Overblog
Segui questo blog Administration + Create my blog
Blog  di Caranas

Post recenti

Sindrome di Lazzaro

10 Novembre 2011 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

finita

Mostra altro

Scarcerato - Perché non dovrebbe farlo ancora ?

10 Novembre 2011 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

20111110_scontri_roma_2-copia-1.jpg

 

ROMA - E' stato scarcerato Fabrizio Filippi, detto "er pelliccia", il giovane di 24 anni di Bassano Romano, in provincia di Viterbo, arrestato il 17 ottobre scorso dopo gli scontri avvenuti a Roma durante la manifestazione degli indignati. Filippi, studente universitario, fu immortalato in alcune fotografie mentre, a torso nudo, tirava un estintore contro le forze dell'ordine. Fu identificato per un tatuaggio che ha sul fianco sinistro. Il gip, dopo oltre un mese di detenzione, ha accolto la richiesta di scarcerazione presentata dai suoi legali.

 

Mostra altro

SIAMO RIMASTI IN TRE...

10 Novembre 2011 , Scritto da CARANAS Con tag #SATIRA UMORISMO COLTO

Camei

Siamo rimasti in tre, tre briganti e tre somari sulla strada longa longa di Girgenti...

"Si', ma se stasera, se incontriamo la corriera, uno balza sull'arcione, uno acciuffa il postiglione, due sorvegliano di fouri, uno spoglia i viaggiatori e ce ne andiam...!"

...Ma se siamo tre, tre somari e tre briganti solo tre...!

AHI AHI AHI.....

"E non ti preoccupare Dragonera, noi tre siamo, ma cose mirabolandoli possiamo fare: siamo i padroni del Mondo!!!"

...Siamo sempre in tre, tre briganti e tre pistole, sulla strada da Girgenti a Monreale...

"Si', ma c'e' il castello del Marchese di Mondello: uno passa dal portone, uno salta dal bastione, uno uccide i servitori, due si pigliano i tesori e ce ne andiam...!"

...Siamo sempre tre, tre somari e tre briganti, solo tre...

AHI AHI AHI......

 

 

Mostra altro
Mostra altro

CONSIGLI -1- HAI CHIUSO LE CHIAVI IN MACCHINA ? GUARDA COME SI APRE SENZA DANNI

10 Novembre 2011 , Scritto da CARANAS Con tag #CONSIGLI CARANAS

Hai chiuso le chiavi in ​​macchina? La soluzione di Caranas

3004107731-chiavi-chiuse-nell-auto.jpg


La tua auto ha l’apertura/chiusura con telecomando? Questa funzionalità può risultare utile un giorno. Una buona ragione per avere un telefono cellulare: se chiudi le chiavi in ​​auto e quelle di ricambio sono a casa, chiama qualcuno a casa sul cellulare dal tuo cellulare. Tenendo il tuo cellulare a circa 30 cm. dalla portiera, dì alla persona a casa di premere il pulsante di sblocco, tenendolo vicino al suo cellulare. La tua auto si aprirà. Così si evita che qualcuno debba portarti le chiavi. La distanza è ininfluente. Potresti essere a centinaia di km. e se è possibile raggiungere qualcuno che ha l'altro telecomando per la tua auto, è possibile sbloccare le porte (o il baule).

PS: funziona benissimo! L’ho provato e ho aperto l’auto con un cellulare!


Mostra altro

PRODI LASCIÒ A BERLUSCONI UNO SPREAD A QUOTA 37

10 Novembre 2011 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

berlusconi_prodi_2008-300x199.jpg

Palazzo Chigi: 8 maggio 2008.  E’ in corso una cerimonia ufficiale: da una parte c’è Romano Prodi che lascia, dall’altra c’è Silvio Berlusconi che arriva. E’ il passaggio di consegne del governo, dopo la vittoria elettorale del centrodestra.

In quel momento lo spread tra Btp e Bund è un parametro che conoscon0 solo gli addetti ai lavori. Soprattutto è un parametro che non fa paura: quando Prodi lascia e Berlusconi arriva il differenziale è a 37 punti.

Palazzo Chigi: 8 novembre 2011. Berlusconi è appena tornato dal Quirinale dove ha spiegato al capo dello Stato Giorgio Napolitano che si dimetterà solo a legge di stabilità approvata. Lo spread, dopo giorni di pressione, si appresta a sfondare quota 500. Lo farà la mattina successiva, quella del 9 novembre, il giorno in cui, per la prima volta, il rendimento supera anche la soglia del 7%.

