Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
Blog  di Caranas

Venticinque chicche famose di Silvio Berlusconi

28 Giugno 2013 , Scritto da CARANAS

Venticinque chicche famose di Silvio Berlusconi

sono solo 25, ma ne esistono tantissime altre

  1. La mia bravura è fuori discussione, la mia sostanza umana, la mia storia, gli altri se la sognano. Sono loro che devono dimostrare a me di essere bravi... («ANSA», 7 marzo 2001) (Silvio Berlusconi)

  2. Per fare quel lavoro devi essere mentalmente disturbato, devi avere delle turbe psichiche. Se fanno quel lavoro è perché sono antropologicamente diversi dal resto della razza umana. (riferito alla magistratura) («La Repubblica», 5 settembre 2003) (Silvio Berlusconi)

  3. Per fare il magistrato devi essere mentalmente disturbato, devi avere delle turbe psichiche. Se fanno il magistrato è perché sono antropologicamente diversi dal resto dell'umanità. (Silvio Berlusconi)

  4. La sinistra in Italia non odia soltanto il leader politico del centrodestra. No, la sinistra odia tutti gli elettori del centrodestra, odia tutti i cittadini che non la pensano come loro. Per la sinistra tutti gli elettori di centrodestra sono ottusi, volgari, egoisti, profittatori. Sono la parte peggiore dell’Italia. (Silvio Berlusconi)

  5. Dopo la pizza e la mafia, il Milan è la realtà italiana più conosciuta al Mondo. (Silvio Berlusconi)

  6. Gli Italiani sono molto meno poveri di quello che credono di essere. (Silvio Berlusconi)

  7. Non mi piace nulla della politica e dell'ambiente politico, ma in questo momento la mia presenza è utile all'Italia e agli italiani. (Silvio Berlusconi)

  8. Putin e' sempre stato anticomunista. (Silvio Berlusconi)

  9. Sfido chiunque a citare un solo provvedimento del governo o della maggioranza che mi abbia favorito. (Silvio Berlusconi, Il Giornale, 21 gennaio 2006).

  10. Sono il Gesù Cristo della politica, una vittima paziente che si sacrifica per tutti. (Silvio Berlusconi) (la Repubblica, 13 febbraio 2006).

  11. Ho un complesso di superiorità che debbo frenare. (Silvio Berlusconi, maggio 1994)

  12. Solo Napoleone ha fatto più di me. (Silvio Berlusconi, Corriere della Sera, 11 febbraio 2006).

  13. Ma lo sa che lei ha una bella faccia da stronza? (Silvio Berlusconi a una signora di Rimini che lo invitava a tornarsene a casa, 24 luglio 2003).

  14. Ma vaffanculo! (Silvio Berlusconi, accompagnando l'esclamazione con il gesto della mano, nell'aula del Senato, rivolto al presidente emerito della Repubblica Oscar Luigi Scalfaro che ha appena denunciato il "servilismo" del governo Berlusconi nei confronti degli Usa sull'Iraq, la Repubblica, 27 settembre 2002)

  15. La media degli italiani è un ragazzo di seconda media, e nemmeno di quelli che siedono nei primi banchi. E' a loro che devo parlare. (Silvio Berlusconi) (Corsera 10.12.04)

  16. I poveri sono persone diseducate al benessere. (Silvio Berlusconi

  17. Il cliente, il pubblico, è un bambino di undici anni, neppure tanto intelligente. (Silvio Berlusconi)

  18. Noi abbiamo introdotto una nuova moralità in politica.

  19. Non ho mai conosciuto Mills, e io non corrompo mai chi non conosco! (Silvio Berlusconi)

  20. Quelli di sinistra si lavano poco. (Silvio Berlusconi). [Bersani: "Se ci laviamo poco è perché siamo puliti"].

  21. Occorre convincere i meno intelligenti a votarci.

  22. Abbiamo il debito pubblico forte, ma gli italiani sono benestanti. (A Bruxelles, luglio 2011)

  23. Pagare una donna per fare sesso sarebbe degradante per la mia dignità.

  24. "L’Italia è il Paese che amo" (Berlusconi, 1994). "Paese di merda" (Berlusconi 2011). [Sarà mica che nel frattempo ha governato quasi sempre lui? (Alessandro Gilioli) (La Forza delle Parole)]

