Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
Blog  di Caranas

Post con #viaggiando tag

Buon anno particolare

29 Dicembre 2011 , Scritto da CARANAS Con tag #VIAGGIANDO

 

Agli amici che ogni giorno dal mare  ( UNKNOW - lat. 0.15 - Lon. -0.315 - quasi equatore) si collegano su Foranastasis, un particolare augurio di un ottimo 2012 per loro e  famiglie. Grazie di cuore, Caranas

images--1--copia-1.jpg

Mostra altro

Quell'isola, quel profumo di mirto

27 Agosto 2011 , Scritto da CARANAS Con tag #VIAGGIANDO

                                                                           di Caranas

L’isola di Dino è la più grande delle isole calabresi. Il nome deriva dal tempio (aeadina)  dedicato a Venere. L’isola fu più volte teatro di incursioni  piratesche, assalti, difese disperate nel IX , XV e XVI secolo d.C. Inutile dire che la debole difesa dell’isola da parte dei calabresi del posto fu sempre perdente. Lo fu anche  in occasione dell’occupazione dell’esercito napoleonico che in un baleno sbaragliò l’opposizione dell’ammiraglio Smith al servizio borbonico. Stessa sorte nel 1917  quando un sommergibile tedesco affondò una imbarcazione inglese con derrate alimentari ( la campana di questo piroscafo è conservata nel Santuario della Madonna della Grotta – Praia a Mare). Naturalmente , più tardi ( 1962) , con tutta l’intelligenza che caratterizza gli amministratori calabresi, l’isola fu venduta dal Comune di Praia a Mare  al Comm. Bottani e a Gianni Agnelli con la conseguente costruzione di cottages e tucul.

Spero che l’Isola di Dino non faccia la fine di Pentedattilo , di Fuscaldo  e tanti altri paesi di questa terra baciata dal sole e sputata in faccia dagli amministratori di destra , sinistra e di centro.

PS : in Germania un bene così l'avrebbero valorizzato al massimo ;  ma si sa, qui  siamo in Terronia !

 

 

Un pezzo di pane che schizza

nel blu dentro il buio,

un eco di cerchi s’espande,

affiorano banchi di macchie

sonore dal fondo

s’addensano attorno,

è un gorgo che ruota e che freme,

vibrante groviglio.

 

Ritorna lo schermo di luce

nella quiete del buio.

(rofilippi)

 

                    ciao, alla prossima

 

Foto di Carmelo Anastasio  (clicca sulle foto per ingrandire )

Quell'isola, quel profumo di mirto
Quell'isola, quel profumo di mirtoQuell'isola, quel profumo di mirto
Quell'isola, quel profumo di mirtoQuell'isola, quel profumo di mirto
Quell'isola, quel profumo di mirtoQuell'isola, quel profumo di mirtoQuell'isola, quel profumo di mirto
Mostra altro

Guardia Piemontese : qualcosa di nuovo, anzi d'antico

14 Agosto 2011 , Scritto da CARANAS Con tag #VIAGGIANDO

Quel profumo d’aria , fresco di ossigeno ,azoto e vapore acqueo, è molto diverso da quello che si annusa poco più giù verso le Terme Luigiane di Guardia Piemontese.  Qui , sul poggio a 500 metri,  non senti più l’odore delle acque sulfuree  decantato  da Plinio il Vecchio. E’ un’altra cosa. Quasi un biglietto da visita per la Riviera dei cedri,  gli alberi più belli il cui frutto  fu fondante della Festa delle Capanne secondo le tradizioni ebraiche.  Quando vengo quassù c’è sempre l’amico carissimo Giuseppe Visca  ad accogliermi con un sorriso solare davanti alla Porta del Sangue. L’ultima volta fu nove anni fa .Ora lui ha 85 anni ,  ma sembra un sessantenne per come si muove e per come parla recitando poesie d’elogio  improvvisate in occitano misto al calabrese, guardando negli occhi le signore turiste.

Ritrovarmi in queste viuzze e terrazzi sul mare , immerso in un silenzio secolare ad ammirare tutti i colori che la natura ha regalato a questo posto stupendo,  desta sempre nuove emozioni difficili da descrivere. Esserci è un’altra cosa,  ed è sempre piuttosto triste immaginare quel passato riportante al 1561 anno della strage che causò la morte di 6000 Valdesi qui giunti  nel Duecento dal Piemonte per evitare le persecuzioni della solita Chiesa .