 

Mostra altro

Segreteria per malati di mente

10 Novembre 2011 , Scritto da CARANAS Con tag #CURIOSITA'

Mostra altro

Mentre il Titanic affonda, Alfano pensa alle “canzoni del cuore” e al suo libro su facebook

9 Novembre 2011 , Scritto da CARANAS Con tag #POLITICA

Sconcerto tra i militanti del Pdl per l'iniziativa on line del segretario.

1-copia-2.jpg

 

Che nel pieno della crisi, chiede ai "fan" di suggerire brani per la sua playlist e si preoccupa di promuovere il suo saggio sulla mafia, appena pubblicato da MondadoriSilvio Berlusconi annuncia le dimissioni dopo l’approvazione della legge di stabilità e lancia Angelino Alfano come prossimo candidato premier. Eppure, mentre il centrodestra non ha più i numeri e assiste alla deriva dei suoi parlamentari, dal passaggio di Gabriella Carlucci all’Udc alla lettera dei ribelli firmata dall’ex fedelissimo Stracquadanio, il segretario del Pdl pare essere impegnato su altri fronti. Più precisamente sulla messa a punto di una compilation fatta “solo con le canzoni del cuore dei miei amici” e sulla promozione del suo nuovo libro. Almeno da quanto emerge su Facebook.

Sulla sua pagina pubblica l’ex Guardasigilli Angelino Alfano fino a domenica ha scritto status relativi alle sue attività politiche (“Buongiorno e buona domenica! Tra poco parteciperò alla convention degli amici di Popolo e Territorio, hotel Parco Tirreno a Roma. Come sempre potrete trovare i lanci stampa in real time su questa pagina e sul mio sito personale. A dopo!”) e link che proponevano riflessioni sulla crisi economica, invitavano l’opposizione a votare le misure presentate alla Ue e scartavano l’ipotesi di un governo tecnico. Poi ha deciso di segnalare altri contenuti che nulla hanno a che vedere con il suo ruolo nel Popolo della Libertà.

“Voglio comporre la mia nuova playlist musicale solo con le canzoni del cuore dei miei amici… la chiamerò “fbfriends”! Mi suggerisci la tua canzone?” chiede agli iscritti della pagina che con oltre 600 commenti decidono di prendere sul serio il contest dell’ex ministro e rispondono. C’è chi propone “Where the Steets have no name” degli U2, “l’ultima dei Coldplay” e “Un giudice” di De Andrè ed Eleonora addirittura ringrazia “per questa bellissima iniziativa”. “Mi preoccuperei più a dare una stabilità al Governo – nota Norbert -visto la situazione economia che abbiamo e aiutare i nostri pensionati che vivono con dei miseri soldi e dei giovani”, ma la sua rimane un’obiezione isolata tra centinaia di suggerimenti musicali. In rete però, altri utenti condividono il post, sbalorditi dalla richiesta di Alfano. “E questo qui è il segretario del tuo partito nei momenti di crisi?”, si domanda Gabriele. “Mentre il Titanic affondava l’orchestra suonava. Questo fa le playlist!”, rilancia Corina e per Mattia la sua pagina “sembra uno scherzo”. Non ad Alfano, però, che ora ha sospeso gli status musicali per occuparsi della promozione del suo nuovo libro “La mafia uccide d’estate”, pubblicato da Mondadori. Sorvolando sul fallimento della maggioranza.

