Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
Blog  di Caranas

Post con #politica tag

Mezzacartuccia

31 Gennaio 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

00Mezzacartuccia.jpg.

Nel giorno dell' anniversario della discesa in campo di Berlusconi, il vecchio alleato Bossi gli combina un tiro mancino, a riprova che il sodalizio vacilla perché uno appoggia il governo Monti e l'altro è all' opposizione. Bossi  gli dice, due giorni dopo l' incontro a Milano che sembrava aver appianato i contrasti, che lui, Berlusconi, «è una mezza cartuccia». E insiste: «C' è tutto il Paese che vuole strozzare Monti, e Berlusconi ha paura di mandarlo via.

 

Mostra altro

Processo Mills - Ammissibile la ricusazione. Vuoi vedere che anche stavolta la farà franca ?

31 Gennaio 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

000 ghedini

E’ ammissibile la ricusazione presentata da Silvio Berlusconi nei confronti dei giudici della decima sezione penale del Tribunale di Milano, davanti ai quali si celebra il processo Mills. Lo hanno stabilito i giudici della Corte d’Appello del capoluogo lombardo. Una decisione nel merito verrà presa dagli stessi giudici che si riuniranno in Camera di Consiglio non prima della metà di febbraio.

 

Mostra altro

Monti Merkel terremoto (vignetta)

28 Gennaio 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

00000-Terremoto-vignetta-copia-1.jpg

Mostra altro
Mostra altro

Aumenta il prezzo delle sigarette (vignetta)

27 Gennaio 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

000--fumo.jpg

Mostra altro

Il ballo del Martone

27 Gennaio 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

0-.jpg.

 

Non essere geloso se non  secchio come te

Non essere invidioso se di  tempo non ne hai

Sei tu  , sei tu

lacrimatoio della Fornero,

sei cotto, un cotto d’un  Martone

 

Mostra altro

In Italia neanche i gatti fanno il loro dovere

27 Gennaio 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

0--Gatti-e-topi.jpg

Mostra altro

Dal racconto di un sopravvissuto compagno di prigionia di mio padre

27 Gennaio 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

 

Luciano Battiston DEP n.7 / 2007   

dachau2.jpg

 

 

Luciano Battiston DEP n.7 / 2007   

 

Un giorno sempre a Stetten in stazione dovevamo portare una rotaia, dall’altra  parte c’era un recinto con dei prigionieri militari italiani, catturati l’ 8 settembre,  quando c’è stato l’armistizio. Avevano delle loro baracche, si facevano da  mangiare, erano trattati meglio di noi. C’era solo una siepe che ci divideva, quando abbiamo potuto parlare assieme, uno di  quelli italiani lì che si era portato il mangiare di mezzogiorno, ci ha passato a me e a Vigi un panino dei suoi.(nota Caranas : mio padre mi raccontò più volte questo episodio).Quando  l’avevo io in mano il panino ho detto a Vigi: “varda qua che ho un fià de pan”, un  altro prigioniero vicino a me mi ha preso il panino e lo ha messo in bocca… io e  Vigi lo abbiamo preso per la testa, gli abbiamo tirato fuori il pane dalla bocca,  abbiamo fatto una lotta contro uno, insomma lui lo abbiamo lasciato a terra con la  bocca aperta perché con la nostra forza lo abbiamo… e abbiamo preso il pane, non  so se lo abbiamo… ci interessava solo il pane, eravamo all’estremo dell’appetito,  solo parlare di pane avevamo quasi mangiato, solo parlandone ci si riempiva la  pancia. 

I russi sono i più generosi! Altro che gli ebrei. I russi! Pensa che un giorno  intanto che stavamo riempiendo una buca assieme a quattro-cinque russi, uno di  questi trova una scatola con dodici formaggini. Sai cos’ha fatto? Li ha divisi! Due a  testa! Poteva mangiarseli lui o tra russi. Ne ha dati due anche a me e due a Vigi  facendo segno con la bocca di non farci vedere che masticavamo. Un altro giorno a  Stetten allora ci dicono: prendete delle pale, eravamo una cinquantina di noi e ci  hanno portato in una ferrovia a spalare la neve dalle rotaie perché doveva entrare il  treno. Io i Vigi siamo davanti che buttiamo via la neve e una guardia che ci  accompagnava, ci parlava in italiano; alle undici si è messo con la gavetta e il gas a  spirito e si è acceso il gas. Ha messo la gavetta con acqua e si è lessato le patate,  arrivato mezzogiorno ha tirato fuori le patate e le ha spellate, si è messo a mangiare  patate: aveva l’acqua delle patate e le bucce, non so il perché ho detto a Vigi: “Vigi  va a domandarghe l’acqua e le scorze delle patate” e lui: “Varda che el me da”,  era vestito da borghese, era un trentino, uno di quelli dell’Alto Adige, parlava sia il tedesco che l’italiano. Allora Vigi ha lasciato la pala ed è andato a domandare  l’acqua; ma invece di dargli l’acqua ha preso il moschetto per la cima e gli ha dato  due botte. Vigi ha messo la code in mezzo alle gambe, è tornato da me e mi ha solo  ringraziato: “Sutu contento adess?”,  ha ripreso la pala e abbiamo continuato a  buttar via la neve. Invece di mangiare le ha prese. Non mi ha mai rimproverato, mi  ha solo detto: “Sutu contento adess?”. 