Non mi dilungo. A voi le immagini di cosa ho ri-visto.  (Caranas)

( Foto Caranas- diritti riservati )

                                                La Porta del Sangue (vista lato mare)

 

13 agosto 2011 173

 

Targa dedicata a Gian luigi Pascale ( il Barba- pastore valdese impiccato ed arso davanti al Castel  S. Angelo - Roma 1561)

13 agosto 2011 171

                                                              Il sig. Giuseppe Visca

13-agosto-2011-072.JPG 

                                             "Considerate la roccia da cui foste tratti" (Isaia)  

13-agosto-2011-155.JPG   

 

13-agosto-2011-075.JPG

 

camera da letto  ( naturalmente con "varianti moderne " visto che il culto valdese non prevede l'esposizione e la venerazione di icone sacre.Qualcuno forse dovrebbe spiegarlo ai guardioti)

      13-agosto-2011-076.JPG

                                                                                               u focularu

13-agosto-2011-114.JPG

                                                                      la dispensa

13-agosto-2011-111.JPG

                                                                        u scarfapanni 

13-agosto-2011-100.JPG

                                                           una culla del tempo (forse 1500)

13-agosto-2011-078.JPG

                                                                    a zampugna 

13-agosto-2011-082.JPG

                                                                   vacile e specchiu

13-agosto-2011-077.JPG

                                                       u casciabancu  delle provviste

13-agosto-2011-113.JPG

                    porta segata a spioncino per il controllo esterno degli uomini dell'Inquisizione

13-agosto-2011-089.JPG

                                                                                            la     cucina

13-agosto-2011-109.JPG

                                                                                                     u carru

13-agosto-2011-095.JPG

                                                              locale soffitta con forno

13-agosto-2011-096.JPG

 

                                                            angolo stanza da pranzo

13-agosto-2011-108.JPG

 

               u stuppiddru (per tostare caffè - sicuramente più recente rispetto all'epoca)

13-agosto-2011-105.JPG

                                                                                         u maccasale

13-agosto-2011-107.JPG

 

                                                                                          il forno a legna

 
13 agosto 2011 101

                                                                 

 

                                                       a visciottula (trappola per topi)

13-agosto-2011-106.JPG

                                                      il tavolo della stanza da pranzo

13-agosto-2011-110.JPG

                                                                       altri attrezzi  ( per fare il vino ?)

13-agosto-2011-099.JPG

 

 

                                               altre immagini di Guardia Piemontese

13-agosto-2011-154.JPG

 13-agosto-2011-169.JPG

                                               panorama Guardia Marina con Scoglio della Regina

13-agosto-2011-139.JPG

                                                               La Torre di Guardia

 

13-agosto-2011-138.JPG

 

                                                        viuzze deserte - non posso dire: non c'é neanche un cane !

 

13-agosto-2011-116.JPG

 

                                                      il magico peperoncino che ha reso famosa Diamante

 

13-agosto-2011-166.JPG

13-agosto-2011-151.JPG

13-agosto-2011-162.JPG

 

                                                  Marina di Guardia Piemontese

13-agosto-2011-128.JPG

                                                       

 

                                                              piazzetta con fontana

 13-agosto-2011-164.JPG

                                                         

                                                                      curiosando...

 13-agosto-2011-158.JPG   

 

                                                Il viaggio continua ... all'Isola di Dino

 

13-agosto-2011-179.JPG

Vedi anche :  https://youtu.be/qH-uThSFX3A

Mostra altro

Viaggio a Milano per ricerche

23 Gennaio 2010 , Scritto da CARANAS Con tag #VIAGGIANDO

            

Telegraficamente per non annoiare. Meridiana Duomo, Codice da Vinci,Piazza Scala, "cancelletto" di Leonardo in Santa Maria delle Grazie.

                                                                                             
                                                                                                                    di Caranas 

 

 duomo.jpg

Tappa Duomo

 

Volevo vedere il “buco” sul tetto del Duomo.

Qualche giorno fa mi è capitato tra le mani un libro che parlava di documenti a firma di Cesare Beccaria ed uno di questi riguardava la sua decisione ( 1786)  di dotare il Duomo di Milano di una meridiana per adeguarsi al nuovo sistema di misurazione del tempo ( metodo degli orologi francesi) .

Il fatto mi ha incuriosito per cui: biglietto, metro, appisolamento iniziale e visita al Duomo.

