Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
Blog  di Caranas

Benvenuti al nord

21 Dicembre 2011 , Scritto da CARANAS Con tag #ATTUALITA'

.
Mostra altro

Stavolta la Fornero ride (vignetta)

21 Dicembre 2011 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

Fornero che ride

Mostra altro

Al Trota hanno rubato la macchina

20 Dicembre 2011 , Scritto da CARANAS Con tag #SATIRA UMORISMO COLTO

poli510a.

 

Mostra altro

MONTI , PRESEPE E BABBO NATALE

20 Dicembre 2011 , Scritto da CARANAS Con tag #RELIGIONE

images.jpg

Occhio al presepe, non fatelo sapere a Monti, altrimenti piazza l'ici sulle casette dei pastorim la tassa sulla spazzatura per la mangiatoia, la tassa sugli animali domestici eguai a fare il fiume con barchetta perchè scatta anche la tassa sui beni di lusso.

 

Voi che dite ? Babbo Natale si butterà quest'anno nel camino senza panettone ?

20169957.jpg.


Mostra altro

BESTIE UMANE IN EGITTO

19 Dicembre 2011 , Scritto da CARANAS Con tag #ATTUALITA'

Se hai lo stomaco debole non guardare

Ha fatto il giro della rete l’immagine delle forze di polizia del nuovo Egitto comandato dalla giunta militare transitoria: buttata a terra, picchiata e trascinata, la polizia ha tolto il velo ad una ragazza, le ha tolto la maglietta e l’ha mostrata in reggiseno al mondo intero. Uno scandalo di prima portata per la restrittiva legge coranica musulmana, che ha delle idee ben precise sul corpo delle donne e sulla sua esposizione in pubblico. E’ anche per questo che la donna non vuole, adesso, che il suo nome venga divulgato dalla stampa, perché altrimenti sarebbe “disonorata per sempre”.

ESSERE D’ESEMPIO – Il Guardian ha potuto parlare con la ragazza, con i parenti e con gli amici. Un reporter locale racconta la dinamica del pestaggio e l’eroica battaglia di alcuni manifestanti che hanno evitato che alla ragazza succedesse ben peggio. “Era chiaro che volevano portarla via, ma alcuni coraggiosi manifestanti sono arrivati e hanno iniziato a tirare pietre; il che l’ha salvata”, dice Al Badeel. La ragazza ora è al centro El Nadeem, un centro di riabilitazione per vittime di violenza, dopo essere passata in ospedale e curata per “ferite a mani e gambe”.

 

 

Mostra altro

MELCHIORRE

18 Dicembre 2011 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

remagi_-.JPG

Mostra altro

La nuova valuta di Bossi

18 Dicembre 2011 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

Basterà alzare il dito medio e si capirà come pagherai

 

 

0 lire

 

Mostra altro

ISLAND OF LOVE

18 Dicembre 2011 , Scritto da CARANAS

Quanti ricordi ... l'autostrada... palipalìpalì... Ciao Frà !

Mostra altro

Porca Eva, mi è finita di nuovo la benzina !

18 Dicembre 2011 , Scritto da CARANAS Con tag #ATTUALITA'

 

Fai da te ? Aiaiaaaaiiii  !

3.

Mostra altro

IL SOLE DEI MORENTI

18 Dicembre 2011 , Scritto da CARANAS Con tag #CAFFE' LETTERARIO

0 Il sole

Ho quasi terminato la lettura de “Il sole dei morenti “ (di Jean-Claude Izzo)  che non è un giallo. Non avevo letto la recensione. E’ stato lì sugli scaffali quasi un anno. È la storia di un uomo sfortunato, un giovane sereno, innamorato della moglie, felice di avere un bambino, un lavoro, una casa. Poi la moglie lo lascia, lui perde il lavoro, la casa, finisce in strada: quello che chiamano un barbone; clochard è più trend. Mi sono innamorato di questo libro, così come per l’altro : “Zorro” di Margaret Mazzantini ;  entrambi mentre leggevo, mi hanno regalato più flash di situazioni, "fotografie" di Fuscaldo . Titì,  è un po’ come …- Rico è il protagonista abbandonato a se stesso, un morente , anche se in quell'involucro umano,  continua a vivere un uomo. E questo uomo, prova, in un ultimo slancio vitale, a lasciare la Parigi del freddo, dei metrò, dell'alcolismo, della solitudine, per raggiungere Marsiglia, il sole, il mare la città dove aveva scoperto l'amore. Il sole dei morenti è la storia di un viaggio e di una vita. Un romanzo struggente, di rara umanità.

Di  lenta morte qui si parla, di un uomo che si lascia morire. E quindi c’è chi ha voluto vedere in queste pagine una sorta di testamento dello scrittore francese (morto a 55 anni).

E’ un lento e disperato viaggio verso la fine, intrapreso da un uomo che non ha più niente al mondo, se non il desiderio di morire come gli pare. Non durante il freddo ed inospitale inverno a Parigi, ma al sole, al caldo, a Marsiglia. Un luogo caldo come tanti altri , come i tanti centri assolati della Calabria.

Ne ho incontrati di questi uomini, soprattutto a Pietra Ligure, in luglio due anni fa. Era piacevole chiacchierare qualche minuto con Sasà all’ombra della tettoia di un supermercato  alle tre del pomeriggio, in attesa dell'apertura del centro commerciale . A quell'ora lo trovavo  sempre lì a spruzzarsi il viso con un nebulizzatore da giardinaggio. Prima lui, poi il suo cane  Dog.

Altri disperati come lui, persone travolte dalla vita e ormai incapaci di reagire, che (sopra) vivono senza vivere.

Sasà mi diceva che noi tutti, compresi i benestanti, i giudici , i professionisti, quelli dello shopping , abbiamo un bell'interessarci alla sua/loro  storia, commuoverci, indignarci, ma non possiamo metterci nei loro panni. Ed è vero, se non conosci quel tunnel non puoi capire. E per la donna è peggio. Quando l'uomo arriva a chiedere l'elemosina, la donna invece inizia a prostituirsi.

È un romanzo duro, un continuo pugno nello stomaco, ad ogni pagina, ad ogni sfiga che Rico si lascia cadere addosso, impotente e inerme. È un libro pieno di angoscia, di rabbia, di violenza, ma anche con una piccola speranza finale. Che non scrivo perché immagino che la sorpresa allegra ed attesa non c’è,  e perché … non ho ancora finito di leggere.

 

0-Zorro.jpeg

Mostra altro
<< < 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 > >>