altro

Ti ricordi quando eravamo convinti di essere nella m...?

5 Aprile 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

Il Paese è in mano alle banche, alle prossime elezioni si voterà col bancomat

 b.jpg

dalla rete 

Qualche consiglio amichevole a Monti andrebbe dato. La mattina eviti la lettura dei giornali esteri, dal “Financial Times” al “Wall Street Journal”, che non sono teneri con il governo. Nel corso della giornata, poi, non perda tempo col web, ne va della sua serenità. È diventato un bersaglio, un po’ come lo era Berlusconi prima delle dimissioni. Ce l’hanno tutti con lui, a destra e a manca, inventano vignette e barzellette, impazzano battute e sfottò. Su Facebook gira parecchio l’immagine (in movimento) di Barney Rubbie, famoso personaggio cartoon degli “Antenati”, che corre con una clava alla ricerca di chi gli ha aumentato le tasse. In una vignetta due amici si parlano. Il primo dice: «Ti ricordi quando eravamo convinti di essere nella m...?». E l’altro: «Bei tempi!». Un’altra battuta che gira parecchio sulle bacheche: «Il Paese è in mano alle banche, alle prossime elezioni si voterà col bancomat». Poi c’è una foto che ritrae Monti nei panni di un primario ospedaliero. Dice: «Io ho salvato l’Italia». E l’infermiera: «Certo, però ora prenda le sue medicine». Molti postano l’immagine delle colonnine con i prezzi della benzina. In fin dei conti, però, è meglio il web. Nel vortice di ironie, c’è solo il rischio di essere sommersi da una risata. Cosa diversa, invece, è dare ascolto a Di Pietro. Che usa l’aula per insultare pesantemente Monti, arrivando a cavalcare anche le tragedie. Come faceva con Berlusconi.

Mostra altro

Napolitano e Monti denunciati per attentato contro l’integrità e l’indipendenza dello Stato (e altri 7 reati)

5 Aprile 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

La notizia è di quelle che fanno saltare sulla sedia. Un avvocato di Cagliari, Paola Musu, ha sporto formale denuncia nei confronti di Presidente della Repubblica, Presidente del Consiglio, tutti i ministri e tutti i membri del parlamento. 

I reati ravvisabili, come si legge nel documento protocollato e presentato presso la Procura della Repubblica del Tribunale di Cagliari, sono: 

- attentato contro l'integrità, l'indipendenza e l'unità dello Stato;

- associazioni sovversive; 

- attentato contro la Costituzione dello Stato;

- usurpazione di potere politico;

- attentato contro gli organi costituzionali;

- attentato contro i diritti politici del cittadino;

- cospirazione politica mediante accordo;

- cospirazione politica mediante associazione;

La denuncia è scattata a seguito delle vicende degli ultimi mesi, conseguenza della crisi economica e del diktat della Bce che hanno "suggerito" al Presidente della Repubblica la formazione di un nuovo governo, cosidetto "tecnico", a guida di Mario Monti. Un governo non legittimato dal voto popolare. Di ciò si è molto discusso, ma nessuno finora si era spinto così in là da sporgere una denuncia formale impugnando la Costituzione e il Codice Penale.

La prima violazione, secondo l'avvocato Paola Musu, sarebbe all'articolo 1 della Costituzione: "L’Italia è una Repubblica democratica, fondata sul lavoro. La sovranità appartiene al popolo, che la esercita nelle forme e nei limiti della Costituzione".

La denuncia continua: "Contenuto essenziale della sovranità di un popolo è dato dalla propria sovranità in materia di politica monetaria, economica e fiscale: è con essa, ed attraverso i suoi strumenti, che un popolo determina le sue sorti. Svuotare un popolo e la sua sovranità di quello specifico contenuto significa, e comporta, privarlo della sovranità stessa, in quanto lo si priva dalla facoltà e dal potere di determinare il proprio destino ed il proprio stesso "essere", compromettendone la sua stessa esistenza".

La sovranità monetaria oggi non appartiene più al popolo italiano, ma effettivamente alla Banca Centrale Europea che ha dettato, negli ultimi mesi, le politiche economiche del Governo Monti. 

Sotto, il testo integrale della denuncia di Paola Musu, che finora ha trovato il sostegno del giornalista Paolo Barnardtra i principali divulgatori della Modern Money Teory e impegnato contro quello che non esita a definire un Golpe Finanziario.

.

(fonte : www.agoravox.it )

Mostra altro

La figuraccia della laurea di Renzo Bossi e la cassa Lega for family di Gemonio

5 Aprile 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

1---TROTA-copia-1.jpg    

           Si sa, la storia torna sempre. Prima in forma di tragedia e poi in forma di farsa. E quindi, dopo la festa di laurea organizzata dal giovane Umberto per coglionare i genitori e omaggiare un titolo di studio mai conseguito, ieri il Bossi ha dovuto arrendersi alla realtà spinto dai colonnelli della Lega. La storia la racconta Rodolfo Sala per Repubblica:

Bossi assicura che il Trota sta studiando Economia e che la laurea è vicina: «Mi ha fatto vedere il libretto». Ma i suoi insistono, e quando un leghista di rango gli fa notare che non è così, all’Umberto sembra franare il terreno sotto i piedi. E la stessa scena si ripete sulla storia della Bmw di Renzo: «Mi ha detto che la sta pagando in leasing». Vero niente, è la replica, «al di là delle responsabilità personali tutte da accertare, le accuse dei pm sono fondate».

 

E qui il Senatùr sbrocca:

È a questo punto che Bossi si attacca al telefono, i tratti del volto quasi sfigurati dalla rabbia. Chiama Renzo, poi decide di mollare la riunione e di fiondarsi a Gemonio: dalla Manuela e dai figli, pesantemente lambiti dalle inchieste di tre Procure. Ma prima ci sono gli addebiti a Rosi Mauro, esponente di spicco della “Lega di famiglia”. Le chiedono di spiegare la storia della casa in Sardegna adibita a sede del Sinpa, il sindacato della Lega che la signora dirige. «Questa cosa non esiste », sbotta Stefano Stefani. E la Mauro: «Esiste, ma è solo casa mia».

Ma ovviamente non finisce qui. In un altro articolo a firma di Emilio Randacio su Repubblica si racconta di circa 200mila euro prelevati dalle casse della Lega e girati ai figli di Umberto Bossi. Altri 200-300mila finiti al Sinpa, il sindacato padano fondato e guidato da Rosi Mauro. Perché?

Dal 2004, ovvero dalla malattia di Bossi — avrebbe detto la dipendente del Carroccio a verbale — le redini del partito sono passate nelle mani della moglie, Manuela Marrone, e dell’attuale vicepresidente del Senato, Rosi Mauro ». Compresa la regìa sulla gestione amministrativa dei fondi elettorali.

 

(F. Giornalettismo)

Mostra altro