  25. Ho sentito in questi anni un senso di impotenza drammatico. Non ho nulla di cui vergognarmi.

Condividi post

Repost0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post

Zione 06/29/2013 23:19

SUPPLICA (ma anche e soprattutto, pubblica e vana Denunzia ...); al me car Sumà Francesco, il Papa dei Poveri, a qualche preposta e DORMIENTE "Autorità" e per conoscenza anche a chi è in grado di farla girare sulle Barricate della Libertà, ancora esistenti sulla Rete, affinchè le sconvolgenti nequizie di questi accadimenti evitino il continuo ripetersi di simili Tregende e la notizia possa navigare col vento in poppa, finchè possibile ... : "Ti supplico, boja fauss; con le tue ascoltate Preghiere, fatte al Cielo con sincera Fede, liberaci per sempre dalla velenosa Gramigna Sociale "di Mandrogne", nata e alimentata col TERRORE che hanno instaurato e quotidianamente rafforzano, certi mostruosi e Svergognandi figli del Demonio; voraci e Mortifere Mignatte (fra l'altro, ma questo è il meno ...) da esorcizzare, Scomunicare o INCENERIRE insieme a qualche loro Feroce, servile o asservito Sbirro al seguito e quando prima; grazie Santo Padre".
-----
Rem ... e fu allora che l’ignorante GIUDICIUME Politico "Piemontese" cominciò a sputare sugli obblighi dell'Etica della Vita e defecando Ciclopicamente sul sacro Libro della LEGGE, aggredì uno stimato Assessore di Orbassano, Meridionale e Socialista; cominciando dai numerosi astanti, a vario titolo (da egli e da essi Blasfemi, loro malgrado coinvolti) col vile "Trucco" del processo FARSA, basato solo su scemenze, cazzate e CALUNNIE, per screditare i Morigerati e incensurati Testimoni, che in quanto tali, sono Tutelati dallo STATO (quando lo stesso non è in mano a scellerati Criminali ...) e che puta caso, erano tutti "a favore dell'Imputato" e così capitò che qualcuno di questi Sfortunati, pur di non tradire la propria Coscienza e per allontanarsi in fretta da quel ributtante Macello, per la propria Dignità che gli derivava dalla Morale della sua antica e benvoluta Famiglia di Gente ONESTA, accettò di salire le nobili scale del Patibolo, pur sapendo che ne avrebbe sofferto la conseguente e insanabile Rovina, ma consapevole anche che la testa di un'Orda di Barbari di siffatta triste genìa, ha quasi sempre finito col ballare sulle PICCHE dei Proletari e trovato poi stabile dimora all'Inferno.
-----
Questo capitò in una corte di Eccellentissimi BUFFONI dell'impestata FOGNA (il fu Tribunale) di Torino; composta da squallidi e Turpi personaggi, Colpevoli da allora anche di SOMMERSI e Impuniti SEQUESTRI di Persone; fu in quel luogo immondo, che la perfidia di Grandi LEGULEI assassinò l’esistenza di Galantuomini e Donne per bene; ai quali, quei Maledetti CIALTRONI non erano degni di pulire neanche le loro scarpe, contaminate dal liquame di quella Cloaca infettata a Morte dalla Putredine che emanavano quegli IMPURI figli di Satana, che per Mafiosa sete di Potere, distruggono e Assassinano legalmente in nome della TRADITA Giustizia tutte le persone che non gradiscono, per ignobile interesse Personale e malgrado che costoro non abbiano mai avuto niente a che vedere con occulte o evidenti Faide Politiche, coi Cialtroni Giudiziari e colle immani SCELLERATEZZE Tribunalizie di questa manica di Fetenti, degenerata Casta di Marjuoli e FELLONI, dalle ricche e Usurpate carriere e vili AFFAMATORI dell'Oltraggiato Popolo. --- ruotologiu@libero.it