Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
Blog  di Caranas

Il figlio dell'operaio non può essere uguale al figlio dell'mprenditore

9 Marzo 2011 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

Per Berlusconi il figlio dell’operaio non può essere uguale al figlio del professionista. Penso che questo breve video la dica lunga sul modo di pensare dei nostri governanti (scommetto lo stipendio che anche gente come Brunetta o Sacconi la pensa nello stesso identico modo). A volte il fatto che Silvio Berlusconi sia incapace di trattenere per sé la sua parte peggiore ha dei risvolti “positivi” in quanto è possibile avere conferme indiscutibile di quanto sia gretto e, perché no, malvagio il suo modo di vedere le cose e di concepire il mondo e i rapporti interpersonali. Da una parte ci sono i ricchi e i potenti, che devono restare ricchi e potenti a tutti i costi e tramandere i loro beni e il loro potere ai loro discendenti (non a caso uno dei primi atti del suo governo fu quello di eliminare la tassa di successione agli opulenti), dall’altra chi è povero e non conta nulla che deve continuare a essere povero e non contare nulla, e possibilmente non disturbare, elemosinando qualche briciola di pane caduta dalla tavola dei ricchi e dei potenti che generosamente le lasciano cadere. La cosa per me più incomprensibile è il perché chi è povero si ostina a votare una destra esplicitamente menefreghista e orrendamente classista di questo tipo, che illude i pensionati con social card finte, che, in una situazione economica difficile, si preoccupa di salvaguardare chi è ricco e di premiare le escort e le veline. Una destra che appoggia lo schiavista Marchionne, e si riconosce in lui. Questa è la destra di Silvio Berlusconi.
 
da : facciocosevedogente

Condividi post

Repost0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post