Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
Blog  di Caranas

Andiamo a quel paese

27 Giugno 2012 , Scritto da CARANAS Con tag #VIAGGIANDO

 Barcellona, Valencia o Benidorm ? 

NewPicture284.jpg

Un pomeriggio intero passato al pc per trovare un residence a Barcellona , magari a Barcelloneta, vicino alla spiaggia , per una settimana. Trovato qualcosa ? Macché! Tutto prenotato ed a prezzi altissimi (guarda qui sotto).

Barcelloneta 

E’ vero,  siamo in crisi, soprattutto in Spagna, però navigando in web leggo che in molte città spagnole i negozi e centri commerciali di lusso sono frequentati in questo periodo da tantissima gente , gente che compra. Mi sono detto : ma allora il banana aveva ragione ? Difficile trovare posto negli alberghi. Ho chiamato un’amica di Alicante (soggiornai lì per un mese nel ’92), pare che soprattutto a Barcellona si fa  la fila per una tavola libera nei ristoranti buoni. Ogni luogo è affollato di turisti. Insisto e chiedo : e a Benidorm ? me voy a olvidar amigo !... Lì c’è anche la movida !

E se fosse così anche in Italia ? Città d’arte e posti stupendi ne abbiamo no ? Non è il sogno di Monti o di qualche assessore al turismo italiano, però in Spagna sembra che sia tutto esaurito per il turista fai da te e non sono solo scene di vita del solo weekend magari a  Madrid che, da quel che mi risulta, come il resto della Spagna dovrebbe risentire della crisi. Mi vien difficile pensare che si tratti di un paese sull'orlo della richiesta di un salvataggio europeo.

Non si vendono case,  continua la mia amica che lavora a Madrid, ma i tavolini dei bar sono pieni. Il ristorante Botin (che si fregia di essere il più antico del mondo) ha circa 1000 coperti, è aperto a colazione e alla sera fa turni dalle 20 alle 23 (prezzo medio 60 euro a testa): impensabile accedervi senza prenotazione. Idem per gli hotel 4-5 stelle in centro. Al Mercado de San Miguel nel cuore della città ci sono 75 <postazioni> dove si mangia di tutto e a tutte le ore (una porzione del famoso prosciutto <bellota> va sui 20 euro), e a tutte le ore conquistare una postazione a un banco è un'impresa. La folla c'è e come!

E va beh, forse gli spagnoli hanno un carattere più estroverso del nostro. Forse sono più ottimisti (anche se la disoccupazione pare tocchi il 25 per cento). Forse a livello turistico gli spagnoli ci sanno fare, se è vero che il turismo è uno dei pochi settori che riescono a fronteggiare la crisi : nel 2011 la Spagna ha ricevuto complessivamente 56,9 milioni di turisti, pari a 4,3 in più rispetto al 2010. Fino a novembre scorso, la spesa turistica ha raggiunto i 50 miliardi di euro, pari all'8,1% in più su base annua.

In conclusione, noi italiani dovremo darci davvero da fare per non perdere il treno del turismo internazionale. E forse dovremo provare a sorridere, nonostante tutto ( e chi ci va ? costa troppo una settimana di vacanza ; se penso poi che devo spostarmi ad Orio al Serio… ) . Cerchiamo Loano va !

 

 

 

Condividi post

Repost0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post