Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog
Blog  di Caranas

Il gene che spegne il cancro : Una scoperta tutta italiana

14 Febbraio 2015 , Scritto da CARANAS Con tag #MEDICINA

Il gene che spegne il cancro : Una scoperta tutta italiana

 

La "scoperta inattesa" dei ricercatori dell'Istituto Humanitas di Rozzano (Milano) che hanno accertato l’azione di un particolare gene, Ptx3, capace di 'spegnere' il cancro con un meccanismo "nuovo e unico".

Lo studio dei ricercatori , coordinato da Alberto Mantovani , è  stato pubblicato sulla rivista scientifica Cell ed è stato  finanziato dall’A.I.R.C.

Lo studio dimostra per la prima volta che una molecola dell’immunità innata, PTX3, scoperta 20 anni fa dallo stesso Mantovani e dal suo team, si comporta come un oncosoppressore con un meccanismo nuovo e unico, ossia frena la formazione del cancro perché tiene sotto controllo la risposta infiammatoria.

I ricercatori hanno dimostrato che in alcuni tumori questo gene "viene spento precocemente. Questo porta il tumore a reclutare i macrofagi, cellule del sistema immunitario che finiscono per promuoverne la crescita e l'instabilità genetica. Si tratta di una scoperta inattesa, da cui ci aspettiamo importanti implicazioni sul fronte clinico". I ricercatori ora stanno lavorando per cercare di trasformare le potenzialità di Ptx3 in una cura concreta, attraverso una sperimentazione clinica.

 

Condividi post

Repost0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post

CARANAS 02/14/2015 19:17

Secondo il nuovo ranking made in Usa, lo scienziato italiano attivo in Italia che guadagna la posizione migliore nella «top 400» è Alberto Mantovani, direttore scientifico dell’Irccs Humanitas di Rozzano e docente dell’università degli Studi di Milano. Con lui spiccano altri 5 nomi di cervelli italiani rimasti a lavorare in patria: Antonio Colombo dell’università Vita-Salute San Raffaele di Milano, Giuseppe Remuzzi dell’Istituto Mario Negri di Bergamo, Giuseppe Mancia dell’università di Milano Bicocca, Vincenzo Di Marzo del Cnr di Pozzuoli, e Alberto Zanchetti dell’università degli Studi di Milano.