per continuare :link 

Mostra altro

Io non dimentico

27 Gennaio 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

408881 10150518791756896 77034286895 8929556 6467529 n

 

Solo bimbi “speciali” han sul petto una stella, sin da lontano io sono vista per quella. Mi han messo un marchio proprio sul cuore, lo porterò fiera in tutte le ore. La stella, si dice, è un premio, ma strano, un uso che giunge da un tempo lontano. Io so tutto quanto la stella rivela e cercherò che essa diventi una vela. Io sono una stella! Papà mi diceva di scansare i guai, ritorna presto ché non si sa mai. Per me il giallo stella è come oro, non voglio offenderlo e farne il mio alloro. Ora sto qui eretta e orgogliosa, urla, mia voce, ma silenziosa: “Sono ancora persona in realtà, mio è lo spirito, la volontà”. Io sono una stella! (Inge Auerbacher)

427425_367376119946212_125231240827369_1674664_1156938371_n.jpg

BAMBINI NELLE CARCERI DI ISRAELE. Le torture e le pratiche disumanizzanti applicate nei confronti dei carcerati, sino allo scorso mese venivano attuate anche nei confronti dei bambini, anch'essi rinchiusi insieme agli adulti.

425886 10150627583356041 336751556040 11567934 152134455 n

                                      °°°°°°°°°°°°

404252 10150622700626041 336751556040 11554957 1838926595 n

IL GIORNO DELLA MEMORIA. Questa bambina non si chiamava Anna Frank. Non aveva scritto un diario. Anche se l'avesse scritto nessuno l'avrebbe pubblicato. Se qualcuno l'avesse pubblicato nessuno l'avrebbe letto perchè la propaganda non se ne sarebbe occupata. E' morta in silenzio, con i suoi genitori durante l'operazione di sterminio dei palestinesi, chiamata dagli israeliani Piombo Fuso. Nessuno ne parlerà mai, nessuno si preoccuperà mai di sapere il suo nome. (di: BUONE NOTIZIE Ultima Ora)

Io non dimentico

402048 10150516921868912 101748583911 8896093 1338514124 n

VITTORIO ARRIGONI CON DEI BAMBINI PALESTINESI

Vittorio-Arrigoni-con-i-bambini-palestinesi.jpg

402684_10150559058359770_725089769_8771328_1663135453_n.jpg





Mostra altro

Operaio sardo le canta a Castelli che abbandona lo studio di Santoro

27 Gennaio 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

Quando la fame fa dire la verità ! …. Si, in faccia ai leghisti ladroni che non hanno nessuna intenzione di lasciare le loro poltrone in parlamento. Se lo Stato Italia non vi piace, cari leghisti è ora di andarvene! Lasciate i lauti compensi che tutti noi  vi paghiamo  anche se  ci apostrofate  come ladri del Sud !

Un operaio sardo ha avuto il coraggio di dire durante la trasmissione “Servizio Pubblico” a R. Castelli : “tu a me non mi devi rompere i coglioni “ costringendolo a lasciare  lo studio . Acceso dibattito tra l’esponente leghista Roberto Castelli e un gruppo di operai nella puntata di Servizio Pubblico. Tutto parte dal collegamento di Sandro Ruotolo, che questa settimana è andato nel comune occupato di Siliqua, in provincia di Cagliari. Il parlamentare prima di lamenta con Michele Santoro per “il pubblico schierato” in studio, che lo contesta, poi parla delle “aziende del Nord che chiudono”,  ma l’operaio sardo non si fa infinocchiare e Castelli se ne va .

Mostra altro