“Domani pronti per una nuova battaglia parlamentare alla Camera”, ha scritto lunedì, alla vigilia del voto sul rendiconto finanziario. Poi ha aggiunto: “A proposito di domani…esce il mio libro, di cui vi ho già parlato: ‘La mafia uccide d’estate’. Spero davvero vi possa piacere e sarò felice di leggere le vostre recensioni!”. E posta la copertina, a cui seguono decine di commenti entusiasti dei suoi fan. “Lo comprerò”, “sei un grande”, “sicuramente mi piacerà”, anche se c’è chi, con toni pacati, gli ricordava l’esecutivo in bilico. “Segretario, un libro per me, e due come regalo di Natale! Ma il problema, è domani”, notava Carla, tra i pochi a sollevare perplessità sul voto alla Camera e Alessandro invitava l’ex ministro a concentrarsi sulla politica e non sulle sue fatiche editoriali (“Angelino, va a fare il Primo Ministro che ne abbiamo bisogno, e lascia che del libro se ne occupino altri… Forza Italia – pardon Pdl”). Ma Alfano lunedì prosegue con la promozione del libro e dopo avere ricordato che è disponibile anche in versione elettronica (“dimenticavo… lo troverete pure in formato ebook!”), si dedica alla relativa rassegna stampa. “Ecco la prima recensione del mio libro ‘La mafia uccide d’estate’ a cura di Francesco Verderami, uno degli editorialisti di punta del Corriere della Sera!”. Seguivano solo commenti di complimenti e congratulazioni fino a ieri. Poi, dopo l’annuncio di Berlusconi, gli utenti hanno iniziato a chiedere ragguagli sulla sua candidatura e la crisi: “Mi perdoni la franchezza – scrive Marinella – ma in questo momento vorrei sentire da lei delle parole che ci diano speranza. Va bene la pubblicità al libro, ma in questo delicato momento abbiamo bisogno delle sue parole”. Perché il “popolo del Pdl”, scrive Mauro, “ha bisogno di parole di conforto dopo i fatti di ieri. Grazie”

 

Fonte : Il Fatto

 

Mostra altro

La pompetta non lo fa passare (vignetta)

9 Novembre 2011 , Scritto da CARANAS Con tag #SATIRA UMORISMO COLTO

la-pompetta-non-lo-fa-passare.jpg

Mostra altro

Silvio a Bolgheri pensando al Carducci

9 Novembre 2011 , Scritto da CARANAS Con tag #SATIRA UMORISMO COLTO

2177867200 1de68a3510carducci776                                                                                

                  Silvio a Bolgheri  (satira)           

                                                                                                            di  C. M. Anavaldi

Aveva deciso di passare qualche giorno a Bolgheri. Voleva riposarsi e pensare a come uscire dal casino in cui si era messo con il voto del martedì alla Camera. Silvio passeggiava  perso nei suoi pensieri , cercando di ricordare un vecchio carme che aveva studiato  dai salesiani. A un certo punto, il suo cuore aveva dato un battito più forte . A qualche metro in fondo al vicolo, era comparsa una figura maestosa. La testa leonina, la barba folta, l’incedere pesante e consapevole che tutti, da quelle parti, conoscevano bene. Giosuè Carducci.

Silvio si era quasi immobilizzato, mentre il Poeta si avvicinava lento e maestoso nella strettezza del vicolo, guardandosi intorno con calma. Di soppiatto, Silvio aveva lasciato sfilare la figura imponente, chiedendosi se era il caso  di salutarlo o meno, se doveva fare mostra di averlo riconosciuto o no, se invece non era meglio palesarsi e dirgli buona sera, senatore, mi consenta, mi scusi l’ardire ma…

Ma cosa sta facendo ?

  Mentre Silvio stava immobile a guardare, infatti, il Poeta si era fermato davanti a un portone e lo aveva studiato severamente per qualche secondo. Quindi, trovatolo confacente, si era sbottonato con difficoltà i pantaloni e aveva incominciato tranquillamente a liberarsi la vescica, la testa verso l’alto e il fare indifferente che caratterizzano il vero professionista della pisciata all’aperto.

 Silvio rimase impietrito.

 Dopo una decina di secondi, Silvio si era avvicinato al vate pisciante e lo  aveva guardato con stupore.

 E il Carducci, nulla. Lì, come se niente fosse.

 A quel punto, Silvio esplose. Ma cosa diavolo state facendo ?- disse con voce  tremante di rabbia e di sorpresa.

 Per nulla turbato, il poeta cominciò :

 

Non vedi, caro, che stai disturbando?

Su un portone, tranquillo, sto pisciando.

Io piscio dove mi pare e quando voglio,

piscio sopra l’aiuola e sullo scoglio.

Piscio sulla moneta, e sopra il foglio,

piscio sul Vaticano e in Campidoglio;

e se continui a rompermi i coglioni

piscio sul muso a te, e anche ai tu lecconi.


E, terminato l’endecasillabo, si riabbottonò e girò sui tacchi imperturbabile, lasciando il povero Silvio ammutolito.

Mostra altro