La meridiana venne posizionata nella prima campata del Duomo per permettere un facile accesso allo strumento senza disturbare le funzioni religiose. A chi? A chi non aveva altri orologi!

Il foro per l’entrata del raggio solare fu praticato molto alto perché , secondo le spiegazioni di un turista giapponese incontrato all’interno , la larghezza della chiesa era troppo piccola per contenere tutta la linea meridiana e non fu possibile forare più in basso a causa dello spessore della parete di marmo. La linea risale quindi per un tratto sulla parete sinistra rispetto all’entrata. In questo modo è possibile la lettura anche d’inverno.

Sul pavimento ci sono i vari segni zodiacali. Per trovarli seguite la barra di ottone incastonata nel marmo.

All'epoca, a mezzogiorno, un addetto del duomo,  comunicava con segni ad un altro addetto posizionato sulla torre del Palazzo della Ragione (vicino) e da qui il segnale arrivava alla Torre del Filarete del Castello Sforzesco per il colpo di cannone . E se c’era nebbia ? Boh !

 

Foto :

 meridiana.jpg

 
interno-duomo.jpg



Tappa Piazza della Scala

 

Ho scattato solo alcune foto e chiacchierato con militanti dell’I.D.V.


Di Pietro 007 e Craxi Goldfinger ( no H)
IDV-4.jpgOccorrerebbe leggere il volumetto : "Di Pietro Intervista su tangentopoli "- G.Valentini
IDV-3-copia-1.jpg
Tappa Santa Maria delle Grazie

 S.Maria-delle-Grazie.jpg

Avevo prenotato per cui mi è stato possibile rivedere il Cenacolo ma soprattutto il Cancelletto progettato da Leonardo da Vinci. Non scrivo del Bramante altrimenti il discorso diventa lungo. Scopo : smontare un po’ alcune tesi di  Dan Brown  ( Codice da Vinci).

« Questo era il progetto di Gesù che fu il primo dei femministi. Voleva che il futuro della sua Chiesa fosse nelle mani di Maria Maddalena.»

« E Pietro aveva qualche difficoltà ad accettarlo» …… « Leonardo sapeva come la pensasse a proposito di Maria Maddalena?»… « Quella mano non stringe un pugnale?»

« Si. Cosa ancora più strana , se conti le braccia, vedi che la mano non appartiene a nessuno in particolare. Ė priva di corpo. Anonima.»

 

E invece no, ho approfondito le ricerche sul luogo ed ho appurato che invece la mano appartiene a Pietro che con la sinistra sembra dire a Giovanni ( o Maria Maddalena?) : « Guarda che ti taglio la testa !» e con la destra impugna un pugnale. Le prove : ho trovato foto dei bozzetti di Leonardo conservati al Windsor Castle (Royal Collection) e li ho riprodotti a mano ( v. sotto). Dal vivo, nel cenacolo si vede bene che la mano appartiene a Pietro. Sulla teoria del “femminino” posso dire che Dan Brown, risente molto del tema trattato già da  Andy Warhol . Magari riprende il concetto nel volume "Il simbolo perduto" (sono a metà lettura).

 

 Leonardo-1.jpg
( mani femminili ?) - Giovanni unico apostolo con le mani giunte
Leonardo-2-copia-1.jpgconfronta con la foto successiva

Leonardo-3.jpg( S.Giovanni quì non ha la faccia da maschio, osservate anche il "corpetto" di Giovanni-
Quasi una Monna Lisa -Leonardo però era piuttosto enigmatico)

Cancello interno Convento Santa Maria delle Grazie   

 

Ė stato progettato da Leonardo da Vinci.

Mi sapete dire come hanno fatto a montarlo dal momento che su una stessa asta i fori sono per metà orizzontali e per l’altra metà verticali? Occhio al disegno.

Potete inviare la risposta cliccando su “invia un commento” ( qui sotto ). La vostra mail sarà visibile solo dal sottoscritto e non sarà resa pubblica ).

Leonardo-copia-1

PS : per antichizzare la carta, spennellarla con caffè liquido e lasciarla asciugare prima dell'uso.

Per un viaggio virtuale in Santa Maria delle Grazie clicca sul link che segue :

http://milan.arounder.com/it/chiese/santa-maria-delle-grazie/IT000005341.html

 


                                                                                                                                  by Caranas

Mostra altro
<< < 1 2